Grazia, l'ipotesi resta sul tavolo ma l'avvocato Coppi è cauto: "Tocca a Berlusconi decidere"

La palla passa il Cav che rimane cauto. Coppi: "Napolitano ha tracciato la strada". Intanto la sinistra lavora sull'incandidabilità. Stefano: "Non c'entra nulla con la grazia..."

Silvio Berlusconi valuta la prossima mossa da fare. Prima di tutto c'è bisogno di cautela. All'indomani della nota del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, si fa strada l'eventualità di un atto di clemenza da parte del Colle. La grazia, appunto. Ma perché questa venga concessa, c'è bisogno che prima venga chiesta. Ad oggi, però, nessuna richiesta è arrivata sul tavolo del Quirinale. "Il capo dello Stato ha voluto sdrammatizzare sul carcere - ha spiegato l'avvocato del Cavaliere, Franco Coppi, in una intervista al Corriere della Sera - ha indicato un percorso al termine del quale, eventualmente, si potr… ragionare sulla grazia". Tuttavia, almeno per il momento, non c'è nulla di concreto.

Le dichiarazioni, i retroscena e le voci di corridoio si inseguono in attesa che Berlusconi faccia la prossima mossa. "Accettare l’affidamento in prova ai servizi sociali o presentare la domanda di grazia - si spiega in ambienti molo vicini al Cav - significherebbe ammettere definitivamente la propria colpevolezza e l’accettazione definitiva della condanna". Non solo. Qualora arrivasse, la grazia non cancellerebbe la pena accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici. Quindi non ne varrebbe la pena e la dichiarazione del Colle sul punto, si afferma, "lascia dunque il tempo che trova". Eppure la possibilità che il Cavaliere chieda la grazia al capo dello Stato non è stata scartata. Anzi. Ne parla anche l'avvocato Piero Longo in una intervista rilasciata a Radio Capital. "Se venisse chiesta e data la grazia ci potrebbero essere delle novità perché questa può riguardare parzialmente la pena - ha chiarito - anche le pene accessorie". "Questo dipende dalla decisione del presidente della Repubblica - ha concluso l'avvocato del Cavaliere - bisognerà vedere che tipo di provvedimento di clemenza verrebbe eventualmente concesso". Anche Coppi ha convinto che Napolitano non intende assumere alcuna iniziativa se non davanti a una domanda ben precisa. Insomma, il capo dello Stato avrebbe tracciato il quadro complessivo di tutte le soluzioni sgombrando dal campo, in questo modo, l'eventualità che il Cavaliere sconti la pena in carcere. In una intervista al Messaggero, poi, lo stesso Coppi ribadisce che nessuna decisione è stata ancora presa sulla richiesta di grazia. "Alla fine comunque sarà Berlusconi a scegliere - ha concluso - certo è una possibilità che viene valutata".

Intanto la sinistra continua a lavorare per far fuori Berlusconi dalla politica. Il presidente della Giunta per le Immunità Dario Stefàno ci sta lavorando giorno e notte. "L’eventuale grazia che potrebbe concedere Napolitano non c’entra nulla ai fini dell'incandidabilità - ha spiegato l'esponente del Sel - la grazia interverrebbe sull’esecuzione della pena principale e non sugli effetti della condanna". Sulla stessa linea anche il piddì Luciano Violante, componente della Commissione per le Riforme istituzionali nominata dal premier Letta: "La decadenza e l’incandidabilità previste nella legge anticorruzione non sono pene, ma sono effetti della condanna, come l’iscrizione nel casellario giudiziario".

Commenti

milo del monte

Mer, 14/08/2013 - 14:13

La grazia vuol dire che Berluconi riconosce d'essere colpevole e poi come puo' essere concessa se ha processi in corso? e quando sara' condannato per Ruby, cosa fa?

