I seguaci di Grillo su twitter? O sono falsi oppure dormono

Lo studio di Ca­misani Calzolari che ha sollevato il caso dei finti follower fa infuriare il comico. Ma c'è un'anomalia: i fan del leader del Movimento 5 stelle interagiscono pochissimo

Io sono uno scrittore, non un esperto di internet, come in­vece lo è il professor Marco Ca­misani Calzolari, il quale ha avuto l’imprudenza di sollevare qual­che dubbio sui followers di Grillo, e non l’avesse mai fatto, apriti cie­lo, apriti Grillo. Così il professore, purtroppo, che è un professore e non Rambo, si è tirato indietro, mi­nacciato dagli squadristi aizzati da Grillo, sempre più simile a un piccolo Mussolini smandrappa­to, quindi se non vi dispiace conti­nuo io, poi se mi trovate impicca­to sotto un ponte sapete chi è sta­to. In ogni caso, senza scomodare algoritmi e complessi sistemi di analisi di flussi informatici, qual­cosa anche a occhio non torna. E twitter non è solo una questione di quantità, come il sesso non è mai solo una questione di centi­metri.

Anzitutto vorrei spiegare ai let­tori profani di twitter: è vero che i followers si comprano a pacchet­ti, ma non sono persone, sono «bot», abbreviazione di «robot», ossia software che fanno numero ma non partecipano. Come se voi riempiste un’aula di manichini. Chi ha comprato stock di fol­lowers, se fate attenzione, lo sma­scherate facilmente, perché stati­sticamente è impossibile avere un’aula di centomila morti, am­menoché non sia un cimitero o la classe morta di Tadeusz Kantor.

Comunque sia non voglio insi­nuare che Grillo abbia comprato i suoi followers, come hanno pure fatto molti vip e non vip, e alla fine non è tanto questo che conta nei conti che non tornano. Piuttosto, se non li ha comprati, dormono. Prendo uno degli ultimi cinguetii di Grillo, che rappresenta una me­dia, come numero di commenti e retweet , delfeedback di Grillo: «Verrà l’ora della resa dei conti e tutti dovrà essere restituito con l’interesse». Sgrammaticatura e tono da giudizio universale a par­te ( Grillo lo si potrebbe trasferire a Galbiate insieme a Celentano, al­meno i messia li raggruppiamo tutti insieme) conta un commen­to e 59 retweet . Vale a dire: un pen­siero così grillesco, così minaccio­so,così giustizialista e vaffancule­sco, suscita la condivisione di 59 persone su 638mila. Eppure Gril­lo fa della rete un punto di forza, come se l’avesse inventata lui.Co­me un politico si appella agli elet­tori, lui,l’antipolitico,si appella al­la rete.

