I social invasi dagli sfottò contro il simbolo tenuto a battesimo da Alfano: «Non ha il quid»

RomaBocciato senza appello. A poche ore dalla presentazione ufficiale del simbolo del Nuovo centrodestra, la rete si scatena. E dire che Alfano aveva esultato e cinguettato felice: «Abbiamo scelto una forma geometrica, il quadrato. Lati e angoli sono uguali. Richiama l'idea di uguaglianza, di merito». L'ex governatore lombardo, Roberto Formigoni, invece va oltre: «Spiazzante! Diverso da tutti gli altri, innovativo e futurista», twitta raggiante. Peccato che proprio su Twitter piombino le bordate più acide. Il pubblico stronca, quanto meno dal punto di vista estetico, il logo degli alfanidi.
Quelli de Linkiesta sono perfidi: «Se anche il logo è senza quid...»; ma pure Veronica Rimo va giù duro: «Sembra una compagnia di assicurazioni. Di quelle che non si c...ga nessuno». Caterina Soffici arriccia il naso: «Sembra la targa di uno studio dentistico»; mentre Michele Paoli scuote la testa: «Se il buongiorno si vede dal logo, siamo alla buonanotte». Non piace a nessuno, insomma. O quasi nessuno. Tanto che Giuseppe Calcaterra ragiona così: «Sul logo dell'Ncd la cosa più sconvolgente è che qualcuno alla fine ha detto “Sì, mi piace”». Carmine Di Vizio ha da dire pure sul colore: «Ma Alfano lo sa che il blu è il colore più usato per le mattonelle dei bagni?»; mentre Boris Sollazzo commenta così: «Vabbuó, Alfano vuole perdere. Con questo simbolo manco rappresentante di classe del figlio lo fanno».
Facile fare dell'ironia su un logo francamente gelido e asettico. Pietro Salvatori annuncia un suo retroscena: «Ncd, ossia “Non c'avemo designer”». Eugenio Cipolla invece lo imita e fa la parodia: «Ecco il nuovo simbolo: Noi Come Dudu». Un utente che si chiama «E basta» si domanda invece: «Ma Ncd cosa vuol dire? Negati coi disegni?». Giancavassa è tranchant: «Uno studente al terzo anno del liceo artistico avrebbe fatto meglio», giura. Tutti contro l'ideatore di un logo che in verità non ha convinto neppure Fabrizio Cicchitto che in un fuorionda si sfogava col ministro Lupi: «È troppo scuro, il blu sembra nero e non si capisce il perché...». Tagliente come un rasoio è Winstons123: «Un logo freddo, ma allo stesso tempo solido e grazie al blu, rassicurante. Più che altro non mi rassicura Formigoni...». A partorire quello che internet ha già giudicato come il simbolo più brutto in circolazione è un giovane grafico romano, under 30: Andrea Valesini. Anche la politica dice la sua sul simbolo alfaniano e il forzista Galan non si tira indietro: «È triste e brutto - dice il fedelissimo berlusconiano - sembra la scatola di un medicinale generico. Mi ricorda i patetici manifesti della Bulgaria dei tempi andati. Poi averlo comprato da Bocchino mi sembra il massimo del minimo...».
Il biglietto da visita dei ministeriali, dal punto di vista estetico, pare abbia fatto già flop. Sperano non sarà così invece oggi, quando Alfano e i suoi animeranno la prima convention del partito, negli Studios De Paolis di via Tiburtina a Roma. Minimalista anche il summit: un'ora e mezza di incontro. Non di più.