ABU NAWAS

Mer, 14/08/2013 - 14:16

PERCHE’ MAI CHIEDERE LA GRAZIA ????????????????? BERLUSCONI DEVE ESIGERE L’ANNULLAMENTO DELLA SCIAGURATA SENTENZA DI UN MAGISTRATO IL CUI COMPORTAMENTO HA SUSCITATO SCONVOLGENTI INTERROGATIVI. SOLO COSI' POTRA’ ESSERE EVITATA LA CADUTA DEL GOVERNO, CON L'ESPLOSIONE DELLA DISOCCUPAZIONE, L'AUMENTO ESPONENZIALE DELLO SPREAD, LA FUGA DEGLI INVESTITORI STRANIERI, L'AUMENTO DELLA POVERTA,TENSIONI SOCIALI, ECC. ECC. L'ERARIO EVITEREBBE ANCHE L'INDENNIZZO MILIARDARIO CHE LA CORTE DI STRASBURGO CERTAMENTE RICONOSCERA' A BERLUSCONI PER I DANNI SUBITI. CHE IDDIO SALVI L'ITALIA DAI MAGISTRATI POLITICIZZATI!!!

gabriel maria

Mer, 14/08/2013 - 14:17

Se uno chiede la grazia significa che si ritiene colpevole.E' un grave errore!!Berlusconi deve andare ai servizi sociali,e continuare a considerarsi un perseguitato politico.SI guadagnerà il rispetto della gente...e poi a mio avviso si divertirà anche....

Ritratto di dvxfer66

dvxfer66

Mer, 14/08/2013 - 14:25

SILVIO, ci sono due opzioni:la prima teti spari un anno di servizi sociali(come Napoleone in esilio),fai candidare Marina e il PD non vince le elezioni per 20 anni,la seconda, tetu chiedi la grazia, te la danno(non in quel senso) e grillo va al 60 %

petrustorino

Mer, 14/08/2013 - 14:40

scommetto quello che volete,Berlusconi non chiederà mai la grazia....piuttosto andrà ingiustamente in galera....Lui ha le p...e ed è in grado di sopportare anche la galera... così tutti i sinistroidi saranno felici e contenti

opinione-critica

Mer, 14/08/2013 - 15:00

I forcaioli della sinistra, compresi quelli che scrivono su questo sito, sanno bene che Berlusconi è stato "INCASTRATO". Se chiede la grazia, implicitamente, ammette la colpa. In questo caso anche se "graziato" sarà per sempre additato come delinquente. Se non la chiede e subisce gli arresti domiciliari o l'assegnazione ai servizi sociali sarà additato come delinquente che cerca di "pagare" il meno possibile. In ogni caso perde e sarà additato come delinquente impresentabile sulla scena politica. Non sarebbe opportuno condurre la guerra fino in fondo? Se sarà arrestato i parlamentari possono fargli visita e potrebbe dettare la linea politica dal carcere. Anche se andrà in carcere sarà additato come delinquente così come se subisse o accettasse pene alternative. Per i forcaioli della sinistra non varrà il discorso ideologico della "pena come rieducazione": sarà sempre e comunque un delinquente populista e antidemocratico. Megli sarebbe rifare il processo utilizzando tutte le opzioni legali possibili, tipo ricorso al Tar o alla corte europea dei diritti dell'uomo, ammesso che si possa fare. Bisogna dare atto ai forcaioli antidemocratici e anti-italiani della sinistra che questa partita è stata da loro vinta; il loro argomento logico è: le sentenze si rispettano e si eseguono anche se sono inflitte da giudici di dubbia moralità e animati di malanimo nei confronti dell'imputato. Per loro (i sinistri) la fede religiosa, al confronto di una sentenza, è scienza critica al massimo livello. Questo basta a dimostrare quanto sono caduti in basso.

Publio Sestio Baculo

Mer, 14/08/2013 - 15:15

Un innocente NON chiede la grazia per una condanna vergognosa, ma si batte per affermare la propria dignità. Ricordatevi di Giovannino Guareschi che rifiutò di chiedere la grazia e proibì a familiari ed avvocati di chiederla in suo nome. Si fece arrestare e scontò fino all'ultimo giorno di quella condanna ingiusta, dimostrando che non è il carcere che può fermare un uomo corretto e ricco di dignità. Nelson Mandela ha scontato, senza piegarsi, un tempo assurdamente lungo in carcere, ed una volta uscito è stato accolto da trionfatore. Non voterei mai una persona che, dichiaratasi innocente, abbia abdicato dalla propria dignità chiedendo una grazia che comporterebbe l'accettazione della condanna e che implicherebbe l'ammissione della colpevolezza. Schiena dritta e dignità è quello che chiedo a chi chiede il mio voto.