Tuttavia, se tanto mi dà tanto, non si capisce perché, nonostan­te il 20% del Movimento Cinque Stelle, nonostante sia il soggetto politico più esplosivo del momen­to, nonostante nei talk show perfi­no d’estate in Italia non si faccia che parlare di politica e solo di po­litica (con una parentesi calcisti­ca ma qui è la stessa cosa), nono­stante i seicentomila e passafol­lowers , i più influenti su twitter se­condo la classifica di Klout siano: Valentino Rossi, Jovanotti e Sel­vaggia Lucarelli. In pratica qualsi­asi stronzata scrivano Valentino Rossi, Jovanotti e Selvaggia Luca­relli viene ritwittata molto più dei proclami guerrafondai di Grillo. «Tutti in piedi per Re Roger» butta lì Valentino, e subito 884 retweet , e probabilmente si mettono in pie­di davvero. Stando alla metafisica della rete di Grillo, se Valentino Rossi fonda un partito le cinque stelle se le mangia a colazione in un boccone come il pandistelle del Mulino Bianco. Qualcuno obietterà che Valentino Rossi ha un milione e centomila followers , ma la Lucarelli ne ha dieci volte meno di Grillo, sebbene siano co­munque 92191. In ogni caso pren­diamoli per buoni. La Lucarelli scrive «Se qualcuno volesse gentil­mente dire al mio ex, quello che mi amava tanto, che compio gli an­ni il 30, non oggi. Grazie» e imme­diatamente ha ben 96 retweet e 61 preferiti, ossia oltre centocin­quanta persone trovano interes­sante questo pensiero. Oppure, pensiero più ermetico: «Chi si so­miglia, si twitta», 88 retweet . Cer­to, più che calcolare chi è influen­te su twitter , bisognerebbe valuta­re verso cosa si influenza. Gli oro­scopi influenzano più della teoria della relatività, che la maggior par­te della gente non sa neppure cosa sia, ma senza la relatività non po­trebbero neppure usare il proprio Tom Tom. Nel caso dei suddetti in­fluenzanti, di certo non ti influen­zano a leggere la Recherche o ad aprire un libro. Infatti, come carti­na tornasole, basta guardare co­me languono i consigli di lettura raccolti nell’ hashtag #twitter­guest del Corriere della Sera ,perfi­no Alberto Arbasino, tra i nostri più grandi scrittori, ha avuto una media di 5 retweet . Che sono più o meno i cinque lettori a cui si riferi­va Carlo Emilio Gadda. Tuttavia c’è una consolazione: se la Luca­relli, Jovanotti e Valentino Rossi sono i più influenti su twitter , e che i followers di Grillo siano reali o meno, tra i meno influenti deve esserci come minimo Einstein. 

Commenti

minestrone

Mer, 25/07/2012 - 09:19

Perchè non studiate invece di scrivere ste fesserie. Ieri in una trasmissione televisiva un tizio ha dato del Dott a Sallusti, e lui imperterrito non ha detto niente pur arrossendo come una ciliegia.Dottore de che sei in tutte le trasmissioni a sostituire i tuoi amichetti che non hanno il coraggio dui farsi vedere in pubbllico,Invece dovrestistare a casa e meritarti il titolo di Dottore, capito Alessandro!

xgerico

Mer, 25/07/2012 - 09:23

Massimiliano hai bisogno di ferie! Letto l'articolo mi hai "impicciato" anche il mio di cervello!

Ritratto di Aulin

Aulin

Mer, 25/07/2012 - 10:41

Lavoro nell'informatica da circa 25 anni, e la storia dei fakes e dei bots negli accounts è cosa arcinota. Solo i fans di Grillo, talebani da bar sport, pensano di essere immuni dal fenomeno? No, lo sanno benissimo, come lo sa benissimo l'anima nera che sta dietro a Grillo, ecco perchè s'incazzano tanto. Bravo Massimiliano, la cosa va diffusa con chiarezza e dappertutto. La Rete è la sede delle peggiori truffe e mistificazioni, oltre che della libertà, ricordiamocelo sempre.

Ritratto di tatankayotanka

tatankayotanka

Mer, 25/07/2012 - 10:58

Per minestrone: Bello il suo messaggio, da scompisciarsi dalle risate! Infatti uno che scrive in modo assolutamente sgrammaticato come lei, che evita di mettere apostrofi, punti, virgole e spaziature varie, esordisce scrivendo "Perchè non studiate invece di scrivere ste fesserie". Ma si può essere più fessi? No, è impossibile. Al posto di dare consigli agli altri, e consigliare di studiare al suo prossimo, provveda a farlo intanto lei in prima persona. Un libro in più, se lo lasci dire, fa solo bene, non ha mai ucciso nessuno. Se lei avesse studiato ancora un po' - e avesse meno supponenza - eviterebbe di scrivere certi messaggi. Provi con qualche SQUOLA serale (le piace così?), dicono faccia miracoli! P.S.: per quanto riguarda la punteggiatura provi a metterla a "cavolo di cane", come le capita, vedrà che le sue frasi saranno sicuramente più fluide e leggibili. Se invece continua ostinatamente a pensare dove mettere i punti e le virgole - come fa attualmente - non ne azzeccherà mai una che sia una. Peccato, in un pezzo in cui si parla di grillo e twitter volersi "infilare" per forza, solo per parlare di una trasmissione televisiva o di Sallusti, è una cosa senza senso. Non riesce a leggere il testo del pezzo di Parente, condivisibile o meno, e rispondere su questo e basta? Mi stia bene...

