INTERROGAZIONE ALLA CAMERA

Caso Vattani, si muove il Parlamento. È stata presentata ieri mattina da 24 deputati, prima firmataria Giorgia Meloni, un’interrogazione al ministro degli Esteri, Giulio Terzi di Sant’Agata (foto a destra), sulla memoria che la Farnesina ha consegnato al Consiglio di Stato sul caso Mario Vattani (foto a sinistra). A far infuriare i deputati, tutti ex An, il fatto che l’appartenenza di Vattani al Fronte della Gioventù possa essere una delle cause del suo allontanamento da Osaka dove era console. «Il Fronte della Gioventù è stato dagli anni ’70 al ’96 l’organizzazione giovanile di un partito legittimamente costituito» spiegano nell’interrogazione, lì «si è formata parte importante della classe dirigente» tra cui Gianfranco Fini «attuale terza carica dello Stato, che ne è stato segretario nazionale dal 1977 al 1988». I deputati quindi chiedono a Terzi «quanto abbia pesato tale posizione chiaramente discriminatoria nel motivare il richiamo immediato di Vattani in soli 5 giorni».
Commenti
Ritratto di marforio

marforio

Gio, 24/05/2012 - 08:21

Ci sarebbero cose piu urgenti da fare , ma questi scoppi ritardati potevano essere fatti subito. Non si puo servire una minestra fredda.Altrettanto vero e che non si deve soprassedere su casi che fanno godere la sinistra.´Non puo esistere e non deve esistere il misurare tutto con un solo occhio.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 24/05/2012 - 09:00

Non conosco Vattani e non posso neppure immaginare le ragioni che hanno spinto il pseudoministro Terzi a tagliarlo dal consolato di Osaka. Se l'unica pecca di Vattani è quella di aver militato nel Fronte della Gioventù, osservo che nel nostro Parlamento e in altre amministrazioni dello Stato (per esempio a Milano) circolano personaggi dell'ultra sinistra che hanno avuti legami di vario tipo con la lotta armata. Sarebbe dovuto più che gradito un chiarimento dalla Farnesina, ma sono pronto a scommettere che non ci sarà.