I giudici licenziano Cota e lanciano Chiamparino

Il Tar annulla il voto del 2010, furibondo il governatore: "Paese di matti, sconfessato chi mi ha scelto". Intanto le toghe archiviano l'ex sindaco pd di Torino: sono pronto a correre

Un verdetto surreale decapita la politica piemontese. Il Tar, al termine di un procedimento estenuante, annulla le elezioni del 2010 e manda a casa il governatore Roberto Cota, la giunta, tutti i consiglieri. È una sentenza choc quella che si abbatte su una regione guidata da una maggioranza di centrodestra e a trazione leghista. Mercedes Bresso, l'ex presidente autrice del ricorso che alla fine ha terremotato il Palazzo, canta vittoria: «Seppure in ritardo, è stata fatta giustizia». Furibondo invece, ai microfoni di Sky, Cota: «È una vergogna. Siamo in un Paese di matti. Il Tar del Piemonte annulla nel 2014, quattro anni dopo, le elezioni del 2010. È incredibile, così si sconfessano i cittadini piemontesi che mi hanno scelto».

Non importa. Se il Consiglio di Stato non capovolgerà nelle prossime settimane la decisione dei colleghi di primo grado, il Piemonte tornerà alle urne. Forse a maggio, in coincidenza con le Europee. Attenzione: l'edificio costruito da Cota crolla non per brogli nelle urne, che nessuno ha mai ipotizzato, ma per irregolarità nella presentazione delle liste. In particolare il tallone d'Achille del governatore leghista è la lista collegata di Michele Giovine «Pensionati per Cota». Giovine nelle scorse settimane è stato condannato in via definitiva dalla cassazione a 2 anni e 8 mesi, ora il Tar stabilisce il ritorno ai seggi.

Una mossa che si sposa perfettamente con un altro colpo di scena firmato della magistratura piemontese: altri giudici chiudono proprio nelle stesse ore l'inchiesta sulla movida ai Murazzi e archiviano a razzo la posizione dell'ex sindaco di Torino Sergio Chiamparino, indagato per abuso d'ufficio. Così, con un tempismo da orologio svizzero, Chiamparino, appena smacchiato, può avanzare la propria candidatura per l'imminente competizione. «Se nei prossimi mesi si andrà al voto anticipato per la Regione Piemonte - spiega con un linguaggio un po' involuto il presidente della Compagnia di San Paolo - vi sarà la mia disponibilità ad un'eventuale candidatura alla presidenza della medesima che, naturalmente, non dipenderà solo da me».

Insomma, il frontman della sinistra scalda i motori e il Pd ha fretta di chiudere quel che considera la parentesi leghista e non vede l'ora di riprendere almeno una delle tre regioni chiave del Nord, la parte più avanzata e vitale del Paese, tutte oggi con un presidente del Carroccio. La Lombardia di Roberto Maroni, il Veneto di Luca Zaia e appunto il Piemonte, conquistato a sorpresa e di strettissima misura da Roberto Cota. Dunque, Chiamparino, liberato a tempo record dal fardello giudiziario, è già in pole position e nel balletto perfettamente sincronizzato delle dichiarazioni Mercedes Bresso si smarca. Anzi, fa un passo indietro: «Al momento festeggio. Faccio parte di un partito, il Pd, e vedremo cosa fare insieme. Personalmente preferirei candidarmi alle elezioni europee».

Insomma, siamo all'anno zero. E ora tutti guardano a Roma e al Consiglio di Stato: ratificherà il ribaltone del Tar o darà il via a un controribaltone? I prossimi 45 giorni saranno decisivi: poi sarà corsa alle urne, probabilmente abbinate al treno delle europee, o Cota, pur ammaccato, tornerà in sella. Magari con il passepartout della cosiddetta sospensiva della sentenza del Tar. Per ora il governatore incassa la solidarietà di tutti i leader del centrodestra. Non ci sono dichiarazioni ufficiali, ma da Roma filtra la rabbia del Cavaliere che vede in questa vicenda l'ennesima prova di forza del partito dei giudici; sulla stessa lunghezza d'onda Angelino Alfano, pure preso in contropiede dall'accelerazione del Tar. Esplicito invece il neosegretario del Carroccio. «È chiaro - dichiara Matteo Salvini a Baobab su Radio1 -che c'è un attacco alla democrazia e alla Lega». Poi lancia una sorta di profezia, a tinte fosche: «Da qui a maggio arresteranno altri leghisti, indagheranno altri sindaci e manderanno altre ispezioni fiscali: ci siamo abituati ma è uno schifo». Salvini propone per oggi pomeriggio una fiaccolata: «Tutti a Torino. Giudici, comunisti e giornalisti giù le mani dalla Lega e dal Piemonte».