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mer, 25/07/2012 - 11:03

Il professor Marco Ca­misani Calzolari è il tizio che ha fatto il sito forzasilvio.it, direi che proprio "terzo e indipendente" non è. Comunque tutta questa fregola di contarsi non la capisco proprio, tra un pò arrivano le elezioni e la conta sarà precisa, dolorosa per il PdL (e, si spera, anche per il PD) ma precisa e tutti queste contabilità del nulla non serviranno più a niente, è solo questione di avere pazienza ........

darkgenio

Mer, 25/07/2012 - 11:06

Io trovo abbastanza grave che un quotidiano come il Giornale faccia scrivere un articolo che ha come tema twitter ha uno scrittore (Parente) che non ha chiaramente idea di cosa sta parlando (come tra l'altro lui dice). Innanzitutto, chi compra twitter followers non necessariamente compra BOT, ma puo' benissimo comprare account gestiti da umani che sottoscrivono un programma. In secondo luogo se il problema delle interazioni fosse cosi' banale come lo espone lo scrittore Massimiliano Parente, allora si risolverebbe semplicemente con un Retweet BOT che fa retwittare i vari account. Cintando il caso dei 59 Retweet poi, tralasciando l'assurdita' di prendere un unico tweet e farne un caso, la percentuale di Retweet e' vicina allo 0,01% cioe' un retweet ogni mille followers... e cioe' un risultato per niente basso... davvero occorre che i quotidiani facciano parlare di SM a chi ne capisce altrimenti la loro reputazione andra' a rotoli...

fabiocolli

Mer, 25/07/2012 - 11:52

ma un bell'articolo sulle firme false o il milione di tesserati del pdl no?

MaiRuss

Mer, 25/07/2012 - 11:57

Deve dare proprio fastidio Grillo, se PROFESSORONI sprecano il loro tempo spingendosi a definirlo un "PICCOLO MUSSOLINI !! Preoccupatevi invece di come è ridotta la nazione, pensioni, disoccupazione, spred, spending, fiscal........ FARETE ALMENO QUALCOSA DI POSITIVO!! Lasciate perdere la punteggiatura e le sgrammaticate uscite di Grillo. VOI che siete eruditi che c@xxo state facendo di utile?? Se non avete la poltrona da perdere, perchè tutto questo accanimento? Ordini superiori? Rob da matt!

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mer, 25/07/2012 - 12:02

Invece le tessere del PDL false dove sono finite? Il problema è uno solo: O gli italiani sono masochisti e continuano a votare questa casta che ci ha portato al fallimento, o i voti alle urne sono manipolate.

Ritratto di aliberti.

aliberti.

Mer, 25/07/2012 - 12:50

complimentoni per l'articolo, almeno stavolta qualcuno della redazione ha avuto il coraggio di metterci la firma... a proposito, ma Parente sarà falso o reale?

fabri1612

Mer, 25/07/2012 - 12:48

SI STA CERCANDO DI SCREDITARE GRILLO IN TUTTI I MODI.......I NOSTRI POLITICI NULLA FACENTI(NESSUNO ESCLUSO...DX-SX)SANNO BENISSIMO CHE GRILLO LI PUO' MANDARE A CASA!!!SE GLI ITALIANI CONTINUERANNO A VOTARE QUESTI POLITICI ATTUALI.......VUOL DIRE CHE SONO PRORIO DEI PECORONI E PER COLPA DI QUESTI ITALIANI PECORONI........CI RIMETTIAMO TUTTI!!!!!!GRILLO PER ORA E' L'UNICA ARMA ATTUALE PER MANDARE QUESTI POLITICI MASCALZONI TUTTI A CASA.....XCIO' SVEGLIATEVI E NON FATE I PECORONI!

fabri1612

Mer, 25/07/2012 - 12:58

SVEGLIATEVI........STANNO FACENDO DI TUTTO PER SCREDITARE GRILLO....HANNO PAURA DI LUI..............!!MA IO DICO....DOPO CHE QUESTI PARTITI ATTUALI(DX-SX)SENZA NESSUNA DITINZIONE,CI HANNO MASSACRATO IN TUTTI I SENSI........VOI VOLETE ANCORA VOTARLI????MA SVEGLIATEVI!!!

