Mezza Italia vuole uscire dall'euro

Secondo uno studio dell'Istituto Cattaneo, l'Italia è il Paese in cui sono aumentati di più i cittadini sfavorevoli all'euro. Sostieni il reportage Europa ribelle

"L'Italia è il Paese europeo che più degli altri ha perso fiducia nell'euro". Dati dell’Eurobarometro alla mano uno studio dell’Istituto Cattaneo registra come nel corso degli ultimi sei anni si sia creata una spaccatura tra i paesi dell’Europa mediterranea e le altre nazioni dell’Eurozona.

"Nel 2007 - si legge in un comunicato dell’istituto di rilevazione bolognese - si dichiarava a favore dell’euro il 64% dei cittadini dei cosidetti Paesi del Sud, mentre oggi lo stesso dato è inferiore di sette punti percentuali". Insomma, il 43% degli italiani sarebbe pronto a dare l'addio alla moneta unica già domani. Non deve, quindi, stupirci se il voto di domanica potrebbe trasformarsi in un vero e proprio referendum sull'Unione europea e sulla sua moneta. Secondo il rapporto dell'Istituto Cattaneo, infatti, i cittadini della Francia, Grecia, Italia, Spagna e Portogallo hanno progressivamente perso fiducia nell’utilità della moneta unica. Ed è proprio in questi Paesi che i partiti e i movimenti euroscettici hanno preso sempre più piede. Dal Front National di Marine Le Pen ad Alba Dorata, dal Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo alla Lega Nord. Con un'infinità di divergenze e distinguo sono numerosissime e popolarissime le forze politiche che hanno messo all'interno del proprio programma elettorale l'addio all'euro.

In Italia il calo del credito verso la moneta unica è "ancora più netto e marcato" rispetto a tutti gli altri Paesi dell'Eurozona. Secondo l'istituto di rilevazione di Bologna, il divario tra italiani pro e contro l’euro è infatti diminuito di dieci punti dal 2007 a oggi. Si tratta della flessione più elevata tra tutti i Paesi dell’Eurozona. Al momento del debutto dell’euro, gli italiani che lo vedevano con favore erano il 76%, mentre oggi sono soltanto il 53%. Nel giro di poco più di un decennio l’Italia ha disperso una riserva di fiducia verso la moneta unica di ben 23 punti percentuali. "Di questa sfiducia - si legge nel report - alcuni partiti si sono impossessati nella campagna elettorale, ma questa pre-esisteva ai partiti e alla campagna elettorale". Secondo gli analisti dell'Istituto Cattaneo, il grande valore emotivo della moneta per qualsiasi cittadino e il fatto che fosse cresciuta la sfiducia nei confronti dell’euro avrebbe spinto alcuni partiti come Lega nord, Cinque Stelle, Fratelli d'Italia e in parte Forza Italia, a "cavalcare questo tema e ad amplificarlo ulteriormente". Per questo, concludeo il sondaggio, "il fenomeno appare radicato nell’opinione pubblica, quindi ancor più preoccupante agli occhi di chi ha guardato all’Europa con speranza".

Commenti
Ritratto di cangrande17

cangrande17

Gio, 22/05/2014 - 14:54

Chiaro che (almeno) il 50% degli italiani vuole uscire da Euro ed UE. Non capisco come mai Berlusconi insista a non fare una politica anti-Euro e anti-UE. Dobbiamo votare Lega? Mah...

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Gio, 22/05/2014 - 14:59

Dopo il nuovo fronte Russia Cina chi esce dall'Euro muore di fame

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Gio, 22/05/2014 - 15:01

Mentre uno su due lo vuole , allora come la mettiamo ?

Ritratto di ohm

ohm

Gio, 22/05/2014 - 15:06

Strano ! Pensate che quando dodici anni fa che avevamo la lira si viveva abbastanza bene, l'entrata in questa m...a di euro ci ha portato distruzione...e continuiamo a farci del male ?

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Gio, 22/05/2014 - 15:07

L'Euro c'è e deve restare come moneta di riferimento, ma i paesi sovrani che lo vogliono dovrebbero avere la possibilità di utilizzare una propria moneta come hanno fatto il Regno Unito, la Svezia, la Danimarca, la Polonia ecc.., i tempi non sono maturi, l'Europa non è una federazione di stati come gli USA...e forse non lo sarà mai!

Ritratto di ohm

ohm

Gio, 22/05/2014 - 15:08

Ma su quali basi affermate che se si esce dall'euro siamo fregati ? Siete tutti economisti ? Lo sapeto o no che la % degli addetti ai lavori afferma che l'uscita dall'euro può diventare vantaggiosa . Studiate e poi venite qui a sentenziare su basi forti e sicure.

Ritratto di falso96

falso96

Gio, 22/05/2014 - 15:12

Diciamola tutta 6 europei su 2 non vuole l'euro . I due sono tedeschi.