Il riferimento è anche all'inchiesta sulle spese fuori controllo dei consiglieri regionali: anche Cota è indagato e la storia delle mutande verdi acquistate negli Usa è diventata un tormentone. Lui ribatte che il rimborso con i soldi del contribuente è stato chiesto per errore, l'opposizione parla di un degrado mortificante per le istituzioni. Per Cota si profila il processo, Chiamparino invece esce immacolato dal percorso giudiziario. E il coordinatore di Fratelli d'Italia Guido Crosetto ricapitola i fatti distillando ironia: «Ieri Renzi dà l'ok a Chiamparino. Oggi il Tar annulla le elezioni in Piemonte e il tribunale archivia la posizione dell'ex sindaco all'interno del caso Murazzi. Unico fra 33 indagati. Nemmeno Daw Brown avrebbe potuto scriverla così bene». E invece la dirompente sceneggiatura è nata nelle stanze del Tar.

Commenti
Ritratto di Vendetta

Vendetta

Sab, 11/01/2014 - 08:45

Al di la' di quello che succede voi prendete sempre le difese di chi vi fa piu comodo. Io vivo in una regione governata dalla lega e il malcontento e sotto gli occhi di tutti anche di certi leghisti. Mi ricordo bene tanti anni fa come era partito questo movimento e dire che e tutto un complotto mi fa ridere. Di ruberie la lega ne ha collezionate parecchie e non governa ma sopravvive.

pinuzzo48

Sab, 11/01/2014 - 08:56

i piemontesi dovebbero valutare la cosa con serenita e non come tifosi se andranno alle'elezioni , dopo 4 anni la sentenza cè da pensare

LAMBRO

Sab, 11/01/2014 - 09:05

TORINO E IL PIEMONTE AVVIATI AD UN PRECIPITOSO DECLINO RICEVONO IL COLPO DI GRAZIA DALLA SOLITA MAGISTRATURA ROSSA CHE , MANCO A DIRLO, HA SANTIFICATO CHIAMPARINO PER LA PORCHERIA DEI MURAZZI. NESSUNO FA CENNO AI PENDENTI RICORSI PER I BROGLI DELLA SINISTRA NEL 2010 ..... SARANNO GIA' AL MACERO? EPPURE SONO STATI PRESENTATI CONTEMPORANEAMENTE A QUELLO DELLA BRESSO?

LAMBRO

Sab, 11/01/2014 - 09:09

CHE SANTIFICASSERO CHIAMPARINO, NONOSTANTE I 6 MILIARDI DI DEBITO LASCIATI IN EREDITA' AI TORINESI, ERA SCRITTO DA SEMPRE....!! IO HO SEMPRE SCRITTO CHE ""LO AVREBBERO SANTIFICATO"" ...... ECCOLO!!

Klotz1960

Sab, 11/01/2014 - 09:25

E'inammissibile, folle ed eversivo che il TAR annulli elezioni 4 anni dopo, chiunque le abbia vinte o perse. Se avessimo una sinistra onesta, si associerebbe allo scandalo.

LAMBRO

Sab, 11/01/2014 - 09:26

TEMO CHE I PIEMONTESI SIANO RASSEGNATI ALLA DISFATTA E CHE I RADICAL SHICH ELEGGERANNO CHIAMPARINO DIMENTICHI DELLA DISASTROSA EREDITA' E DELLA PROVOCATA FUGA DELLE INDUSTRIE.... PER CONSOLARSI ANDRANNO A FARE UN GIRO IN METRO'.

