Ingroia stufa anche l'Anm: "Basta comportamenti politici"

Il presidente Sabelli striglia il pm per le affermazioni politiche fatte alla festa del Fatto. La replica di Ingroia: "Rivendico la mia analisi"

Incredibile, ma vero. Anche l'Associazione nazionale dei magistrati si è accorta che nei comportamenti del procuratore aggiunto di Palermo, Antonio Ingroia qualcosa che stride con il suo ruolo di magistrato c'è. Cosa? Le sue affermazioni e i suoi comportamenti "politici".

Infatti, il presidente dell’Anm Rodolfo Sabelli ha bacchettato il pm che, alla festa del Fattoquotidiano, ha fatto "un’affermazione che ha oggettivamente un contenuto politico" invitando i cittadini a cambiare la classe dirigente. Inoltre, "con il collega Di Matteo avrebbe dovuto dissociarsi dal plateale dissenso" espresso alla festa del giornale di Padellaro nei confronti del capo dello Stato Giorgio Napolitano.

L'affermazione incriminata è relativa alla stagione delle stragi mafiose sulla quale, secondo il magistrato "non è emersa ancora tutta la verità, ma a queste condizioni questo è il massimo risultato possibile e queste condizioni difficilmente potranno cambiare con questo parlamento che ha approvato leggi ad personam e che è responsabile del disastro legislativo in cui ci siamo trovati”. Da qui Ingroia ha poi rivolto un appello ai lettori del Fatto: “Dovete cambiare la classe dirigente e questo ceto politico. Si deve voltare pagina”.

Parole che hanno "svegliato" il presidente Sabelli, secondo cui "tutti i magistrati, e soprattutto quelli che svolgono indagini delicatissime, devono astenersi da comportamenti che possono offuscare la loro immagine di imparzialità, cioè da comportamenti politici".

Il presidente del sindacato dei magistrati ha aggiunto che "Ingroia ha anche sbagliato, come pure Di Matteo, ad assistere in silenzio alla manifestazione plateale di dissenso nei confronti del capo dello Stato: in una situazione così un magistrato deve dissociarsi e allontanarsi". Il tutto perché, secondo Sabelli, tutti i magistrati dovrebbero "evitare sovraesposizioni" e non dovrebbero "mostrarsi sensibili al consenso della piazza".

Tutte disposizioni che Ingroia, non solo questa volta, ha più volte messo in discussione. La strigliata dell'Anm, seppur legittima, resta comunque tardiva. Perché il pm siciliano, ormai da tempo, confonde i ruoli di magistrato e di aspirante politico. Dalle apparizioni televisive nel salotto di Santoro insieme con Ciancimino jr., alle partecipazioni ai convegni di partito o alle manifestazioni dell'Idv di Di Pietro e Travaglio contro il bunga bunga, fino alla festa bolognese della Fiom e alla confessione di "partigianeria" sul palco di Rimini durante il VI Congresso nazionale dei comunisti italiani: Ingroia ha sempre rischiato - quantomeno - di andare oltre il suo ruolo professionale. Proprio per l'apparizione dai comunisti, il Csm aveva aperto un procedimento disciplinare che, nonostante sia stato poi archiviato in quanto si trattava di un caso isolato, definiva la partecipazione del pm al congresso "inopportuna".

Insomma, Ingroia fa sempre parlare di sé. Negli ultimi giorni, la discesa in campo politico della toga era stata data per probabile (il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha cercato di convincere Ingroia a candidarsi alle prossime regionali), anche se poi il pm ha smentito, ma nemmeno in modo perentorio. E pensare che uno dei mantra che il titolare dell'inchiesta sulla presunta trattativa Stato-mafia ripeteva era questo: "Agli occhi del cittadino il magistrato non soltanto deve essere imparziale ma deve anche apparirlo”.

