Grillo la butta in farsa. Accusa i pensionati e si prende il Maalox

Si sfoga sul blog: "Troppi vecchi, sono contro il cambiamento". E al Senato il gruppo M5S si spacca

Un lungo silenzio, poi un post per ringraziare «i 5.804.810 elettori dei Cinque Stelle», come si fa quando si perde (e dedica loro la poesia If del massone Kipling, lui che vede trame massoniche ovunque). Quindi una citazione dell'amico De Andrè («Verremo ancora alle vostre porte e grideremo ancora più forte»), prima di dare una prima immagine alla sconfitta: Grillo che esce di casa, mesto, mimando una pugnalata al cuore. Ci si aspettava un messaggio duro, rabbioso, addirittura l'annuncio di un passo indietro (come peraltro promesso da Grillo in caso di sconfitta) dopo tutte le energie messe nella campagna elettorale, ripagato poi da un calo consistente di voti. Invece no, Grillo sfodera il suo genio comico, sdrammatizza la mazzata con una gag, cerca di infondere fiducia al suo popolo, che invece su internet si sfoga amaramente. Grillo invece, dopo aver attaccato e sfottuto tutti gli avversari nel suo tour, presta il fianco a chi sfotte lui: «Adesso ci state prendendo in giro. Vi capisco. Mettete proprio il coltello nella piaga. Abbiamo perso. Non è una sconfitta, siamo andati oltre la sconfitta. Prima era “VinciamoNoi”, ora “VinciamoPoi”. Abbiamo il tempo dalla nostra, è ancora presto».

Ma la colpa di chi è? Qui Grillo torna il leader che non contempla l'autocritica, e nella clip registrata a Milano, nella sede della Casaleggio Associati, trova una nuova categoria responsabile del flop del M5S, totalmente imprevisto. «Quest'Italia è formata da generazioni di pensionati che forse non hanno voglia di cambiare, di pensare un po' ai loro nipoti, ai loro figli, ma preferiscono stare così. Abbiamo preso il 21-22%, senza avere voti in nero e siamo lì senza aver promesso niente a nessuno, né dentiere né 80 euro (Grillo però ha promesso il reddito di cittadinanza per tutti, ndr). Io sarei anche ottimista, quindi: non scoraggiatevi. Vedo messaggi: “Cosa facciamo? andiamo avanti?”, certo che andiamo avanti». Intanto però la sconfitta approfondisce le crepe del movimento, e già al Senato gli ex M5S annunciano la nascita di un gruppo autonomo, «Democrazia Attiva», di cui faranno parte 12 senatori sui 14 che hanno lasciato il gruppo, tra cui i senatori Orellana e Campanella, papabili capigruppo.

L'Italia insomma non è ancora pronta per la rivoluzione M5S, dice Grillo, che subito dopo infila la gag del Maalox, le pastiglie per l'acidità di stomaco che alla vigilia aveva consigliato al Pd, sicuro di batterli. Invece è lui che deve alleviare il mal di pancia, e lo fa nel video, inghiottendo una pillolina: «Ora Casaleggio è in analisi per capire perché si è messo il cappellino e poi tutti insieme vedremo che cosa fare. State tranquilli, dai, vin... vinciam... Vincono loro. Vincono loro, ma è meraviglioso lo stesso. Intanto io mi prendo un maalox, non si sa mai. Casaa! Casaleggio! C'è il maalox anche per te, vieni qua». Ce ne vogliono tante di pasticche per gli elettori M5S, che sul blog sfogano la rabbia. La linea dei non molti parlamentari che si espongono è quella dettata dal leader: non abbattiamoci, vinceremo la prossima volta. Altri, come il senatore Giarrusso, sentono invece puzza di brogli: «Ci sono dei dati strani che non corrispondono - dice ad Affaritaliani.it - Secondo me si sono mossi apparati clientelari forti. Questa volta il voto di scambio è stato davvero fortissimo». Anche nel voto amministrativo si conferma la marcia indietro del M5S. Grillo sperava in un successo in Piemonte e Abruzzo, ma nel primo caso viene più che doppiato dal Pd, mentre in Abruzzo è terzo a dieci punti dal centrodestra. Peggio ancora nei il confronto città per città. A Parma, primo comune grillino col sindaco Pizzarotti, il M5S al voto europeo non va oltre il 19% (contro il 52% del Pd). Arretramenti un po' ovunque, debacle in Sicilia un tempo feudo, mentre regge in Sardegna.