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Sab, 11/01/2014 - 09:34

Stefano Zurlo, pensavo che tu fossi uno dei pochi giornalisti seri di questa testata. Che significa I GIUDICI LICENZIANO COTA? La vergogna é: 1) che si sia ricorso a firme false per presentare una lista; 2) che ci siano voluti 4 anni per dimostrare ciò e non 4 mesi!!!!!!!!!!!

CarloCirvi

Sab, 11/01/2014 - 09:40

Non è certo colpa "dei giudici" se Cota fece carte false per vincere le elezioni. Ma si sa: voi di destra siete allergici alla legalità, alla democrazia e alle sue regole.

cicero08

Sab, 11/01/2014 - 09:50

I giudici non licenziano proprio nessuno. L'elezione di Cota è frutto di un vero e proprio raggiro perpetrato con firme false e candidati a loro effettiva insaputa. Lo ha appurato senza alcun dubbio un'accurata inchiesta penale. E poi Cota è quello delle mutande verdi e molto altro...

Mr Blonde

Sab, 11/01/2014 - 09:54

Dai tempi delle manette per Craxi e della lega dura e pura, dai tempi delle 11 domande sui soldi di silvio berlusconi, ai tempi del trota di belsito dei rimborsi elettorali delle decine di inquisiti e delle mutande verdi, FATE SCHIFO. Come fate schifo a difendere sempre e comunque il malaffare, corrotti e corruttori, vecchi che vanno con minorenni, mafiosi e cosi via, sempre a blaterare che è colpa dei giudici mai dei colpevoli.

Daniele Sanson

Sab, 11/01/2014 - 09:56

Anche se giusta , non ne avremo mai certezza, una simile sentenza é inaccettabile per i tempi occorsi . Non sono leghista ma per correttezza é inammissibile ci siano voluti quattro anni per questa decisione del Tar. Avessimo , avessimo ! , un Governo con la G maiuscola ecco che clamososamente avrebbe la possibiltá di intervenire e le motivazioni per "pizzicare " l'apparato giustizia su un argomento , quello dei tempi biblici , che interessa tutti dal cittadino al politico qualsiasi sia la fede politica . danisan

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Sab, 11/01/2014 - 10:04

L'egemonia rossa del Piemonte è quella cosa immarcessibile e cronica che la attanaglia dal dopoguerra,basti pensare a Torino pieno di orpelli sovietici e comunisti,Corso Unione Sovietica,Via Togliatti,via Brigate Partigiane ecc,ecc,trascinando con se Provincie come il VCO feudi da sempre rossi,dove una volta vi erano fiorenti industrie e dove si sono perse le industrie e la dignità di viverci e le cariatidi viventi di questo sfascio le solite: chiamparino,bresso,fassino,in un continuo salire sullo scranno senza gloria nè dignità.Poveri bugia nen,come siete caduti in basso.E la magistratura solerte( si fa per dire ) ad aiutarli senza dignità. Pover Piemunt.

mk1

Sab, 11/01/2014 - 10:06

A parti invertite cosa avreste scritto ? ....una bella tirata di Sallusti sull' occupazione del potere da parte dei bolscevichi ? La verità è che se tornano a votare oggi , la Lega piglia tante di quelle sberle da piangere per una vita

Ritratto di sances2

sances2

Sab, 11/01/2014 - 10:10

Senza voler entrare nel merito, scopriamo dopo 8 anni che la legge elettorale nazionale è incostituzionale e dopo 4 anni che ci sono stati brogli a un'elezione regionale: non so se sia più vergognoso avere avuto Parlamenti - mi si passi l'espressione - per lo meno "non corretti" e un'importante Regione governata illegittimamente oppure il tempo necessario per appurare ciò. In ogni caso si tratta di un grave vulnus alla fiducia nelle Istituzioni che ogni cittadino deve avere.

blues188

Sab, 11/01/2014 - 10:12

I Ggiudigi sono duddi proveniendi dal Sudde o dal Nord? E sono sdadi eleddi o assundi per gongorso? Non hanno suffigiente maderiale al Sudde per oggubarsi del Nord? Siamo davvero un Paese unico al mondo (traduco: siamo davvero un Baese unigo al mondo) dove lo Stado è gombosto unigamente da un'uniga provenienza, il Mezzzogiorno

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Sab, 11/01/2014 - 10:14

I giudici licenziano Cota e lanciano Chiamparino. Dal titolo si capisce che mettete già le mani avanti , siete già sicuri di perderle queste votazioni. Dopo quattro anni di buon governo dovreste invece essere sicuri di vincerle.