Ritratto di Chichi

Chichi

Mer, 14/08/2013 - 15:24

Ma avete letto i capolavoro di ipocrisia e di ambiguità di Giorgio Napolitano sulla sorte del SENATORE Silvio Berlusconi e del partito che ha osato porsi, con la guida del SENATORE Silvio Berlusconi, come alternativa alla parte politica di Giorgio Napolitano. Ci deve essere qualche dannata anima bolscevica, che ha suggerito ai costituenti PCI tutti i trabocchetti e le ambiguità della costituzione italiana. Ed è chiaro che dal profondo dell’inferno questo bolscevico non cessa di assistere con la sua ispirazione Giorgio Napolitano, da quando i suoi compagni lo hanno eletto a Caro leader e Presidente Eterno. In questo sproloquio sussiegoso, la sua ispirazione ha toccato il massimo. Nemmeno il padre di ogni menzogna avrebbe potuto fare meglio. NOTARE: per Giorgio Napolitano, il SENATORE Silvio Berlusconi è già decaduto e gli ha già revocato anche il titolo di cavaliere de lavoro. Omaggio all’invocata concordia da ritrovare!!!

Ritratto di Chichi

Chichi

Mer, 14/08/2013 - 15:26

“LA PREOCCUPAZIONE FONDAMENTALE, COMUNE ALLA STRAGRANDE MAGGIORANZA DEGLI ITALIANI, È LO SVILUPPO DI UN'AZIONE DI GOVERNO CHE, CON L'ATTIVO E QUALIFICATO SOSTEGNO DEL PARLAMENTO, GUIDI IL PAESE SULLA VIA DI UN DECISO RILANCIO DELL'ECONOMIA E DELL'OCCUPAZIONE”... ------------------Testo decifrato: Mettetevi bene in testa, voi del cosiddetto pdl, che della fondamentale preoccupazione della stragrande maggioranza degli italiani, non me ne può importare di meno. Il mio governo deve andare avanti fino a quando nel mio partito, vinta la lotta senza esclusioni di colpi, non ci sarà il nuovo. State a cuccia e fatte gli utili idioti, altrimenti per Berlusconi e per voi il guai non sono nemmeno cominciati.

Ritratto di Chichi

Chichi

Mer, 14/08/2013 - 15:27

“ED ESSENZIALE È PROCEDERE CON DECISIONE LUNGO LA STRADA INTRAPRESA, ANCHE SUL TERRENO DELLE RIFORME ISTITUZIONALI E DELLA RAPIDA (NEI SUOI ASPETTI PIÙ URGENTI) REVISIONE DELLA LEGGE ELETTORALE.” -----------Fuori dal linguaggio biforcuto: La strada delle riforme istituzionali c’è: possiamo continuare a passeggiarci per secoli. Urgente è trasformare le legge elettorale, in modo che assicuri alla mia parte politica, quale detentrice del brevetto della democrazia, maggioranze bulgare.

Ritratto di Chichi

Chichi

Mer, 14/08/2013 - 15:46

“NON MI NASCONDO, NATURALMENTE, I RISCHI CHE POSSONO NASCERE DALLE TENSIONI POLITICHE INSORTE A SEGUITO DELLA SENTENZA DEFINITIVA DI CONDANNA PRONUNCIATA DALLA CORTE DI CASSAZIONE NEI CONFRONTI DI SILVIO BERLUSCONI. MI RIFERISCO, IN PARTICOLARE, ALLA TENDENZA AD AGITARE, IN CONTRAPPOSIZIONE A QUELLA SENTENZA, IPOTESI ARBITRARIE E IMPRATICABILI DI SCIOGLIMENTO DELLE CAMERE.”--------------A buon intenditor: Agitatevi pure, se volete; A votare andremo quando voglio io. Non prima, comunque che, si ripristinino le condizioni per una “gioiosa macchina da guerra”, senza quel rompi uova nel paniere di Berlusconi.

xgerico

Mer, 14/08/2013 - 16:09

Se poi chiede la grazia, non venite a scrivere che "è stato costretto".