Commenti

Romolo48

Mar, 27/05/2014 - 08:53

Se si voleva la conferma, eccola … di "andare a casa (come promesso) non se ne parla"; quindi, caro Beppe, sei come tanti altri "un ciarlatano" tutto chiacchiere niente fatti.

Ritratto di manasse

manasse

Mar, 27/05/2014 - 09:03

meno male che il popolo è più intelligente di quanto credono i politici o pseudo tali come l'imbonitore genovese che oltre il fumo non sa andare è vero che i giovani sono portati di più verso i fracassoni rivoluzionari ma dopo con un po di esame dei fatti e dei detti chi crede ancora nelle promesse di un mondo di utopia sono solo i plagiati di sinistra che il cervello che usano solo a comando

Ritratto di Stangetz

Stangetz

Mar, 27/05/2014 - 09:11

Quanti voti avrà perso Grillo con la cazzata sul comunismo buono e su Berlinguer brava persona (nonchè sostenitore dei peggiori criminali della storia)? Un colpo di coda davvero notevole! bravo pirla!!

Ritratto di Stangetz

Stangetz

Mar, 27/05/2014 - 09:18

Meno male che questi sono il nuovo che avanza!!! RO-DO-TA' !!! BER-LIN-GUER !!! GEN-GIS-KHAN !!! Cercatevi un cervello su Ebay!

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Mar, 27/05/2014 - 09:51

Anziché il Maalox avrebbe dovuto prendere l'unguento "Preparazione H", faceva più effetto!

buri

Mar, 27/05/2014 - 09:52

il comocp crede do fare amcora ridere? bwh sarenne ora che si sveglasse, comunqie sbaglia di grosso, i pensionati pensano ai propri figli e nipoti, proprio per questo non lp vptano

Ritratto di scoglionato

scoglionato

Mar, 27/05/2014 - 10:01

Grillo farneticante,sono un pensionato che a Te NON SERVE. Stai facendo la stessa fine di delirio di onnipotenza fatta da Berlusconi. Il mio voto l'avevi avuto,ora scordatelo ed aspetta l'estate per andare ba cantare sugli alberi. Ah| se ti dovessi dimettere,cosa che non farai,NON verrò a piangere sulla tua tomba.

Ritratto di stufo

stufo

Mar, 27/05/2014 - 10:06

Anagraficamente anche lui è ANZIANO (si rassegni), età pensionabile ad un soffio per i comuni mortali. Per il suo (e nostro) bene, si metta da parte.

biricc

Mar, 27/05/2014 - 11:27

a parte il reddito di cittadinanza che era irrealizzabile, l'idea delle pensioni con un tetto massimo di 5000 euro lordi, l'abolizione del finanziamento pubblico ai giornali e ai partiti (da subito), la chiusura del cantiere expo , via i pregiudicati dal parlamento, ridiscutere il patto di stabilità UE, non risarcire la BCE dei soldi rubati agli italiani con tassi da usurai, via il Senato e le province, dimezzamento degli stipendi ai politici. Non mi sembrava male ma gli italiani hanno preferito vendersi per 80 euro fregandosene altamente del futuro dei giovani e dei disoccupati. Lo dico da imprenditore.

Ritratto di manasse

manasse

Mar, 27/05/2014 - 13:54

per bricc il fatto è che per cambiare bisogna andare nella stanza dei bottoni cosa che il comico ha sempre rifiutato preferendo vendere fumo(inquinante)perchè le cose predicate dal comico la gente con un po di cervello le dice da tempo e però se per viltà o per non avere l'appoggio dei maggiorenti di qualsiasi partito non si va da nessuna parte e la disgrazia più grande dell'Italia è che tutti si riempiono la bocca di CAMBIAMENTO ma quando si va al dunque salvano il culo alla faccia del bene dell'Italia e degli italiani

Carmine Pirozzi

Mar, 27/05/2014 - 14:57

Ma questo Beppe Grillo ha proprio una gran faccia da culo! Invece di ammettere e pentirsi di una sua cattiva propaganda elettorale, volgare ed aggressiva, adesso si (tenta) giustifica dando la colpa agli elettori che non vogliono cambiare e quindi sarebbero un ammasso di inutili pensionati! Perdonatemi, ma proprio come fa spesso lui: Beppe Grillo, mavaffanculo!!!