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Sab, 11/01/2014 - 10:16

La storia non finisce qui , c'è ancora da definire bene il discorso delle mutande.

emma venturini

Sab, 11/01/2014 - 10:16

gent. Carlo Crivi, sai almeno di cosa stai parlando ? Possibile che siate così ciechi e supponenti ? Se la sinistra non vince subito si parla di brogli, argomento a voi caro e che tirate fuori quando vi fa comodo.Ma se siete voi i maestri dell'imbroglio!!!!!Abbassa la cresta....!!!!

nonna.mi

Sab, 11/01/2014 - 10:18

Non voglio entrare nel merito della questione politica, ma sottolineo l'assurdità del comportamento di questi magistrati che per una decisione del genere,impiegano quasi quattro anni! Lavorano abbastanza per giustificare i loro ottimi emolumenti o battono la fiacca indecentemente per poi usare la loro autorità insindacabile al momento che ritengono opportuno? In quanto all'assoluzione di Chiamparino,hanno dimenticato la sua concorrenza nell'obbrobrio dello sconvolgimento con le ruspe al Cimitero delle tombe di cui i parenti dei defunti non erano neanche stati avvisati? Il Sindaco Chiamparino aveva scaricato tutta la colpa sull'Assessore Beppe Lodi, ma moralmente e materialmente anche lui ne era responsabile, altro che miglior Sindaco d'Italia...Myriam (e se da Roma non fossero arrivate ingenti somme di denaro per poter effettuare le Olimpiadi Invernali, come sarebbe finito questo Evento memorabile per Torino ma gestito finanziariamente molto male nella nostra città?)

Ritratto di Patchonki

Patchonki

Sab, 11/01/2014 - 10:24

Stefano Zurlo a te quando ti licenziano?

Ritratto di Patchonki

Patchonki

Sab, 11/01/2014 - 10:27

In un paese normale come si usa dire bastavano le mutande verdi per cacciarlo!

INGVDI

Sab, 11/01/2014 - 10:29

L'ennesimo crimine di una malagiustizia irresponsabile e immorale.

Ritratto di mark 61

mark 61

Sab, 11/01/2014 - 10:34

Signori miei firme false cose non chiare truffe raggiri imbrogli ….è chiaro che per il popolo della legalità queste sono solo sciocchezze

futuro libero

Sab, 11/01/2014 - 10:37

Spero che solo ilpopolo possa ancora decidere,anche se molti dubbi mi fanno pensare che il partito dei giudici per governare abbia bisogno solo dei coglioni rossi.Tutti i vecchi paesi della vecchia politica russa ora che ne sono usciti cominciano a stare meglio,ma la povera Italia che fine farà se nel paese ci sono persone così coglione codarde e stupide da preferire vedere il paese nella merda piuttosto che nel benessere

elpaso21

Sab, 11/01/2014 - 10:38

Ci potevano stare dieci anni e non ci avrebbe fatto caso nessuno, queste decisioni vanno prese immediatamente, ma ci penserà Berlusconi a riformare Giustizia e regolamenti (quando sarà eletto) :-)

CarloCirvi

Sab, 11/01/2014 - 10:39

Gentile Emma Venturini, si documenti prima di parlare. - Da wikipedia alla voce "broglio elettorale":

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Sab, 11/01/2014 - 10:39

Da quando esistono le Regioni, mi domando a cosa servano. Avverto la loro presenza solamente quando pago le addizionali regionali all'irpef, quando mi mandano il bollettino per pagare il bollo dell'auto, quando pago il ticket per prestazioni ospedaliere ecc. Bresso, Cota o Chiamparino regnanti. Forse, se non ci fossero le Regioni, i suddetti balzelli che servono a mantenere l'apparato regionale, potrebbero esserci risparmiati. Sekhmet.

unosolo

Sab, 11/01/2014 - 10:49

ormai sanno che nessuno li fermerà quindi anche se la Bresso avesse avuto irregolarità se ne fregano , intanto Cota a casa e loro manco pagano i danni se Cota nel ricorso la spunta , chiaro no !