Adesso invece, il pm preferisce rispondere a Sabelli con queste parole: "Ciascuno quando si tratta di segni politici ha diritto di esprimere la propria opinione". Inoltre, Ingroia ha replicato a Sabelli spiegando che "rivendico la mia analisi storica e sociologica del fenomeno mafioso: il collega Sabelli non conosce il contenuto della mia intervista e si è fidato di una frase estrapolata. Io ho fatto un intervento, sul rapporto tra potere mafioso e politica e ho parlato di un certo modo di essere della classe dirigente che, invece di attuare una politica di annullamento, ha attuato una politica di contenimento della mafia e ho detto che per recidere i legami tra Cosa nostra e certa Classe politica occorre rinnovare la classe politica. E da esperto di mafia, di questi argomenti posso capire più di
Sabelli, con tutto il rispetto".

Commenti

sara35

Lun, 10/09/2012 - 19:43

Il suo strideva già ai tempi di Falcone e Borsellino.

sara35

Lun, 10/09/2012 - 19:44

*ruolo

sara35

Lun, 10/09/2012 - 19:53

Tra le altre cose, non si capisce come mai ingroia, dopo la pessima figura fatta con il processo al Capitano Ultimo e al Gen. Mori, rivesta ancora l'incarico. In un paese giuridicamente civile starebbe agli arresti per intralcio alla giustizia e non aggiungo altro.... a buon intenditor.....

prodomoitalia

Lun, 10/09/2012 - 19:58

l'A.N.M. tenta di chiudere il recinto ...quando i buoi son già scappati da un pezzo ???? Ma per favore !!!!!

Ritratto di paola29yes

paola29yes

Lun, 10/09/2012 - 19:59

L'ANM si è mossa perchè hanno toccato il nuovo Stalin italiano, fosse stato Berlusconi,tutti zitti.

killkoms

Lun, 10/09/2012 - 20:05

l'anm poteva anche svegliarsi prima!

bruna.amorosi

Lun, 10/09/2012 - 20:12

L'ANM è la vergogna di tutta la magistratura d'italia e mi domando a cosa serve dato che quando era necessario parlasse strano erano tutti muti . di certo a INGROIA gli fanno un favore così ha la scusa di scendere in politica ancora prima .

sara35

Lun, 10/09/2012 - 20:21

Sono tutte chiacchiere, come dice il proverbio... cane non morde cane! Inutile che cerchino di darcela a bere, il malaffare sta alla politica come alla magistratura. Basta informarsi un minimo ed il quadro è chiaro e limpido.

Daniele Sanson

Lun, 10/09/2012 - 20:29

E' un pò tardi ... Sono anni ormai che hanno alzato le sbarre e i buoi sono scappati ! Danisan

antonin9421

Lun, 10/09/2012 - 20:45

..esistono anche sanzioni oltre le chiacchiere, o no?

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Lun, 10/09/2012 - 21:06

Dopo questa MOLTO tardiva presa di posizione dell'ANM aspetto che ora si muova il CSM.Sono proprio curioso di vedere se e cosa farà.

gurgone giuseppe

Lun, 10/09/2012 - 21:09

A questo punto, con l'ANM che muove appunti a Ingroia, credo che se si vuol sapere qualcosa di più di quello che già si sa, e cioè che queste storie di mafia sono tutte un imbroglio dove vi sono immischiati magistrati, politici, forze dell'ordine e altro ancora,converrebbe assecondare Ingroia nella sua sfrenata voglia di protagonismo. E' un esibizionista, gli piace stare al centro dell'attenzione e parlare. Finirà per spifferare tutto quello che sa. Sosteniamolo, chissà che non escano fuori cose interessanti.

Jonovan

Lun, 10/09/2012 - 21:16

Visto che l'ANM si è stranamente svegliata,spero tanto che propini una promozione esemplare contro il Dott. Ingroia,possibilmente facendolo Procuratore Capo di qualche grande città del nord. (Sapete in Magistratura si punisce promuovendo sic.)

vince50

Lun, 10/09/2012 - 21:18

Probabilmente la notorietà e necessaria per entrare in politica (gli esempi già ci sono),evidentemente rende di più.

silvano45

Lun, 10/09/2012 - 21:21

la falsità e inutilità di questi tardivi richiami sono palesi occorre una norimberga anche per molti magistrati italiani che sono impegnati solo in tv e alla fine del mese a ritirare lo stipendio

lamwolf

Lun, 10/09/2012 - 21:26

E se invitiamo il popolo a cambiare la giustizia, magistrati e giudici che fanno politica invece di amministrare apoliticamente la giustizia? Speriamo presto........

