Infrazioni Ue, Italia maglia nera

Le infrazioni ad oggi sono 105, di cui 81 riguardano casi di violazione del diritto Ue e 24 il mancato recepimento di direttive

 

Italia maglia nera in EuropaLa procedura Ue contro il nostro paese per i ritardi nei pagamenti alla Pubblica Amministrazione è solo l’ultima di una lunga lista di contenziosi aperti, di infrazioni e di avvertimenti che colpiscono il Belpaese. In base all’aggiornamento del 23 gennaio, pubblicato dal governo, le infrazioni a nostro carico sono 105, di cui 81 riguardano casi di violazione del diritto Ue e 24 il mancato recepimento di direttive. Sono svariati i settori in cui la Commissione europea ha avanzato azioni contro il Belpaese: in testa troviamo l’ambiente con 22 contenzioni in corso; poi fisco e dogale (14); trasporti (12); lavoro e affari sociali (7) in ex equo con appalti, solo per citare alcune cifre.

Le contestazioni interessano casi di ogni tipo, dal caso Ilva ai succhi di frutta. Una delle più importanti è infatti la procedura legata allo stabilimento siderurgico di Taranto per la violazione delle norme in materia di responsabilità ambientale avviata lo scorso settembre. L’ultima in ordine cronologico riguarda invece il mancato recepimento della direttiva sull’accesso all’attività degli enti creditizi e sulla vigilanza prudenziale sugli enti creditizi e sulle imprese di investimento. Risale invece al 2007 quella sulla golden share, i poteri speciali da applicarsi a determinate imprese per la salvaguardia di interessi nazionali. Di grande impatto per i consumatori è invece quella sulla cattiva applicazione delle norme su compensazione ed assistenza ai passeggeri in caso di negato imbarco, di cancellazione del volo o di ritardo prolungato.

C’è poi la procedura sulle pensioni per le differenze uomo-donna, o quella sulla mancata attuazione del pacchetto ferroviario. Ci sono poi valange di procedure su altre questioni: dagli imballaggi alla farmacovigilanza, i succhi di frutta, la traduzione dei procedimenti penali, gli animali usati per gli esperimenti e persino i camini. Innumerevoli procedure dunque, la più vecchia risale al 1992 e riguarda la pesca, ma nessuna sanzione pagata ad oggi. L’iter delle procedure è infatti molto lungo e per anni Bruxelles le ha usate più che altro come deterrente. La procedura contro la Pa segna però un punto di svolta perché, per la prima volta con la direttiva in merito, si rende vincolante il pagamento degli interessi di mora.

Commenti

Gianca59

Lun, 31/03/2014 - 16:58

Con i fannulloni che ci governano non potevamo che prenderci tutte queste multe …..

aitanhouse

Lun, 31/03/2014 - 17:05

ma cosa aspettano per buttarci fuori ? siamo brutti , sporchi e cattivi, non abbiamo neppure il coraggio di aprire la porta ed andare via: facciano una buona azione , ci caccino da questo casino-europa-euro, saremo tutti più contenti!

guerrinofe

Lun, 31/03/2014 - 17:14

SI FACCIANO PAGARE AI DIRIGENTI RESPONSABILI!! QUESTA SI CHE E' ECONOMIA. E DIMISSIONI IMMEDIATE!!!

angelomaria

Lun, 31/03/2014 - 17:16

ora si che c'e' da ridere che non hanno piu'il solito nome daincolpare hoi hoi ne vedremo/te delle belle mi dispiace per voi i veri TARTASSATI!!e anche se si dovesse andare in EUROPAo vicere l'elezioni il vuoto che lascieranno non voglio neanche pensare quanto tempo ci vorra'per rimetterlla dico appena appenain ginocchio poi finalmente in piedi m'immagino gia'chi ci dsra'contro magari anche con un po'di ragione ma i miracoli non si vedono piu'tanto e di quello e' che l'italia ha BISOGNO sia per debito che per le varielobby che stanno distruggendo tutto quello che un tempo si dava per scontato da magistratura a welfare oddio piu'ci penso piu'diventi triste come ripartire dameno 1.ooo.000.0000e....

