"Grazie a noi basta canili lager. Berlusconi? Adora gli animali"

L'ex ministro del Turismo, Michela Vittoria Brambilla, da sempre in prima fila per cani e gatti: "Su tutte queste questioni i nostri governi hanno fatto moltissimo"

Michela Vittoria Brambilla, ex ministro del Turismo e da sempre in prima fila nelle battaglie animaliste, è stata colta di sorpresa dalla svolta di Silvio Berlusconi?
«Mi ha fatto immenso piacere, ma non è una novità. Il presidente Berlusconi è animalista da sempre. Quando portai in Consiglio dei ministri il tema dei diritti degli animali e dei loro proprietari, il mio alleato è sempre stato lui. Su questi temi i nostri governi hanno fatto moltissimo».

Per esempio?
«Proprio ieri è entrata in vigore la legge che vieta l'allevamento sul territorio nazionale l'allevamento di cani, gatti e primati destinati alla vivisezione e impone vincoli ben precisi alla sperimentazione sugli animali. Una norma scritta da me dopo i blitz ai canili bresciani di Green Hill. L'altro giorno abbiamo fatto una bellissima marcia a Lecco con i 300 beagle adottati da altrettante famiglie. “Mai più Green Hill” era uno slogan che finalmente è diventato legge».

Qualcuno ha già scritto che la linea del partito la detta Dudù, il barboncino di Francesca Pascale...
«L'avrà detto qualcuno che non ha idea di che cosa vuol dire tenere in casa un animale, l'affetto, le attenzioni, ma anche le difficoltà e le esigenze che tutto ciò comporta. Lo sa quante persone si privano di qualcosa per non far mancare il cibo alle proprie bestie? O quanto costano le visite e i farmaci veterinari?».

Lei lo sa bene: vive con 16 cani, 40 gatti, 3 cavalli, un minipony, 2 asini, 2 daini, 7 capre, 3 galline e circa 250 piccioni.
«Chi parla dei diritti e del benessere degli animali si occupa degli interessi reali della gente, che sono diversi da quelli dei palazzi autoreferenziali del potere. Non ha idea di quanti amministratori locali mi chiamarono per ringraziarmi quando portai alla ribalta questi problemi. Pensavano fossero questioni di serie C e finalmente avevano trovato il coraggio di occuparsene. È a questo Paese reale che noi dobbiamo dare riscontro».

Su Twitter si è scatenata l'ironia di molti.
«Ma Facebook, che è il social network di riferimento, per tutto il mondo animalista, ha dimostrato un grandissimo interesse: la mia pagina ha oltre 214mila seguaci, quella di Berlusconi è stata inondata di messaggi e complimenti. Quello degli animali e dei loro proprietari è un tema trasversale, non ideologico e molto sentito. Secondo l'Eurispes oltre l'82 per cento degli italiani è contrario alla vivisezione».

Quindi adesso la consegna è adottare i 150mila cani abbandonati nei canili?
«È una campagna di civiltà. Noi vogliamo essere vicini alle istanze e alle necessità dei milioni di italiani che vivono con un amico a quattro zampe e lo considerano un membro della loro famiglia. L'impegno di Forza Italia è più vasto. Nell'ambito del Dipartimento per il sociale e la solidarietà a me affidato, accanto alle attività a sostegno dei soggetti deboli più colpiti dalla crisi, è stata istituita la Divisione “Amici animali”».

Di quali iniziative intendete occuparvi?
«In primo luogo, sviluppare una legislazione adeguata. Ho già presentato, come primo firmatario, 45 proposte di legge e ci impegneremo a una revisione complessiva di tutto l'ordinamento che purtroppo considera ancora gli animali al pari di oggetti. C'è poi l'attività sul territorio a sostegno dei proprietari di animali, in sinergia con i club Forza Silvio».

Insomma, la svolta animalista non è una trovata da campagna elettorale.
«Tutt'altro. Avevo 13 anni quando ho fondato la sezione della Lega antivivisezionista nel mio paese. Da allora sono cambiate tante cose, per fortuna, ma Forza Italia ne sta facendo un tema di lavoro concreto. Il presidente Berlusconi da sempre è attento ai temi che interessano alle persone. E poi, mi pare che siano altri a portare i quattro zampe in campagna elettorale. Dopo Berlusconi, abbiamo visto Bersani con un labrador e addirittura Monti con un cagnolino bianco... Ma per un vero animalista chiunque porti l'attenzione sui nostri piccoli amici è il benvenuto».