Bivio

Mer, 25/07/2012 - 13:19

Ragazzi andiamo a rompere le p...a su qualcosa di piu'serio come i vari sprechi e sperperi che continuano ad avvenire eche neanche il bocconiano DOC riesce a tagliare. Tanto ormai abbiamo gia' capito che il Grillo parlante becchera' una valanga di voti alla faccia dei politicanti sfascisti succhia euro. Poi si vedra' se il tanto ciarlare ci portera' da qualche parte. Io propongo l'astensione totale, magari a qualcuno si stringeranno le kiappe

Ritratto di danie

danie

Mer, 25/07/2012 - 13:30

Tremate, tremate i "grillini" son tornati! Ne vedremo delle belle in Parlamento nel futuro prossimo. Sarà un piacere!

Creattivo

Mer, 25/07/2012 - 13:33

L'articolo contiene un bel po' di inesattezze che non fanno giustizia all'informazione. Mi sembra anche giusto dire che il sottoscritto lavora nella comunicazione da 10 anni, e quindi un minimo di cognizione di causa pensa di averlo. Cominciamo con il dire che i followers di Grillo hanno un che di strano. Lo strano risiede nel fatto che una fetta consistente di questi (troppo consistente) è rappresentata da utenti sostanzialmente inattivi. Un utente inattivo non è tanto quello che non retweetta, ma quello che si è iscritto a Twitter e sostanzialmente non l'ha mai usato. Questo si traduce in utenti che: non si sono degnati di mettere un avatar, non hanno mai scritto un tweet e si limitano a seguire una dozzina o giù di li di personaggi noti. Questa verifica può essere fatta anche a mano. Andate nell'account di Grillo e scorrete i followers, ne troverete a decine così come quelli descritti. Questo non significa ovviamente che siano stati comprati o che siano dei bot. Del resto nemmeno Calzolari ha mai detto questo e infatti ha spiegato in lungo e in largo che un utente come quello descritto, ovvero un utente totalmente inattivo, si avvicina a quello che potrebbe essere un bot, ma non è detto lo sia. Non fosse altro perché se proprio si vogliono comprare followers è possibile farlo anche acquistando utenza reale (ho fatto un test giusto la scorsa settimana comprando 1000 followers per 14 dollari). Va comunque tuttavia detto che è abbastanza difficile acquistare 50-100 mila followers senza ricorrere ai bot. La cosa che lascia perplessi dunque non è tanto il discorso fake o non fake e nemmeno il retweet o non retweet (che è parametro molto relativo), ma il fatto che una fetta importante dei followers seguano Grillo senza sostanzialmente usare mai Twitter. Non credo serva un genio per capire che una cosa è parlare a un pubblico di 600mila persone che ti ascoltano, e altra cosa è credere di parlare a 600mila persona e bearsi del fatto, ma avere ad ascoltarti realmente forse meno della metà. Grillo dal canto suo non ha aiutato a fare chiarezza. I followers inattivi potrebbero benissimo essere calcolati, anche segnalati a Twitter medesimo, e detratti dal conto. Penso, e l'ho già scritto sul mio blog, che se Grillo avesse fatto una operazione di trasparenza anziché urlare al complotto (sindrome da berlusconismo?) avrebbe acquistato ancora maggiore credibilità. Certo, ora è tardi per fare chiarezza.

minestrone

Mer, 25/07/2012 - 13:39

tatankayotanka ti ho colpito al "quore"! Che fortuna essere riuscito a smuovere penna cotanto dotta come la tua a difesa di infinita erudizione "giornalistica".E pensare che è la prima volta che butto via due pigiate di plastico tasto.Sono fiero di me.