giovanni PERINCIOLO

Lun, 10/09/2012 - 21:30

Meglio tardi che mai! Stupisce pero' che a svegliarsi per primo sia stato il sindacato dei magistrati e ci si domanda cosa diavolo ci stia a fare il CSM che come al solito brilla per la sua assenza. In tempi di spending rewew sarà forse il caso di metterlo sulla lista degli "enti" inutili da sopprimere!

gian paolo ledda

Lun, 10/09/2012 - 22:03

Ma va là! Dopo il lungo letargo e la supina acquiescenza l'anm si accorge che qualche magistrato -nel nostro caso il mai non troppo citato Ingroia-,per dirla in volgare,la fa un po' fuori! Cosa mai può aver fatto indignare l'associazione corporativa dei magistrati? Il fatto che il magistrato palermitano abbia un po' rotto le uova nel paniere dell'inquilino del Colle? Oppure lo strabordante protagonismo di un giudice,onnipresente in tutte le occasioni in cui può far esaltare la sua visibilità (forse in attesa di ingresso ufficiale e di schieramento nel teatrino della politica)? Per il passato,anche per consimili situazione tipo Ingroia,non risulta ricorrente nessun tipo di intervento o di presa di posizione contro magistrati che si sono dati da fare coi loro outing di impegno politico.Come dire,che risulta sempre difficile entrare nella tortuosa ed insondabile mente dei cervelli della massima associazione delle toghe.Comunque,da registrare la puntigliosa e piccata puntualizzazione dell'Ingroia,evidentemnte sicuro del fatto suo e per nulla intimorito dalla presa di posizione della sua associazione!

Howl

Lun, 10/09/2012 - 22:05

Ma guarda ste toghe rosse.......

odifrep

Lun, 10/09/2012 - 22:17

A N M : prendi e porta a casa. Hai fatto bene, "caro" Ingroia, a rispondere (a modo tuo) a quei magistrati "anti-democratici". Siamo o non siamo, in democrazia, e, quindi, un magistrato che fa gli -interessi- dello Stato, non può neanche esprimere la sua opinione politica!. Una volta che non c'è più, il Duce, permettete che, qualcun altro possa ripetere: "me ne frego", dell'A N M. Saluti.

GiuliaG

Lun, 10/09/2012 - 22:32

@silvano45, e che stipendio! è proprio allo stipendio dei magistrati che è collegato quello dei parlamentari.

Luigi Fassone

Lun, 10/09/2012 - 22:41

Ma questo eccelso Magistrato non dovrebbe già essere emigrato,per lavoro,si capisce,in Centramerica ? Va a finire che ce lo ritroveremo,come Veltroni,sempre tra i piedi e tra le toghe d'Italia.e questo sarebbe ancora niente,ce lo dovremo sorbire in tutti i "TOKSCIO'" d'Italia...

Ritratto di sailor61

sailor61

Mar, 11/09/2012 - 00:07

Basta toccare le persone sbagliate e anche alle pulci viene la tosse! Vorrei vedere se al posto di un magistrato le stesse cose le avesse fatte per esempio un generale o un ammiraglio, e magari per il centro destra.... Apriti cielo, richiesta di immediate dimissioni, tentativo di golpe e chissà quant'altro! Questi signori che amministrano la vita di fatto invece possono permettersi di tutto. Direi che sia il caso che certe manifestazioni cessino e che tornino in silenzio a fare i magistrati! Forse diminuirebbero i tempi dei processi! Daniele

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 11/09/2012 - 01:06

Non illudiamoci. La mossa dell'ANM è fumo negli occhi. Se non sono intervenuti finora significa che c'è del marcio tra le toghe rosse all'interno della magistratura. La riprova sta nella risposta del pm. Rivendica un diritto che però non esprime come cittadino ma come esponente di un'istituzione pubblica. Un diritto non previsto dal nessun incarico in magistratura.

guidode.zolt

Mar, 11/09/2012 - 01:36

Gli e' tutto da rifondare...