Ritratto di Chichi

Chichi

Mer, 14/08/2013 - 16:10

“NÉ È ACCETTABILE CHE VENGANO VENTILATE FORME DI RITORSIONE AI DANNI DEL FUNZIONAMENTO DELLE ISTITUZIONI DEMOCRATICHE”.-------------Regaliamogli un paio di occhiali:? Sembra convinto che l’istituzione giustizia funzioni. Forse però ha ragione: quanto a ritorsioni, nei confronti del PRESIDENTE DEL CONSIGLI Silvio Berlusconi ne ha messe in atto moltissime, e con che abilità.

Ritratto di Chichi

Chichi

Mer, 14/08/2013 - 16:12

“TUTTE LE FORZE POLITICHE DOVREBBERO CONCORRERE ALLO SVILUPPO DI UNA COMPETIZIONE PER L'ALTERNANZA NELLA GUIDA DEL PAESE CHE SUPERI LE DISTORSIONI DA TEMPO RICONOSCIUTE DI UNO SCONTRO DISTRUTTIVO, E FACILITI QUELL'ASCOLTO RECIPROCO E QUELLE POSSIBILITÀ DI CONVERGENZA CHE L'INTERESSE GENERALE DEL PAESE RICHIEDE”.---------Decriptando: Giochiamo pure alle elezioni, lasciate vincere noi e in parlamento dite sì a tutto quello che facciamo. E l’Italia, come la Gallia di un tempo, sarà finalmente “pacata”. A distruggere ci penseremo noi.

unosolo

Mer, 14/08/2013 - 16:19

Se sono innocente o condannato ingiustamente solo per teoremi personali di alcuni giudici , per quale motivo devo chiedere la grazia ? Caso mai troverò la mia rivalsa in EUROPA , nei diritti dell'uomo , siamo in EUROPA voglio che tutti gli incartamenti che mi riguardano vadano esaminati da un organismo che mi ascolti. La grazia serve solo per salvare capra e cavoli , per non dare il RISARCIMENTO che sarebbe miliardario , visto della persona toccata. CAPITO la condanna ? che idea strana mi sono fatto.

Ritratto di bobirons

bobirons

Mer, 14/08/2013 - 17:05

Cavaliere non lo faccia, non dia ulteriore soddisfazione ai kompagni. Poveretti, un loro idolo di fatto anche se non di nome, una volta disse che aveva pazientato vent'anni e quindi basta. Ora sono tutti rispettosi delle leggi e sentenze, con buona pace di quelle che proibiscono assalti criminali ai lavoratori in val di Susa o nel Salento o del Muos. Lei ha certamente qualche scheletro nell'armadio, diciamo che é il meno peggio, ma per calmare questi falsi rivoluzionari e ricondurli alla vera osservanza delle leggi, ci vuole un piglio duro, tipo pugno in faccia. Solo così capiscono.

ilbarzo

Mer, 14/08/2013 - 17:18

A mio avviso Berlusconi farebbe un grave errere chiedere la grazia a Napolitano,poiche' ammetterebbe la sua colpevolezza.Berlusconi,se innocente come asserisce, deve invece chiedere l'annullamento della sentenza poiche' giudicato da un magistrato,sicuramente di parte e addirittura assai chiaccherato.