Massimo Bocci

Lun, 31/03/2014 - 17:22

Un popolo di ASSERVITI!!!! TRUFFATI!! Schiavi a PAGAMENTO, si vede anche dalle VESSAZIONI e ARBITRI disposto a subire nelle sua INETTITUDINE DI TRUFFATO, una cricca di LADRI!!! Anti Italiani, COMUNISTI!!-CATTO!!! Non solo ci ha cacciato in questo INFERNO a PAGAMENTO, ma subiamo oltre a pagare IL PIZZO DI ASSERVIMENTO, per fare gli schiavi, anche le multe perché non ubbidiamo prontamente agli ORDINI, ITALIANI MA CHE CAZZO DI PAESE E DI POPOLO SIAMO PER SOPPORTARE SIMILI ANGHERIE, su via un po' di amor proprio ITALIANO!!! E mandiamo questa associazione di MAFIA e LADRI a RAMENGO!!!! Viva l'Italia, libera decomunistata, UE-EURO.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 31/03/2014 - 18:36

E' desolante constatare,che all'interno della vituperata EU,l'Italia riesce comunque,ad essere "multata",a muoversi a spintoni,in balia degli altri,di se stessa.L'Italia si è ridotta ad uno "zombi".L'uscire da questa EU,per un Paese "normale",sarebbe auspicabile,e sicuramente non traumatico(checchè ne dica "mortadella").Uno "zombi"(se prima lo "zombi" non viene "risuscitato" da qualche rivoluzione),come siamo noi ora,farà la fine che dice "mortadella",se non peggio.Morale:"risuscitiamo" lo "zombi",e poi fuori....

Ritratto di massiga

massiga

Lun, 31/03/2014 - 18:51

Ma guarda. Vi siete dimenticati di elencare la multa che ogni anno paghiamo per Rete 4, che usa frequenze abusive

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Lun, 31/03/2014 - 18:51

Non é questione di una sinistra retriva sconfitta con la sua menzogna e la sua truffa in tutto il mondo che in Italia ha trovato il suo rifugio. Non é questione di una destra vecchia, ignorante e faziosa dalla parte di una miserabile casta di azzeccagarbugli mossi da un egoismo di una ottusitá terrificante altra faccia della medaglia di un apparato giudiziario che impone sopra al Paese l´inquestionabile irresponsabile autoritarismo della piú nera ottusitá e ignoranza. Nemmeno é questione di un putridume di pidocchi che vengono dal liquame di fogna che hanno occupato i luoghi della informazione e della cultura e del autoritario conformismo fanno la loro bandiera umiliando e censurando ogni minimo cenno di originalitá e intelligenza ... É solo questione di codice genetico di un popolo destinato a essere cancellato dalla faccia della terra ... La marea nera di migranti che invadono il Paese é un segno della Divina Provvidenza per un nuovo Paese incomparabilmente migliore con quello di oggi che é solo capace di assolvere la sua bassezza condannata da Dio. (E tu lurido pidocchio che cosa sai fare a parte di censurare per mantenere il dominio sopra al Paese della tua bassezza? ... Se arriverá il default e la guerra civile noi ti verremo a trovare in redazione per l´incomparabile piacere di dare il nostro contributo di Vera Giustizia)

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Lun, 31/03/2014 - 18:51

Non é questione di una sinistra retriva sconfitta con la sua menzogna e la sua truffa in tutto il mondo che in Italia ha trovato il suo rifugio. Non é questione di una destra vecchia, ignorante e faziosa dalla parte di una miserabile casta di azzeccagarbugli mossi da un egoismo di una ottusitá terrificante altra faccia della medaglia di un apparato giudiziario che impone sopra al Paese l´inquestionabile irresponsabile autoritarismo della piú nera ottusitá e ignoranza. Nemmeno é questione di un putridume di pidocchi che vengono dal liquame di fogna che hanno occupato i luoghi della informazione e della cultura e del autoritario conformismo fanno la loro bandiera umiliando e censurando ogni minimo cenno di originalitá e intelligenza ... É solo questione di codice genetico di un popolo destinato a essere cancellato dalla faccia della terra ... La marea nera di migranti che invadono il Paese é un segno della Divina Provvidenza per un nuovo Paese incomparabilmente migliore con quello di oggi che é solo capace di assolvere la sua bassezza condannata da Dio. (E tu lurido pidocchio che cosa sai fare a parte di censurare per mantenere il dominio sopra al Paese della tua bassezza? ... Se arriverá il default e la guerra civile noi ti verremo a trovare in redazione per l´incomparabile piacere di dare il nostro contributo di Vera Giustizia)

Ritratto di Svevus

Svevus

Lun, 31/03/2014 - 20:17

Voterò solo chi mi assicura che usciremo dall' Europa, dall' euro e dalla NATO.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 01/04/2014 - 00:40

I parassiti che fingono di fare politica per il nostro paese ci danneggiano in due modi. Il primo perché prendono i nostri soldi senza fare il loro dovere ed IL SECONDO PERCHÉ FANNO PAGARE A NOI LE CONSEGUENZE DELLA LORO INETTITUDINE.