Italiani? disoccupati e sfiduciati. In 3 milioni non cercano lavoro

I dati Istat presentano un quadro sempre più negativo: quasi 6 milioni di italiani non hanno lavoro

Un esercito di circa 5 milioni 720 mila persone: tutte alle prese con un lavoro che non c’è. Lo rileva l’Istat.

In Italia, infatti, nel 2012 gli inattivi disponibili a lavorare, ovvero che non hanno cercato un lavoro nelle ultime 4 settimane ma sono subito disponibili, sono 2 milioni 975 mila: registrando un +2,7% sul 2011. La quota di questi inattivi sulle forze di lavoro, stabile all’11,6% in confronto a un anno prima, è oltre tre volte superiore alla media europea Ue.

Inoltre, secondo le stime, negli ultimi 5 anni le persone in cerca di occupazione, cioè i disoccupati, sono passati da 1 milione e 506 mila del 2007 a 2 milioni 744 mila del 2012, con un aumento di 1 milione e 238 mila unità.

Commenti

franco@Trier -DE

Gio, 11/04/2013 - 12:39

male questo chi si ferma è perduto.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 11/04/2013 - 12:42

la finanza usuraia che sta distruggendo l' Europa colonizzandola è responsabile di un autentico GENOCIDIO. Non usa le armi, usa la l'immigrazione, la disperazione sociale.

marcomasiero

Gio, 11/04/2013 - 12:54

se andando a cercare anche un lavoro umile la gente si trova a dovere combattere con le orde di clandestini, definite una risorsa per il Paese, disposti a lavorare a due euro l' ora o meno cosa volete cercare ??? loro mica devono pagare IMU e simili ! al massimo un subaffitto ... ma loro sono la risorsa del Paese ... Se poi ci si muove in sù il discorso non cambia infatti il mercato del lavoro è poverissimo nell' offerta e chi deve gestire una famiglia cosa volete che ci faccia con quello che viene dato ? probabile così che ci sia chi continua ostinatamente a cercare e chi invece più debole decida che proprio non è cosa ... ma vi sentite di dargli torto ?

il gotico

Gio, 11/04/2013 - 13:04

l'Italia è sempre stata na nazione che si è ingegnata il lavoro, siamo geniali in questo, la nostra fantasia non ha limiti, purtroppo la nostra logica si, in caso contrario non avremmo avuto per anni farabutti e parassiti al governo, adesso siamo messi anche peggio, ci sono gli incapaci, gli inetti, glii ignoranti, che pur di non dare un governo all'Italia perdono tempo in disquisizioni e idee geniali, come i matrimoni gay, l'omofobia e l'ineggibilità di berlusconi... Bersani dormi ancora la notte ? Leggi in quanti attendono le riforme e una ripartenza della nazione, hai una coscienza che ti dice di levarti dai piedi ? Se la risposta è no ci sono milioni di cittadini che lo ripetono quotidianamente... VATTENE.

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Gio, 11/04/2013 - 13:06

Il titolo dell'articolo "Disoccupati e sfiduciati" è improprio, quello corretto dovrebbe essere "Disoccupati e sfaticati", perché dato che non ho notizie dall'Italia di disoccupati pelle ed ossa che muoiono a bordo strada premumo con un ragionevole grado di certezza che questi soggetti vivano della pensione dei genitori.

grattino

Gio, 11/04/2013 - 13:36

Ecco i risultati delle politica italiana in 20 anni... e' ancora c'e' gente che a il coraggio di votare pd-pdl...

Nadia Vouch

Gio, 11/04/2013 - 14:27

C'è un dato che riguarda anche l'indebitamento di molti, pare circa il venti per cento di coloro che lavorano, ma che in molti casi ora non lavorano più, con impegno di quasi l'intero stipendio per affrontare rate varie, dall'acquisto di mobili a mutui vari. Quindi, un esercito di persone non solo ora senza lavoro, ma anche indebitatissime e nella totale assenza di denaro per onorare dei debiti, contratti anche per futili motivi. Forse, parte di questi che ufficialmente risultano non cercare lavoro, in realtà operano al nero, perché altrimenti i creditori avrebbero qualcosa su cui far valere il proprio diritto a riscuotere. Intendo dire che c'è anche un interesse ormai a risultare ufficialmente "nullatenenti". Ovviamente, con ulteriore danno per altri, inclusi coloro che davvero si trovano nel bisogno.