Ritratto di Biancofiore

Biancofiore

Mer, 14/08/2013 - 18:25

Silvio, sei colpevole? Allora chiedi la grazia. I tuoi fedelissimi saranno sempre con te. Tutti possiamo sbagliare. NON SEI COLPEVOLE? Allora vai avanti, sconta la pena, cerca di riavere solo la candidabilita', con te ci saranno non solo i tuoi FEDELISSIMI ma un'altra marea di gente, aumenterà la tua leadership a dismisura. FORZA SILVIO

Ritratto di mina2612

mina2612

Mer, 14/08/2013 - 18:28

NO, NO LA GRAZIA PROPRIO NO! Chiedere la grazia è sinonimo di ammissione di colpevolezza, quindi è un grave errore!

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Mer, 14/08/2013 - 18:42

Grazia ad personam.

Raffaele Augello

Mer, 14/08/2013 - 18:57

CICHI!!! Hai fatto il pieno di scempiaggini senza capo nè coda. Ma chi pensi di convincere, te stesso magari? Per quello non c'è bisogno che vieni a straparlare sulle pagine del Giornale! Cercati altre sponde, non venire a intrometterti in cose che non ti competono e sbavare in casa d'altri!!!

Raffaele Augello

Mer, 14/08/2013 - 19:05

Berlusconi non deve chiedere nessuna grazia a nessuno, perchè chi lo ha giudicato ha espresso un giudizio viziato nella forma e nella sostanza. Si è trattato di una trappola giudiziaria ben preparata e congegnata a fini politici, e quindi di una sentenza che va semplicemente annullata per mancanza di garanzia giuridica e assenza dei requisiti minimi di equità e correttezza giudiziaria.

Pluto 2012

Mer, 14/08/2013 - 19:14

Ma è concepibile una grazia concessa prima ancora che sia pubblicata la motivazione della sentenza che è stata emessa non dal solo presidente ma dall'intero colleggio di 5 giudici? Ma, a parte ciò, che influenza avrebbe la lottra all'evazione fiscale una grazia concessa per tale tipo di reato commesso da chi, per gli incarichi svolti e per il consenso ricevuto da milioni di elettori, dovrebbe essere di esempio?

odifrep

Mer, 14/08/2013 - 19:39

Niente chiedere, nulla rifiutare. Il Cavaliere, sa di non dover chiedere la grazia. Chi l'ha posto in quelle condizioni, si adopererà a tirarlo fuori. Tranquilli, sinistronzi di sinistrati.

Luigi Fassone

Mer, 14/08/2013 - 20:40

Io spero che lui,la GRAZIA,non la chieda. Ci perderà nell'immediato,ci guadagnerà,e molto,nel prossimo futuro. Basta che la salute fisica lo assista...

Gioa

Mer, 14/08/2013 - 22:30

COPPI FAI ANNULLARE LA SENTENZA AL cosiddetto giudice esposito...CHE LA SENTENZA SI SPOSTI SUL GIUDICE esposito....LA GRAZIA CI POTRA' ESSPERE SOLO SE esposito e tutto il PD e chi più ne ha più ne metta sono SANTI E INNOCENTI SU TUTTO!! PROVARE PER CREDERE se questi signorini sono INNOVENTI SU TUTTO!!. OBIETTIVO VERO!!

@ollel63

Mer, 14/08/2013 - 23:56

Lo sanno tutti, l'intero mondo sa che Berlusconi è innocente. Egli continuerà a combattere anche da solo: l'Italia è piena di pusillanimi che, pur di mantenere per sé un tozzo di pane e un sorso di vino, subiscono la persecuzione di politici-comunisti e giudici-brigatisti. BERLUSCONI E' INNOCENTE. NON HA DA CHIEDERE NESSUNA GRAZIA.

Ritratto di Situation

Situation

Gio, 15/08/2013 - 07:51

.......mi sembra che molti stiano perdendo la luce della ragione e mi spiego: la via per far giustizia sulla sentenza "estiva" della Cassazione è la Corte Suprema di Bruxelles stop finito e quella sarà la via che intraprenderanno i legali del Silvio; nel diritto internazionale non esiste il levantino "non poteva non sapere". Poi ecco dove sembrate aver perso il lume della ragione: come cavolo potete anche solo ipotizzare di credere nell'opzione di un aiuto di quello schifoso veterocomunista di Napolitano massacratore morale degli ungheresi al tempo dell'invasione della CCCP. Non lo farà mai, primo perché é un trinariciuto balordo di partito vestito a festa e secondo perché lo facesse disintegrerebbe il PD; potete anche lontanamente credere che lo farà? Sdrammatizziamo e ridiamoci su: se lo farà tutti diranno che il Silvio ha "comprato" anche lui.