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Sab, 11/01/2014 - 10:54

Questo succede quando si imbroglia e successivamente si comincia una trafila di ricorsi e controricorsi.I giudici c'entrano ben poco dal momento che sono i politici a truffare sulle liste e sempre i politici a fare ricorso ai giudici.Esattamente quello che succedera' ora con la candidatura di B.alle europee,ci saranno ricorsi al tar,al cinsiglio di stato,poi a strasburgo ecc... eppure basterebbe rispettare le regole e non ci sarebbe nemmeno bisogno di scomodare i tribunali.

CarloCirvi

Sab, 11/01/2014 - 10:58

Gentile Redazione, piuttosto che tagliare il mio commento rendendolo di fatto incomprensibile, avrei preferito che non lo pubblicaste affatto. Se invece ho violato i termini di servizio citando un testo tratto da wikipedia, vorrei ricevere una vostra cortese nota in proposito.

ludovik

Sab, 11/01/2014 - 11:02

nn è possibile in uno stato civile che una sentenza del genere arrivi dopo 3 anni. se hanno accertato irregolarità chi le ha commesse nn deve più avere la possibilità di fare politica. 3 anni illegittimi chi li ripaga? fuori tutti i criminali. senza sconti per nessuno

Anonimo (non verificato)

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Mariador

Mariador

Sab, 11/01/2014 - 11:21

Ma come si fa a non pensare male. Alcune firme per "Pensionati per Cota" sono state ritenute false, così pure per "Pensionati e invalidi per Bresso". Il tutto si può ricondurre a:"se tu fai il furbo, faccio il furbo anch'io", così facendo però non andiamo molto lontano. Allora diventa un problema di ACCORDI, regole e controlli e il malaffare impera. Spazio per il dialogo non ce n'è più, temo sfracelli.

Ritratto di vincenzoaliasilcontadino

vincenzoaliasil...

Sab, 11/01/2014 - 11:22

Bel Paese o Giustizia deviata da un Organo diventato Potere-Regime autoritario dello Stato? Già, chi deve vivere o morire lo decide la Magistratura che scavalcano il Parlamento che grazie a quei coglioncelli della grande Balena e conigli Socialisti e potenti del Clero vicini a Marx si sono fatti surrogare il Potere Legislativo arrivati sino al Quirinale senza uno straccio di voto per poter eleggere il Capo di questa Repubblica Parlamentare che, a suon di batacchio, dagli anni di piombo a Tangentopoli eccovi il blitz della sentenza del Marx risarcimento a favore di De Benedetti, tessera N°1 Pd e sponsor con la cloaca Express Media: un Batacchio attivo in tandem con l'Anm-Md hanno creato “ Re Giorgio Marx I-I ”. Ma Napolitano non era del Guf e Comunista? Così il Bel Paese da 5^ potenza Economica del mondo divenuti lager al Cspa di Lampedusa o altrove di poveri cristi: esseri umani scappati dai Gulag e dalle torture dell'Est che In pratica, Gattopardi Ue e nostrani, oggi ne fanno icona per qualche voto in più distruggendo le speranze e i sogni di una nuova primavera con storture, negati i Diritti di opinione: caso Marò, Adozioni, Istituto della Famiglia, Scarcerazioni di mostri e terroristi farli braccio Sinistro a D'Alema er Molotoviano con aspirazione Quirinalizi, porcate alla Regione Piemonte, tasse a gogò: mentre “ George ” SMEmo negando una graziando solo i più bravi del Chaos del Reame come il premio Nobel al Rosso Fò: altri stupidi idioti?

gimmi73

Sab, 11/01/2014 - 11:32

DITTATURA.Da sempre i dittatori fanno arrestare i nemici politici ed usano magistrati ed esercito per prendere illegalmente il potere

bret hart

Sab, 11/01/2014 - 11:46

la sinistra cancro del mondo !!!!!!