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Mar, 11/09/2012 - 05:51

MIO DIO! E' impressionante il disagio che ci procura il doverci occupare di questo furbetto borderline, che lo vedremmo bene ad oziare con la sua astuta demenza nei giardinetti di periferia, vuoti di socialità apprezzabile. Uno scherzo di cattivo gusto del destino invece ce lo ha messo come un lacciuolo fra le gambe.

Indomito

Mar, 11/09/2012 - 06:32

Non cambia nulla. Continuerà imperterrito sino a quando la volante rossa non lo eleggerà, magari senatore. (É piú chic), per poi ritornare in possesso della toga alla prima esigenza.

Mario Marcenaro

Mar, 11/09/2012 - 08:06

Chi tocca il Colle muore: la legge é uguale per tutti, tranne che per qualcuno. E' la democrazia, bellezza!

Holmert

Mar, 11/09/2012 - 08:32

Il magistrato ha detto che questa è una classe politica da cambiare. Nessuno potrebbe dargli torto.Però avrei voluto ascoltare che anche questa magistratura va cambiata, se non riformata.Di solito ,quando un magistrato partecipa ad un corteo di protesta con i centri sociali,quando va ad un convegno di partito,quando manifesta idee politiche in una trasmissione televisiva,si giustifica dicendo che lo fa, non in veste di magistrato,ma in veste di libero cittadino che in una democrazia perfetta(perfetta la nostra?)esprime le proprie idee. Troppo comodo,troppa grazia S.Antonio,direbbesi.Fare il magistrato è impegno troppo serio,egli dovrebbe addirittura vivere in isolamento,per non contrarre amicizie che potrebbero avallare sospetti.E' un super partes,è un cittadino al di sopra di ogni sospetto di connivenza con chicchessia.E' come se un prete,dopo avere celebrato messa e letto il vangelo,andasse in un convegno di atei,esprimendosi a loro favore e giustificandosi che lo fa come libero cittadino. Certe cose le sentiamo solo in Italia,nemmeno nel Burkina Faso.

Ritratto di Izdubarino

Izdubarino

Mar, 11/09/2012 - 08:49

Questi personaggi vogliono fare politica al riparo dei loro privilegi, intoccabilità, inamovibilità, lauti stipendi. Sono blindati e non rispondono a nessuno delle loro azioni o dichiarazioni. Roba che nemmeno nelle repubblichette sudamericane...

gicchio38

Mar, 11/09/2012 - 09:00

Ingroia stufa anche l'Anm: "Basta comportamenti politici". E FINALMENTE I VECCHI TAMARRI CON A CAPO IL GRANDISSSSIIIIMO PRESIDENTE COMUNISTA CHE NON HA MAI PARTECIPATO A NESSUNA RIUNIONE DEL CSM. ERA SEMPRE PRESENTE QUEL MATUSALEMME CHE NON SO NEANCHE COME SI CHIAMA CHE FACEVA SOLO SCENA MUTA. SPERIAMO CHE QUELLA FACCIA DA RICERCATO SPARISCA DALL'ITALIA E SE NE VADA DOVE CAZZO VUOLE NEL MONDO PURCHE' LONTANO DALL'ITALIA CHE HA IMPESTATA CON LA SUA PUZZA E PROPOTENZA.

ripper

Mar, 11/09/2012 - 09:28

Ingroia visto che fai (o melgio, pensi di saper fare) analisi perchè non cambi mestiere? Apri un laboratorio (analisi). Ma un bel licenziamento no?

baio57

Mar, 11/09/2012 - 09:56

@ Howl Lei forse si dimentica che esiste Magistratura Democratica che conta circa 900 iscritti , orientata politicamente a Sx ,con alcuni suoi esponenti candidatisi od eletti in formazioni politiche di Sx . Tutto il resto è fuffa !

Ritratto di Zago

Zago

Mar, 11/09/2012 - 10:00

Aveva mille ragioni Berlusconi quando diceva che erano tanti i giudici pubblicizzati e ora con questo caso ne è la prova lampante. Mi meraviglio del silenzio del sindacalista Palamara che ad ogni stanuto del Cavaliere era subito pronto a riffanciarlo. Ormai lo sappiamo tutti che parte della magistratura fa politica.

giovauriem

Mar, 11/09/2012 - 10:17

mi sbaglio o in itali nessuno è al di soppra della legge? se si come mai i magistrati lo sono? ingroia se ne frega di quello che dice l'anm perchè nell'immenso potere che si arroca c'è anche la possibilità di poter sottoporre al ,suo, giudizio penale(e personale) l'intera anm,dove dobbiamo arrivare per mettere un freno a questo scempio?