Ritratto di aaronn

aaronn

Gio, 15/08/2013 - 08:57

Sulla vicenda "condanna del Pres.Berlusconi,io ho meditato abbastanza,forse troppo .Egli,stando così le cose non deve far nulla c: non chiedere alcuna grazia(verrebbe sfiduciata la sua statura. Andrei ai domiciliari(alzando i consensi dei cittadini).Attenderei il risultato della pena accessoria .Solo allora,se negativa, sarebbe il caso di chiedere la commutazione della pena in altra di carattere pecuniario. Ma giammai chiederei la "Grazia",sarebbe un avallare l'operato dela magistratura. Salvatore Casales

Ritratto di falso96

falso96

Gio, 15/08/2013 - 09:10

dvxfer66 : e tetu ciai ragione!

Ritratto di Marco_Aurelio

Marco_Aurelio

Gio, 15/08/2013 - 09:19

Ehhh ci vorrebbe Santa Maria delle Grazie???' In questo giorno di Auguri Ferragostani AUGURO A BERLUSCONI DI FINIRE IN GALERA insieme a tutti i suoi fiancheggiatori e complici vari!!!!....di cuore Silvio!!!

James Cook

Gio, 15/08/2013 - 10:25

Questi,anafabeti del computer che scrivono tutto in MAIUSCOLO pensano che scrivendo in codesto modo,vi leggano meglio? Io come tanti credo quando vedono questi post,passano oltre capito!! Alzare la voce è da cafoni.....Capito!!

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Gio, 15/08/2013 - 11:23

Basta. Se lui chiede la grazia è giusto che la chiedono migliaia di poveracci che sono in galera per molto meno rispetto a quanto fatto da Berlusconi. E allora????????

bruna.amorosi

Gio, 15/08/2013 - 11:25

NON VOGLIAMO LA GRAZIA vogliamo GIUSTIZIA con giudici non corrotti dalla politica è tanto difficile capirlo ? l'unico che può è NAPOLITANO che della costituzione ha fatto già carta straccia facendo e disfacendo a suo piacimento .L'EGITTO OGGI E' VICINO !!!

Ritratto di alejob

alejob

Gio, 15/08/2013 - 12:58

Berlusconi, SEI INNOCENTE ?. RIVOLGITI AL TRIBUNALE EUROPEO E CHIEDI DI ESSERE ASCOLTATO. Cerca di annientare, SE sei INNOCENTE, questa schifezza che si annida nei tribunali Italiani . Falli passare per incompetenti e buffoni come i loro vestiti di Armellino che indossano.

Giangi2

Gio, 15/08/2013 - 13:58

Se Berlusconi chiede la grazia e gli viene concessa, sarà visto come un colpevole che ammette la propria colpa, sarà ostaggio di Napolitano e della sinistra e non potrà fare le riforme che vorrebbe. Sarebbe visto comunque come un criminale dalla parte estrema della sinistra che benché conti in totale il 5% escludendo grillo che non ha una posizione definita, conta come se avesse il 50% grazie alla sinistra extraparlamentare che siede nei tribunali. Unica slternativa e' la corte europea, se vince li potrà fare politica senza condizionamenti e in più vincerebbe moralmente dimostrando che in Italia la magistratura va riformata pesantemente, semmai ce ne fosse bisogno di ulteriori dimostrazioni. Buon ferragosto a tutti.

Ritratto di bergat

bergat

Ven, 16/08/2013 - 13:49

La grazia Berlusconi la deve chiedere per magistratura democratica.

bruna.amorosi

Ven, 16/08/2013 - 17:20

LA GRAZIA CI VUOLE PER QUESTO STATO .