Rondolino: "I democratici? Sono divisi tra berlusconiani e alfaniani"

Intervista a Fabrizio Rondolino, ex spin doctor di D'Alema ora vicino al sindaco: "Ricorda il primo Cav, è innovativo. I dinosauri del suo partito sono finiti"

Roma - «Il Pd un partito diviso tra alfaniani e berlusconiani». Ci spiazza così Fabrizio Rondolino, già nella direzione nazionale della Fgci e spin doctor di Massimo D'Alema. Uno che la liturgia comunista e postcomunista la conosce a memoria.

Rondolino, che intende?
«Renzi incarna il primo berlusconismo, che fu antideologico. Il Cav voleva un partito italiano del fare, del rinnovamento».

E Alfano che c'entra?
«Alfano pensava di stare al governo e di raggiungere la stabilizzazione moderata tagliando le ali. Un progetto trasformistico già fallito».

Ne è sicuro?
«Il governo Letta è il più minoritario della storia repubblicana. Ci sono tre poli: e di fatto sono tutti all'opposizione».

Quindi anche il Pd di Renzi?
«Ma sì. Renzi sta a Letta come la scapigliatura sta alla lentezza. Fare contro dire di fare».

Napolitano da che parte sta?
«Re Giorgio è renziano. La sua preoccupazione non è tenere a tutti i costi in vita il governo ma fare le riforme e dimettersi. Non vuol essere ricordato come il presidente della palude».

E Renzi che garanzie gli dà?
«Certo più di Letta».

Ma il Pd di Renzi sarà ancora un partito di sinistra?
«Direi piuttosto: sarà ancora un partito?».

Addirittura...
«Nel Pd lo sport preferito non è andare insieme verso la vittoria ma azzoppare il generale».

Veltroni, poi Bersani. Toccherà anche a Matteo?
«Renzi ha capito la lezione e farà il segretario di partito».

I suoi predecessori non l'hanno fatto?
«Ma no, erano vittime del compromesso permanente, di una cogestione per cui chi vince non vince del tutto e chi perde non perde del tutto. Il suicidio perfetto della leadership».

Renzi deve fare il dittatore?
«Deve fare il maleducato, per dirla alla Cuperlo. La maggioranza governa il partito. E basta. Deve essere il Craxi del Pd».

Ahi.
«Ma sì, Craxi trasformò il Psi da comunità terapeutica di sinistra in partito veloce e deciso».

Matteo ce la può fare?
«Boh. L'opposizione interna nella vita parlamentare ha migliaia di occasioni per impallinarlo. Ma Renzi ha dalla sua l'opinione pubblica. Come Berlusconi».

Craxi, Berlusconi. Lei scherza con i tabù della sinistra.
«Il Cav due o tre idee sul futuro dell'Italia ancora ce l'ha».

Torniamo al Pd. Quante anime ci sono al momento?
«Tante. Ma sintetizzando direi gli intransigenti alla Cuperlo che danno del dittatore a Renzi; e i realisti alla Fassina, che dicono: ha vinto, quindi ha ragione pure se ha torto».

I più pericolosi per Matteo?
«Ci fosse Veltroni direi i secondi. Ma Renzi non concederà nulla né agli uni né agli altri».

Siberia?
«Ma no. L'ala sinistra deve scegliere: o escono e diventano marginali. O restano consapevoli che il partito ha preso definitivamente un'altra strada. La comunista è una delle due culture Pd ormai sconfitte».

E l'altra?
«Ovvio, la Dc di Letta. Che a Renzi replica con riunioni, documenti, convegni. Melassa, salamelecchi da vecchia politica».

E i dinosauri del partito?
«Per loro è finito tutto con le primarie. Devono fare come Clinton. Che è stato presidente degli Usa, quindi del mondo, e doponon ha più rotto i coglioni».

D'Alema, Bindi, Finocchiaro, Marini addio?
«Due interviste l'anno per dire cose di buon senso. E stop».

E poi chi contrasterà Renzi?
«Se lui sarà bravo pagherà due o tre persone intelligenti che faranno da no-men. Così si vaccinerà dal delirio di onnipotenza. E poi sa che le dico?».

Prego...
«Che quel tratto di arroganza giovanile di Renzi a me non dispiace. Non dispiace affatto».

Commenti

Beaufou

Gio, 23/01/2014 - 09:50

Fabrizio Rondolino sa il fatto suo e conosce i suoi polli. Ma non è sicuro neanche lui che Renzi possa farcela: "Boh. L'opposizione interna nella vita parlamentare ha migliaia di occasioni per impallinarlo...". Anche chi non stravede per Renzi, comunque, dovrà convenire che se qualcosa può cambiare, passa per Renzi. Altrimenti ci aspettano ancora lunghi anni di palude.

Lino.Lo.Giacco

Gio, 23/01/2014 - 10:29

pero' ha ragione Renzi deve fare anche il "maleducato" non puo' tollerare bindi dalema marini che da anni rompono i coglioni, lo avete detto voi facciano i sostenitori o vadano fuori dalle palle magari rinunciando alla lauta pensione e non solo

Cinghiale

Gio, 23/01/2014 - 10:53

AH però! La situazione s'ingrossa.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Gio, 23/01/2014 - 11:56

Che il PD sia diviso tra berlusconiani ed alfaniani è una battuta da Longanesi, complimenti a Rondolino. Il resto è una comica. Fanfani che realizza il suo sogno: guidare il PCI. Modestamente l'avevo previsto: quando un pisano incontra un fiorentino il pisano è un uomo morto.

carlo5

Gio, 23/01/2014 - 12:00

Grande Rondolino, sempre lucido e avanti nei tempi. Questa volta, credo, che a sinistra sia nato veramente il PD, quella sinistra all'americana a cui Veltroni si voleva ispirare ma che non riusci' a realizzare. Agli ex comunisti, non restera' che andare a rivedersi in cineteca e, ai giovani turchi, nome abrobrioso, non restera', sono giovani, che modificarsi, uscire dal PD sarebbe la loro fine perche' li ascurerebbe il quorum dell'elettorato e la storia prima che Renzi. Quindi a sinistra, "la sinistra", dopo venticinque anni la vedo quasi fatta. E' a destra che ancora non ci siamo, i frammenti destrosi dispersi in partitelli e quindi voti, ancora stentano a forgiarsi in un grande partito di destra come ad esempio il Partito Repubblicano americano. Ecco, se anche a destra si arrivasse a questo, in Italia avremmo finalmente raggiunto la piena, vera e responsabile governabilita' dell'alternanza per volonta' popolare. Fine dei ricatti dei piccoli partiti, delle liturgie e della falsa democrazia delle ammucchiate e degli abbracci mortali.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 23/01/2014 - 13:10

In pratica il dubbio è stare con un traditore od un pregiudicato. Le persone sane non starebbero con entrambi.

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Gio, 23/01/2014 - 14:00

gzorzi Vs. tre milioni di cittadini che hanno votato alle primarie che tu ci spieghi, fino a romperci i coglioni, essere un'esempio di democrazia..quindi o sei tu il traditore uo sei un bugiardo come tutti i kommmmunisti alla Kuperlo!!

Ritratto di Jaspar44

Jaspar44

Gio, 23/01/2014 - 14:09

Il PD diviso tra Berlusconi e Alfano? Ed in fondo al corridoio della sede del PD si sente Renzi che grida: " Aho!Ma che vi siete scordati di me?"