Italia beffata: l'agente Cia è già in fuga Lo 007 della vicenda Abu Omar torna negli Usa

È durata ben poco la prigionia a Panama di Bob Lady, l'ex capocentro della Cia a Milano, condannato a nove anni per il sequestro dell'imam Abu Omar. Lady era stato fermato l'altro ieri, in circostanze tutt'altro che chiare (pare in compagnia di una signora), e dai controlli al computer era emerso il mandato di cattura internazionale spiccato dalla magistratura italiana. Il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri aveva prontamente avviato la procedura di estradizione, che si annunciava difficile per l'assenza di un trattato bilaterale con Panama. Ma a chiudere la faccenda sono arrivati la rapida scarcerazione di Lady e il suo sollecito rientro negli States. Secondo le autorità panamense dall'Italia sarebbe giunta una documentazione «insufficiente» a trattenere Lady in prigione. Fonti del nostro ministero della Giustizia sottolineano però che da Panama non è giunta alcuna richiesta di integrazione della documentazione necessaria alla estradizione dell'ex agente Cia.

Commenti
Ritratto di wirtshaus-trier

wirtshaus-trier

Sab, 20/07/2013 - 09:27

cosa volete che faccia la culona italiana,non sapete che buona parte della terra è sottomessa ai padroni yankees? Figuriamoci poi la Italia.

buri

Sab, 20/07/2013 - 11:00

E cosa vi aspettavate? forse credevate che gli USA non si sarebbero mossi in difesa di un loro cittadino? se è così allora siete proprio ingenui, parliamo degli USA non dell'Italia dove si processa un generale dei Carabinieri sulla base di una denuncia fatta da un collaboratore, già ritenuto inattendibile in varie occasioni

Mario-64

Sab, 20/07/2013 - 11:19

Premesso che dal Messico in giu' tutto e' in vendita ,pensavamo davvero che ,fra noi e gli Stati Uniti ,Panama avrebbe dato retta a noi ??

giovannibid

Sab, 20/07/2013 - 11:30

BRAVI AMERICANI è così che si fa si difendono i propri cittadini e servitori dello Stato non come da noi che VIGLIACCAMENTE vengono traditi da una politica imbelle e da una magistratura dittatoriale VIVA LA LIBERTA'

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Sab, 20/07/2013 - 13:37

...Documentazione "insufficiente"! Traducasi in: Paese che, nel mondo, non conta un c.= I nostri governanti hanno ancora troppo di imparare. Forse avrebbero bisogno, per capire come va il mondo, di andare a prendere qualche lezione nella vicina Francia per quando riguarda i terroristi italiani ivi rifugiati, ospitati e protetti, in India per il modo in cui veniamo trattati per il caso dei nostri due valenti militari del Battaglione "San Marco" o negli Usa per il caso odierno; Vogliono fare i moralizzatori e i salvatori del mondo pur non avendo ne capacità ne possibilità. L'unica "positività" che hanno è quella di scannarsi a vicenda, mentre veniamo colonizzati e, quando si sveglieranno, si accorgeranno che sul Quirinale è cambiata bandiera mentre le nostre chiese sono state trasformate in moschee.

Antonio43

Sab, 20/07/2013 - 15:25

Già il processo contro quegli agenti americani ed italiani fu una buffonata clamorosa, per non smentirsi c'era in giro pure un ordine di cattura internazionale per prenderli ed ecco la seconda clamorosa figuraccia. Ma davvero pensavano di poter arrestare questo Lady? Di fargli scontare nove anni nelle nostre carceri? Se ne è tornato tranquillamente a casa e se risponderanno, lo faranno con un dipendente di ultimo ordine, per farci capire che siamo niente ed è inutile insistere. Noi per loro siamo meno del Kerala, visto le sberle che questo statuncolo ci ha rifilato. La giustizia milanese ci sta sprofondando in un mare di pupù!

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Sab, 20/07/2013 - 19:38

...Gli USA ci hanno soppesati con il caso Baraldini. Ci considerano per quel che siamo, cioè inaffidabili.

pajoe

Sab, 20/07/2013 - 20:46

Il Presidente Napolitano ha graziato.... nei giorni scorsi un Colonnello Statunitense di base ad Aviano implicato nella stessa inutile vicenda,quindi la grazia....per Mr Lady, pari grado del colonnello nell'amministrazione USA, sarebbe stata necessariamente in dirittura di arrivo.Tutto il resto è miserabile spocchia rossa.

pajoe

Sab, 20/07/2013 - 21:03

Un Paese che tiene sulla graticola per anni due Generali Italiani dalla brillante carriera e Capi di due importanti e vitali Istituzioni dello Stato,per causa di una politica squinternata e una Giustizia che lascia a desiderare, non puo' più definirsi civile e democratico.