liberalone

Sab, 11/01/2014 - 11:49

@lambro I brogli della sinistra sono un motivo ulteriore per annullare e ripetere le elezioni. E che vincano le mutande migliori.

gibuizza

Sab, 11/01/2014 - 11:54

Per cortesia, si potrebbe sapere di più sulle prossime scadenze degli amministratori di aziende pubbliche e para pubbliche e consigli di amministrazione di banche e aziende private che avrebbero visto un ovvio (se non ci fosse stata questa sentenza) cambiamento di persone da sinistra a centrodestra? Questo potrebbe chiarire a molti il perché di queste due sentenze.

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 11/01/2014 - 12:13

Perché non abroghiamo i TAR? Ormai siamo alla repubblica della magistratura, della serie Dredd, la legge sono io.

Mobius

Sab, 11/01/2014 - 12:15

In questi quattro anni la Regione ha varato centinaia di provvedimenti che, a quanto pare, sono illegittimi. Quindi vi saranno migliaia di ricorsi e di contenziosi, in un groviglio pazzesco di denunce e richieste di risarcimento. Cosa ne dite, i bravi ma lentoni giudici del TAR la faranno tra loro una colletta per pagare i danni?

Ritratto di d-m-p

d-m-p

Sab, 11/01/2014 - 12:21

Senza la riforma della magistratura questo paese non va da nessuna parte .

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Sab, 11/01/2014 - 12:24

ENNESIMA DIMOSTRAZIONE DEL COLORE DELLA GIUSTIZIA, SE AVEVATE DEI DUBBI ECCO LA CONFERMA, LE TOGHE SONO ROSSE E NATURALMENTE AIUTANO CON LE LORO SENTENZE ASSURDE SOLAMENTE I COMUNISTI E DINTORNI. SONO TALMENTE IGNORANTI CHE CI METTONO 4 ANNI PER PRENDERE UNA DECISIONE, CHE BELLA GIUSTIZIA CHE C'E' IN ITALIA, FANNO SCHIFO E DOVREBBERO VERGOGNARSI

Ritratto di mark 61

mark 61

Sab, 11/01/2014 - 12:35

LA COLPA è di quelli che hanno messo firme false per far entrare in gioco una lista che non avrebbe dovuto sempre dalla parte dell’onesta voi del GIORNALE vero ????

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Sab, 11/01/2014 - 12:48

Ci sarà il ricorso e poi tra un anno si voterà, ma sicuramente sappiamo una cosa, la sinistra non è capace a fare un cazzo lo dimostra tutti i giorni , Grillo pure e la magistatura è costituita da fancazzisti gente che dovrebbe controllare le liste prima delle elezioni, non le controlla, dopo 4 anni si sveglia, magari imbeccata da qualche capobastone del PD, invalida le elezioni..... Purtroppo è tutto vero e pensano che i cittadini non se ne accorgano....

pinux3

Sab, 11/01/2014 - 13:04

Se qualcuno non rispetta le regole e viola la legge naturalmente è...colpa dei magistrati..."Logica" banana...

Ritratto di Estes

Estes

Sab, 11/01/2014 - 13:16

Il vaso negli anni si e' scoperto, il tutto sancisce la giusta fine per uno dei partiti piu' ipocriti, populisti e doppiogiochisti dell'epoca repubblicana.

Roberto Casnati

Sab, 11/01/2014 - 13:21

Uela! Ma che combinazione! Chiamparino improvvisamente diventa innocente! Ma allora, ancora una volta, la magistratura ha preso un enorme granchio! La magistratura ha fatto una gigantesca cazzata! Perchè i magistrati che han fatto la cazzata non pagano di tasca loro? Perché magistrati imbecilli ed incompetenti devono ricevere uno stipendio (e che stipendio!) pagato da tutti noi? Perché i suddetti magistrati imbecilli fanno comunque carriera invece d'essere licenziati?

