Grillo il misterioso fa sospirare Vespa

«Non è detto che Grillo vada a Porta a Porta» aveva sparato ieri Roberta Lombardi a Radio 2, calmando molti bollori sulla voce della partecipazione di Beppe al talk show. La notizia era ghiotta. Beppe avrebbe infranto tre tabù in un colpo solo: in tivù, nel talk show, da quel Vespa che era tra i più vituperati nei comizi. Evidentemente la Lombardi (il primo capogruppo grillino) è l'alfiere della nuova strategia comunicativa grillina: il mordi e fuggi, il tira e molla, il chiagni e fotti. Prima il piano prevedeva da un lato lo schifare in modo generale qualsiasi partecipazione televisiva e dall'altro l'essere poi inspiegabilmente presenti come il prezzemolo in ogni anfratto del piccolo schermo. Ora c'è in più una parvenza di collaborazionismo che poi sfocia in bidone. Ma siccome per i grillini l'occasione della comparsata tv era ghiotta, ecco a stretto giro di posta la smentita: «Grillo a Porta a Porta ci andrà». La figuraccia, per ora, l'ha fatta solo la Lombardi.