Commenti

Pelican 49

Lun, 31/03/2014 - 09:59

Ma non c'è un bravo neurologo che si voglia prendere cura della Brambilla? Pensare che una volta il cognome Brambilla era associato a duri e gran lavoratori brianzoli che aprivano fabbriche e fabbrichette! E oggi invece, mentre sta per esplodere il Vesuvio, parlimamo di cani, gatti, galline... ma nadate a c..are.

Aristofane etneo

Lun, 31/03/2014 - 10:11

"L'altro giorno abbiamo fatto una bellissima marcia a Lecco con i 300 beagle adottati da altrettante famiglie". adesso si faccia un giro negli lager di certi ospizi nazionali, raccolga 300 vecchietti abbandonati dai propri figli e li faccia adottare. E come la mettiamo con i lombrichi che vengono infilzati vivi dai pescatori e immersi per far da esca ad altrettanto sfortunati animali destinati a finire in padella?

scipione

Lun, 31/03/2014 - 10:22

Brava Michela Vittoria,una iniziativa di grande civilta' che gli italiani apprezzeranno.

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Lun, 31/03/2014 - 11:19

Con ironia, ma ... non troppa : ... ai gatti non ci pensa nessuno?

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Lun, 31/03/2014 - 11:45

Chiunque sia stato in un canile non può che dare ragione a Michela Vittoria Brambilla, che ha una tale sensibilità verso le creature indifese da aver "contagiato" anche il CAV. Nel Suo storico intervento di Sabato, SILVIO ha dimostrato un tale affetto verso gli animali da compagnia - che sono spesso l'unico conforto per gli anziani - da far pensare che i dieci milioni di "amici dei nostri amici" ne tengano conto e premino chi, per autentico affetto (commovente la Sua citazione di madre Teresa di Calcutta, cui è spiritualmente vicino), riserva nel Suo grande cuore un posto speciale per loro.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 31/03/2014 - 11:48

Berlusconi, ancora una volta, ha fatto centro sui problemi , oserei dire esistenziali, che affliggono gli Italiani.

migrante

Lun, 31/03/2014 - 11:51

egregio etneo, lasci perdere la demagogia da strapazzo...forse che la Brambilla ha sostenuto che i vecchietti vadan buttati nel cesso ?...impariamo a rispettare gli animali che magari poi arriveremo pure a rispettare i nostri simili non solo per "timore" od interesse !!!

feltre

Lun, 31/03/2014 - 12:57

la brambilla è sicuramente animalista ma il resto della ciurma quando era al governo ha aiutato i cacciatori ad ammazzare più animali di sempre

Pinozzo

Lun, 31/03/2014 - 13:54

"Diffidare di chi si preoccupa troppo degli animali e troppo poco degli esseri umani, sono solo dei dittatori in potenza." A.H De Hernanes

Aristofane etneo

Lun, 31/03/2014 - 15:54

"migrante - Lun, 31/03/2014 - 11:51"non intendo strapazzare nessuno con la mia riflessione espressa non in forma demagogica ma ironica o se si vuole satirica e SOLO contro l'uso retorico di un problema creato dall'animale umano contro gli altri animali. La invito a guardare su Youtube: uccello da da mangiare a cane" e capirà perché la "polenta e osei" evito di mangiarla: guardi sempre su you tube "cani e ristoranti cinesi" e capirà perché non mangio carne nei ristoranti cinesi. P.s.: i Cinesi, a loro volta, ne avrebbero da raccontare sui gusti di noi Europei. Fa bene, a mio parere, la Brambilla a cercar voti con il suo amore viscerale per cani, pony ecc. ma 16 cani, 40 gatti ...

luigi civelli

Lun, 31/03/2014 - 20:28

Mi permetto di insistere,ma la svolta animalista di Berlusconi non è in contraddizione con la sua decisione di candidare alle Europee il presidente dell'Associazione Cacciatori Veneti,tal Sergio Berlato?