Angiolo5924

Mar, 11/09/2012 - 10:28

Sbaglio o il Nostro aveva dichiarato tempo fa che lui si sente "schierato"? L'Anm (alias la Brutta Addormentata) finalmente dice qualcosa. Chi tace invece è il solito Csm, la carta igienica dei magistrati rossi, con il suo Capo, Giorgio Naòpolitano. Che, dimenticavo, è comunista anche lui.

Luigi Fassone

Mar, 11/09/2012 - 10:54

Già inviato iersera,ore 22,42 : Ma questo Magistrato non dovrebbe già essere emigrato,per lavoro,si capisce,in Centramerica ? Va a finire che ce lo ritroveremo,con la loquacità che si ritrova,come Veltroni,sempre tra i piedi e tra le toghe d'Italia. E questo sarebbe ancora niente,ce lo dovremo sorbire in tutti i "TOKSCIO'" d'Italia...

Massimo Bocci

Mar, 11/09/2012 - 11:08

Ha ragione ANM, non faccio ironia su cosa parafrasando si poterebbe abbinare su questa sigla, pero questo azzecca garbugli (pagato LAUTAMENTE tutti i 23 del mese), impiegato servitore dello stato come la i capi (Poli Biuro??) della sigla, che pronunciano sentenze in nome del Bue;.......Dunque l'azzecca, deve rispettare le gerarchie la politica la fa solo Poli Biuro, i consociati azzecca, devono solo applicare le DIRETTIVE!!! In fondo siamo o NO!! In una PSEUDO DEMOCRAZIA (KGB) comunista catto e allora cosa volete anche PARLARE, quando è troppo e troppo.

Ritratto di Senior

Senior

Mar, 11/09/2012 - 11:09

A mio parere, il CSM, come istituto, nel rimproverare Ingroia, fa a sua volta una azione politica, seppure indiretta. Perché di magistrati che hanno usato le loro prerogative per fare politica, ce ne sono stati più di uno ed il CSM di allora ha fatto orecchie di mercante. Vogliamo dire che il silenzio o la critica dipende dall'obbiettivo dei PM? Oppure accettiamo che di pende dal Presidente del CSM di turno? Comunque sia l'anomalia è saltata, con piena visibilità, agli occhi di tutti. Facendo un accostamento con la medicina, si dice che solo quando si conosce la malattia si può trovare il farmaco che la cura e la guarisce. Affidiamoci a questa speranza. senior

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 11/09/2012 - 11:11

Trovo strano che la mummia non abbia ancora parlato!!

paolo gippo

Mar, 11/09/2012 - 11:12

Ora i sinistroidi si accorgono che una buona parte dei magistrati e' politicizzata. Dov'era questa feccia umana quando vomitavano fango sul Berlusca? Poveri decerebrati rossi.

Ritratto di Bartuldin

Bartuldin

Mar, 11/09/2012 - 11:30

Il CSM gli ha dato solo un simbolico scappellotto virtuale dietro la nuca e gli ha detto: va e non commettere piú questa mancanza. Lui, che degli scappellotti virtuali simbolici se ne strafrega, continuera imperterrito a fare i suoi comodi. Fine della storia.

Angelo48

Mar, 11/09/2012 - 11:35

Dunque il democratico (sic!!)Ingroia afferma: "..ho detto che per recidere i legami tra Cosa nostra e certa Classe politica occorre rinnovare la classe politica..." Ma che bravo!! E dei "rapporti" tra Cosa nostra e "certi magistrati" cosa mi dice? Perche' - ad esempio - lui ed Il Fatto quotidiano" non ci svelano gli strani rapporti che il medesimo intrecciava con il boss di Bagheria tale Michele Ajello di cui alle intercettazioni telefoniche del 2003 eseguite dal gruppo Operativo antimafia dei carabinieri di Palermo? Come mai si faceva ristrutturare la sua villa dal boss braccio dx di Provenzano ubicata di fianco a quella del boss medesimo? Al termine della telefonata Ajello diceva . "...tranquillo dottore, ci pensiamo noi…". Ecco, ci spiega l'integerrimo magistrato dal pensiero "democratico", su quali cose lo tranquillizzava il mafioso! Oppure noi comuni mortali dobbiam solo sapere che Berlusconi aveva rapporti con il mafioso Mangano? Ci spieghi, ci spieghi.....

