Grillino alza il gomito e vede le stelle

In vino veritas. Anche quando dire la verità può far fare una figura poco edificante a chi riveste un incarico pubblico e quindi dovrebbe essere il primo a rispettare le regole. Il capogruppo M5S del Comune di Ravenna, Pietro Vandini, qualche tempo fa è stato fermato dalle forze dell'ordine per un controllo con l'alcoltest. Erano le 4 del mattino e il grillino era appena tornato dalla festa di compleanno di un amico a Marina di Ravenna ed il suo tasso alcolemico è risultato superiore a quello consentito. A spargere la notizia è stato lui stesso, poche ore dopo su Facebook. Ha infatti scritto: «Stanotte mi hanno ritirato la patente. Avevo il tasso alcolico a 0,58 (o a 0,62, non ricordo, ero troppo arrabbiato)». Arrabbiato? E perché? Forse perché la legge è uguale per tutti e dopo aver bevuto non si guida? Veramente un bell'esempio.