cecco61

Sab, 11/01/2014 - 13:47

Non credo che il problema sia tizio o caio, da difendere a spada tratta o condannare senza pietà. Come sempre in Italia la querelle riguarda l'applicazione della Legge in modo arbitrario. Se ci sono stati errori, ben vengano nuove elezioni ancorché l'archiviazione fulminea per il solo Chiamparino fa sorgere non pochi dubbi. Se poi la sentenza del TAR venisse confermata e si rifacessero nuove elezioni in Piemonte, non si capisce perché, con un problema analogo, non si sia già programmato lo scioglimento delle Camere e le prossime elezioni politiche dal momento che il nostro Parlamento è stato giudicato illegittimo.

pgbassan

Sab, 11/01/2014 - 13:50

andrea626390 e compagnia cantante: cari kompagni: le cose che ha fatto Cota le ha commesse anche la Mercedes, intesa come mammifero, balena lordosa. Per cui i conti sono 1 a 1. Fatte le dovute differenze di voti Roberto Cota rimane in vantaggio ancora di seimila voti. Basta un voto in più (come i pochi voti della Serracchiani). Ma le denunce presentate quattro anni fa dal cdx giacciono nel sonno dei giustizieri sinistri. Salàm e mortadèll.

FRANCO1

Sab, 11/01/2014 - 13:59

è arrivata la cavalleria in soccorso, che potenza!!!

nebokid

Sab, 11/01/2014 - 14:04

Che accoppiata Cota e Bresso uno peggio dell' altro, dovrebbero dimettersi non da governatori ma da politici con questi il Piemonte ha già dato.

ferry1

Sab, 11/01/2014 - 14:12

Perchè andare a votare?Facciamo votare i giudici e che sia finita!Cos' è tutto sto grand' affare sulla legge elettorale?Si dichiari PER LEGGE che ha vinto la sinistra e ciò basti!

pgbassan

Sab, 11/01/2014 - 14:17

liberalone: troppo comodo. Si accertino le rilevanze dei brogli e si stabilisca chi ha più voti. Ma lo schifo peggiore è che la Mercedes accusa l'altro di brogli quando lei in prima persona li ha fatti (come da sempre la sinistra).

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Sab, 11/01/2014 - 14:20

4. Autenticazione della firma dei sottoscrittori. Le firme dei sottoscrittori possono essere autentic ate, ai sensi dell’articolo 7, comma 4, della L.R. 3/1993, dalle seguenti figure: notaio, giudice di pace, can- celliere di tribunale ordinario, sindaco, assessore delegato in via generale a sosti- tuire il sindaco assente o impedito (vice sindaco), segretario comunale o funzio- nario appositamente delegato dal sindaco. Ma qualcuno di questi signori non è che non abbia fatto il suo lavoro? In fondo le firme vanno autenticate, chi lo deve fare? Il candidato? Mah...

INGVDI

Sab, 11/01/2014 - 14:23

Auguro a tutte le persone (io le considero tali anche se per la loro ideologia sono grumi di cellule) di sinistra che commentano su questo giornale di guarire in tempo dal cancro della loro criminale ideologia.

vince50_19

Sab, 11/01/2014 - 14:40

Chiamparino è una persona rispettabile ma non è questo il modo di lanciarsi in una campagna elettorale con simili azioni dopo che la Bresso, dopo il suo "nobile sacrificio", verrà premiata alle elezioni europee. Sempre che il consiglio di stato convalidi questa sentenza. La politica dovrebbe risplendere di luce propria, non di luce riflessa come in questo caso ma tant'è, qualsiasi fine giustifica certi mezzucci che certa sinistra mette in campo per il tanto agognato potere.