Creattivo

Mer, 25/07/2012 - 13:41

Vorrei aggiungere anche alcune cose che ritengo importanti. 1) Calzolari non ha fatto Forzasilvio.it. La sua società ha venduto la piattaforma CMS al PDL il quale l'ha poi usata per creare il sito. Ma se anche l'avesse fatto non cambierebbe nulla. Chi lavora nel settore della comunicazione fa consulenza a chiunque lo paghi, sia che si chiami Berlusconi, Bersani, Grillo o chi per loro. I professionisti si distinguono dai quaraquaqua proprio per la capacità di non lasciarsi influenzare dalle loro idee politiche, o quelle religiose o altro, e offrire ai propri clienti una consulenza seria e, appunto, professionale. Chi non comprende questa cosa, oltretutto molto semplice e alla base di qualunque professione, non ha semplicemente cognizione di cosa sia la professionalità. 2) Viene definito Dottore chiunque abbia conseguito una laurea. Immagino che il Sallusti abbia conseguito una laurea e quindi chiamarlo dottore non è affatto un errore, anzi, è esattamente il titolo che dovrebbe essere anteposto sempre al suo nome.

minestrone

Mer, 25/07/2012 - 13:43

tatankayotanka vedi se tu fossi scaltro capiresti la "pijata per il fondello" ma non lo sei e non potrai capire mai.Ripeto... a scuola!!!!

Ritratto di danie

danie

Mer, 25/07/2012 - 14:00

Tremate, tremate i "grillini" son tornati! Ne vedremo delle belle in Parlamento in un futuro prossimo. Sarà un piacere.

ilsignorrossi

Mer, 25/07/2012 - 14:33

minestrone ..............ma cosa scrivi? mi sa che di comunicazione ne capisci poco,ma a parte questo ,che cosa ha a che fare berlusconi con questo articolo? grillo ha fatto benissimo se li ha comprati,l'importante è lo scopo e poi queste sono chiacchiere inutili,ci si conta al voto,e il mio probabilmente andrà a grillo,mai dare dell'ignorante a nessuno,che poi si fanno figure barbine

svegliamipresto

Mer, 25/07/2012 - 14:43

caro minestrone non è che a casa tua stai meglio , un dotto non è tale solo perche ha il dott. prima del nome ....ma dai rilassati, dalle mie parti si dice che cencio dice male di straccio ....sarà un caso ???

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mer, 25/07/2012 - 14:46

"quindi se non vi dispiace continuo io, poi se mi trovate impiccato sotto un ponte sapete chi è stato.". Parente, esca pure tranquillo la sera. Se la riconoscono per strada il peggio che può capitarle è che la prendano a pernacchie......

pietro+

Mer, 25/07/2012 - 14:58

Ok, ma qual è la notizia? L'articolo serve a gettare un po' di discredito su Grillo. Sarebbe meglio affrontare il movimento fondato dal genovese con argomenti politici e non con dettagli irrilevanti. La conta dei "follower" di Grillo, quella vera, avverrà alle urne. In ogni caso, se volessimo rimanere nel campo twitteriano, allora sarebbe interessante valutare con altrettanta pignoleria, anche le caratteristiche degli altri protagonisti politici (Bersani? Vendola? Alfano? ecc...).

minestrone

Mer, 25/07/2012 - 15:00

Dott. Sallusti, sarei curioso di sapere quale laurea avete conseguito, in quale facoltà e sopratutto con quale votazione, essendo un Suo datore di lavoro in quanto cittadino Italiano, indipercui tassato dallo stato che elargisce corposi incentivi alla testata che Lei dirige.Grazie

minestrone

Mer, 25/07/2012 - 15:05

Vede sigrossi se Sta attento a ciò che ho scritto, non trova mai la parola "ignorante" bensì "a scuola" che è ben diverso.Nel mondo esistono persone che a scuola non ci son potute andare ma colmano la propria ignoranza leggendo e "vivendo".Queste persone però non pretendono di fare i giornalisti....

minestrone

Mer, 25/07/2012 - 15:10

Chiedo scusa se ho offeso la sensibilità di qualcuno.Vi voglio comunque bene e me ne sto a casa ad affogare nelle tasse e nella mia infinita ignoranza....

