Per i pm l'Udeur di Mastella è "associazione a delinquere"

L'affondo della procura di Napoli

Napoli - A fine estate è arrivata la doccia gelata per Clemente Mastella (nella foto), europarlamentare e leader dell'Udeur, che per i pm più che un partito sarebbe «un'associazione a delinquere». La Cassazione ha infatti stabilito che Clemente, la moglie Sandra, ex presidente del Consiglio regionale della Campania, nell'era Bassolino e 18 esponenti del partito del Campanile, dovranno nuovamente difendersi dalla pesantissima accusa nell'ambito di una indagine relativa a una presunta gestione clientelare dell'Agenzia regionale per l'ambiente campania. La Suprema Corte nei giorni scorsi ha annullato per «motivazione del tutto carente e manifestamente illogica» la sentenza del giudice dell'udienza preliminare di Napoli, Eduardo De Gregorio.
«Riguardo alla accusa di associazione per delinquere siamo tranquilli in quanto alla luce del principio di diritto enunciato dalla Cassazione, siamo perfettamente in grado di dimostrare che, in concreto Mastella non ha stretto alcun vincolo associativo finalizzato alla commissione di un numero indeterminato di delitti», ha spiegato l'avvocato Alfonso Furgiuele, legale dei Mastella.
Il 31 marzo di due anni fa il Gup De Gregorio dispose il giudizio (il processo è in corso) per Mastella, la moglie Sandra Lonardo e 18 esponenti del Campanile relativamente ad alcuni presunti episodi criminosi emersi nell'ambito di una indagine condotta dalla Procura di Napoli, dal pm (oggi alla Direzione nazionale antimafia) Francesco Curcio. Alla dinasty di Ceppaloni, viene contestata la «commissione di una serie indeterminata di delitti contro la pubblica amministrazione». Dopo la bocciatura della Cassazione il fascicolo «Mastella» tornerà all'ufficio del Gup ma sarà affidato a un nuovo Gip che dovrà decidere se rinviare a giudizio Mastella e mezzo partito o archiviare tutto. «Siamo fiduciosi – ha spiegato l'avvocato Furgiuele - la Cassazione conferma la sentenza del Gup del marzo 2011 e dunque il proscioglimento dalle accuse».

Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 04/09/2013 - 10:48

Mai meravigliarsi di ciò che accade sotto le coperte. Quando poi la "coperta" è rappresentata dalla "politica" può accadere di tutto, come del resto i titoli di giornale indicano da anni, purtroppo tra l'indifferenza degli Italiani, di cui del resto almeno 2 milioni campano sulla politica. Non a caso il nostro è considerato dalle statistiche uno dei paesi più corrotti del mondo.

angelomaria

Mer, 04/09/2013 - 13:12

quanto hanno aspettato e quanto in fretta per il nostro SILVIO oltretutto innocentee miriviene la bava alla bocca!!!!