Antonio43

Sab, 11/01/2014 - 14:43

A quanto pare neanche le liste che appoggiavano la "culona" piemontese erano perfette. Certo non vuol dire che essendo queste irregolari tanto quanto quelle che appoggiavano Cota, allora si annullavano a vicenda. Sta di fatto che i più che ben pagati magistrati amministrativi non dovevano impiegarci tutto questo tempo, ma non ci deve meravigliare. Qui da noi, la magistratura penale e civile ha tempi biblici, perchè mai quella amministrativa si deve dimostrare migliore? Il bello sarà se il ricorso al consiglio di stato rovescerà il verdetto, ma fra tre anni però. Allegri piemontesi, tanto per voi non cambierà niente, gli stipendi e le prebende varie di cui sono stati beneficiati tutti, i Cota e le Bresso, non torneranno più nelle vostre tasche. Certo i dispetti come sanno farle le ciccione..... però Cota che si compra le mutande verdi con i soldi che non sono suoi.... ma come si fa a fare cappellate di questa portata!

cicciosenzaluce

Sab, 11/01/2014 - 14:46

uno che va in giro con le mutande verdi,è solo un idiota,sicuramente non va nemmeno con le donne,sai che figura di merda ( come dice Fede )farebbe.Cota torna al tuo paesello,e cambia mestiere,anzi resta con quei 4 idioti che chiamano padania un pezzo d'italia. Provateci a staccarvi veramente,e farete la fine che meritate,siete solo dei burattini,che alla prima cannonata che vi arriverà fuggirete come conigli.

corio lano

Sab, 11/01/2014 - 15:08

Che meraviglia di costruzione logica, signorilità e obbiettività, il commento di cicciosenzazucca!

luigi civelli

Sab, 11/01/2014 - 15:16

Alla fiaccolata odierna e alle prossime manifestazioni pro-Cota,i leghisti sono invitati a presentarsi con elmo celtico,ampolla d'acqua del Po,mutande verdi (è libera la scelta fra slip e boxer).

marvit

Sab, 11/01/2014 - 15:29

Onore a Cota. Non ha sicuramente falsificato i voti che ha preso;specialità,questa,tutta dei furbastri-taroccatori di professione che,con gran faccia tosta,lo insidiano

pgbassan

Sab, 11/01/2014 - 15:32

luigi civelli: quanto sei piccino, piccolino, meschino o quel che vuoi, sempre in -ino. Guardi le mutande verdi (sporcaccino) e non vedi i buchi di miliardi di Chiamparino e la Mercedes? Povera ItaGlia. Salàm.

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Sab, 11/01/2014 - 15:43

@luigi civelli sei proprio un pirla!

cicciosenzaluce

Sab, 11/01/2014 - 15:50

corio lano,che è che non ti piace ? porti anche tu le mutandine verdi,magari col pizzo ? o hai paura delle cannonate ?

Ritratto di pravda99

pravda99

Sab, 11/01/2014 - 16:01

Uno con sul groppone un'inchiesta per spese gonfiate si sarebbe comunque dovuto dimettere, non lo ha fatto, perche' come tutti i leghisti e i berlusconiani la dignita' e' un concetto sconosciuto, e cosi' il fato ha deciso per lui. Amen. Passiamo avanti.

r_g

Sab, 11/01/2014 - 16:03

LA LEGA HA DIRITTO DI PROTESTARE SOLO SULLA LUNGAGGINE DELLA SENTENZA.INVECE LA POLITICA COME AL SOLITO DEVE EVITARE QUEASTE SITUAZIONI ,AFFINCHE'LA MAGISTRATURA INTERVENGA. ANZI CHIEDEREI I DANNI A QUELLI POLITICI CHE DETERMINATO LA SENTENZA DELLA MAGISTRATURA.

eliolom

Sab, 11/01/2014 - 16:12

Non riesco a capire.Si annullano le elezioni e si ritorna a votare.Ma la volonta' elettorale e' rispettata? I voti erano stati espressi per Cota ed i giudici, questa mi sembra malafede, avrebbero dovuto rispettare la sovranita' popolare ed optare per una sanzione amministrativa per i presentatori della lista discussa. Non e' che l'urss si avvicina?

Ritratto di mark 61

Anonimo (non verificato)

m.nanni

Dom, 12/01/2014 - 00:08

verissimo; Paese di matti- La giustizia ha oramai rotto gli argini. Paese bolscevico!

Free4Ever1

Mar, 14/01/2014 - 11:11

@Pravda99, dillo al tuo amico napolitano che rubava 800 euro per ogni volo (già pagato da noi) aereo!!!! Chissà perchè in i-taglia nessuno ne parla!!! Altro che mutande.