Ritratto di tatankayotanka

tatankayotanka

Mer, 25/07/2012 - 15:21

Per minestrone: caro, carissimo sig. minestrone, mi sembra lei si stia arrampicando sugli specchi, di brutto, e lo stridore arriva fin qui, nell'italia centrale dove vivo. Facile adesso, solo adesso, dire che la sua era una "pijata per il fondello", ma la realtà lei la conosce bene, qui l'unica presa per il cu.cu.lo è la sua pretesa di voler essere intelligente e furbo. Ma non c'è problema, va tutto bene così, stia sereno. Quanto al suo ripetere ossessivamente "a scuola" riferito ad altri.... beh, io a scuola ci sono andato, ho superato brillantemente la terza elementare (la classe dove ai miei tempi insegnavano la punteggiatura), ho proseguito e sono arrivato all'università. Oltre quella non potevo andare, o meglio potevo ma sarei diventato un intelligentone come lei o il "carissimo" prof. monti, e me scampi il Signore, preferisco essere così come sono, una persona normale, con un ottimo e redditizio lavoro, con una bella famiglia composta di moglie e due figli (oltre ad una suocera simpaticissima), sufficientemente tranquillo economicamente, in pace con me stesso e col prossimo e, al momento, in procinto di partire per ferie alla faccia sua. Quindi se parliamo di furbizia lei mi batte senz'altro, ci mancherebbe (tifa grillo, segno distintivo di furbizia), se parliamo di intelligenza davvero non ho niente da invidiare ad uno come lei, si fidi sulla parola. Per quanto riguarda gli studi invece se vuole le faccio avere i miei riferimenti, così può contattare l'università marchigiana che NON mi ha regalato (non essendo io di sinistra) la laurea e farsi dare qualche informazione in più. La risaluto, per l'ultima volta, le auguro di nuovo buona giornata (un furbo come lei saprà senz'altro cavarne fuori qualcosa) e mi stia ancora bene...... P.S. vuole che le spedisca una cartolina? P.S.1: confermo quanto scrive il lettore signorrossi: lei sembra non sapere nulla di comunicazione, eppure parla di cose che non conosce con una nonchalance che stupisce. Ma un lavoro ce l'ha? Spero di si, almeno occupa in modo produttivo le sue giornate, non solo parlando di grillo. Ancora buona giornata a lei

minestrone

Mer, 25/07/2012 - 16:18

,e ----> lo insegnano alle elementari non si scrive

minestrone

Mer, 25/07/2012 - 16:50

Sig tatankayotanka sa perchè l'Italia è in queste condizioni? Perchè gente che non se lo merita gode di un lavoro redditizio e chi invece studia e fatica per farsi una posizione è costretto ad andare all'estero.Tutto qui....

roberto.morici

Mer, 25/07/2012 - 17:27

Ragioniamo con calma. Sono sicuro che il grande (grosso) Grillo non abbia bisogno di essere "screditato". E' riuscito a farlo da solo e ...preventivamente. Pensa di dover svegliare gli altri e non è stato in grado di rimanere ben desto per evitare di accoppare alcuni suoi amici. Si scaglia contro "ladri e disonesti" dopo i condoni fiscali che gli sono serviti per rifarsi la verginità di onesto contribuente. Invia i suoi entusiastici "vaff....lo" senza spiegare, però, se vale la pena seguire il suo consiglio, secondo la sua propria personale, eventuale esperienza. Riuscirà pure ad spedire dei grillini a Roma, ma non credo che basti, considerato il...mittente, per garantire a sufficienza eccessive doti di onestà e intelligenza. Si "perderanno" come tutti gli altri. Solo strilleranno più forte.

clintock

Gio, 26/07/2012 - 00:07

Seguo Grillo (Libero , il Giornale, L'Unita' PD, PDL) su twitter e si, posso considerarmi tra quelli che dorme (su twitter leggo solo) ma seguo Grillo anche su FB e G+ e li non dormo ma cosa + importante di tutte e'che non dormiro' nemmeno alle elezioni.