vince50_19

Mar, 11/09/2012 - 13:15

Dott. Ingoria: piccolo consiglio (non consigliori) disinteressato e sussurrato! Se ne vada domani mattina in Guatelama, anche a nuoto se non trova la giusta concidenza aereo-nave-monopattino-aqua jet.. Così eviterà si rifiatare giustificazioni puerili e continuare a far del male all'ordine, ripeto ordine della magistratura. Amen!

agosvac

Mar, 11/09/2012 - 13:47

Ormai il comportamento d'ingroia è risaputo: non è un magistrato, è solo un politico di sinistra se non di estreama sinistra. Ingroia parla sempre di eventuali collegamenti tra mafia e politica,e questi indubbiamente potrebbero esserci. Non parla mai di eventuali collegamenti tra magistratura e mafia. Eppure senza questi collegamenti strani sarebbe inspiegabile come mai molti magistrati lasciano decadere i termini di custodia oppure si "dimenticano" di depositare le sentenze, lasciando in libertà molti mafiosi peraltro estremamente pericolosi. E neanche parla, ci mancherebbe, di eventuali convivenze tra mafiosi pentiti e pm d'assalto!!!! Probabilmente dimentica o fa finta di dimenticare quanto detto più volte dal suo pupillo ciancimino junior: alla procura ho le chiavi di tutto, faccio quello che voglio, ho accesso ai loro computer! Forse ingroia avrebbe dovuto essere più prudente nel dare accesso ai suoi computer ad un mafioso come ciancimino. D'altra parte alla procura di Palermo non sono nuovi a fughe strane di notizie rilevanti. Ricordo, molti anni fa, che si parlava di un "corvo" che dava notizie alla mafia. Questo corvo, ovviamente non fu mai scoperto, ma non poteva essere che uno all'interno della Procura e addentro nei suoi segreti.Qualcuno ricorderà che il grande Borsellino, dopo la barbara uccisione dell'amico Falcone, disse: siamo morti che camminano, ed aggiunse che non si sentiva protetto dai suoi stessi collaboratori. Ovviamente già sapeva che qualcuno, chissà chi, lo tradiva dall'interno, qualcuno tramava contro di lui come aveva tramato contro Falcone. Perchè??? Forse per gelosia, forse perchè aspirava a promozioni impossibili con Falcone e Borsellino ancora vivi, forse, ma spero di no, perchè d'accordo con i nemici di Falcone e Borsellino!!!! C'è ancora molto di oscuro nella storia di quel periodo, qualcosa di tremendo che difficilmente verrà alla luce non finchè ci saranno questi politici, come dice ingroia, ma finchè ci saranno questi magistrati!!!!!

Il Falco

Mar, 11/09/2012 - 13:56

credo Isaia diceva: se vuoi distruggere un Popolo basta inviare dei cattivi giudici!!!!!!!!!!!!!!!!!!! credo che la prima cosa da riformare in Italia si a proprio la Magistratura, molto prima dei politici . Non sono Eletti da nessuno e sono intoccabili a tutti gli effetti.

Ritratto di nestore55

nestore55

Mar, 11/09/2012 - 14:26

Recita così un proverbio napoletano: Chi è troppo saputo addeventa scassacazzo e fesso. E ancora:Doppo tanto malu tiempo, hadda venì 'o bontiempo!...E.A.

angelomaria

Mer, 31/12/2014 - 14:04

PARLAVO DI ATTIVISTI E CORROTTI UNO E'LUI PER GLIALTRI BISOGNA TRASFERIRSI IN CAMPANIA E NEL PARLAMAMENTO HA DIMENTICAVOL'ISOLASICULA!!!!!!!!