Ritratto di massiga

massiga

Gio, 22/05/2014 - 15:13

L'Euro va riformato, non abolito. Come volete competere in un mondo sempre piu' globalizzato con la lira? E non tirate fuori la Svizzera, perche' e' tenuta in piedi artificialmente per interessi di banche e multimilionari.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 22/05/2014 - 15:15

Non vuole l'euro, ma 2 o più euro, siiiiiiii

gneo58

Gio, 22/05/2014 - 15:19

sarebbe meglio dire che il 50% degli italiani vorrebbe molta meno influenza da parte della UE. Lo sbaglio e' stato applicare un cambio non proprio ad hoch all'inizio e il non controllo dei prezzi dal giorno dopo. quando andavo all'estero prima dell'euro la francia, la germania ed altri paesi limitrofi erano per noi molto "cari" - improvvisamente con l'euro i prezzi si sono quasi livellati, senza contare che in altri paesi UE si guadagna molto di piu' - va da sé che la cosa non funziona.....

Libertà75

Gio, 22/05/2014 - 15:30

a me non pare che Francia, Gran Bretagna e Svezia facciano parte dell'Europa meridionale... a non lamentarsi dell'euro è rimasta solo la Germania

Agostinob

Gio, 22/05/2014 - 15:31

Si continua a confondere l'euro, in quanto moneta, con l'unione europea. Le due cose possono benissimo andare in parallelo e l'Italia, contrariamente a quando scrive qualcuno, non morirebbe ma anzi, ne sarebbe avvantaggiata. Far parte di un progetto europeo (perché è ancora un progetto ed è sperabile che così sia. Se questa fosse davvero l'Europa sarebbe il più grande bidone venduto agli europei) può essere possibile anche con la propria moneta. Non si capisce perché (come vedo scrive Alberto43 in modo chiaro) alcuni Stati abbiano optato o abbiano potuto optare per tenersi la propria moneta mentre altri hanno dovuto o devono tenersi un euro che li sta distruggendo. Non è che chi ha tenuto la propria moneta stia morendo. Si è solo salvaguardato ed ha fatto bene, qualora le cose si mettessero davvero male per poterne uscire senza complicazioni; complicazioni che avremmo noi dovendo ristampare nuovamente la lira. Penso siano stati più intelligenti, preparati e cauti di quanto non abbiamo fatto noi. Per il resto, l'uscita dall'euro è possibililissima pur rimanendo, se si vuole, nell'Unione, senza danni. Chi spinge a rimanere, drammatizzando lo scenario, lo fa solo perché cointeressato e pagato per spargere terrore.

Ritratto di ohm

ohm

Gio, 22/05/2014 - 15:36

Agostinob, approvato!!!!!

Ritratto di Blent

Blent

Gio, 22/05/2014 - 15:38

il problema non è l'euro e l'Europa ma gli italiani che governano in ialia

Boxster65

Gio, 22/05/2014 - 15:44

L'euro lo vogliono solo i percettori/datori di tangenti e gli evasori fiscali. Il motivo è semplicemente legato al rapporto ingombro/valore occultato più favorevole (ovvero una mazzetta da 100 banconote da 500 € ingombra molto meno delle quasi 10 mazzette da 100 banconote da 100.000 lire che rappresentavano lo stesso valore). Capito qual'è l'utilità dell'Euro?? Ora provate ad immaginare qui prodest?? facile, no???

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 22/05/2014 - 16:08

Mi lascia basito che ci sia ancora il 50% di fessi che vuole restare dentro ad assistere alla distruzione della nostra economia.

Libertà75

Gio, 22/05/2014 - 16:08

@blent, il problema non sono gli italini che governano l'italia, ma gente che parla di economia senza nulla sapere... lei va dal dottore a dire di cosa è malato perché ne sa più di lui, vero?

enrico09

Gio, 22/05/2014 - 16:08

gneo58, negli altri paesi europei si guadagna di più anche perché gli stipendi sono più livellati, non ci si trova come in Italia (e nei paesi del terzo mondo) dove il grosso della torta se la spartiscono in pochi e gli altri tirano a campare. Se la gente non ha soldi non c'é mercato e se non c'é mercato il paese soffre

epesce098

Gio, 22/05/2014 - 16:15

Agostinob - concordo quasi su tutto, ma nell'ultima parte dove dici: "Penso siano stati più intelligenti, preparati e cauti di quanto non abbiamo fatto noi". Noi chi? Se ti riferisci a noi italiani, noi non siamo mai stati interpellati per chiedere il nostro parere, ma chi è stato diversamente intelligente, incauto e impreparato è stato Prodi. Comunque prima si uscirà dall'euro e meno perderemo!

Theedge

Gio, 22/05/2014 - 16:16

Ma ci vuole molto a capire che il problema non è la moneta in sé, che non ha volontà propria, ma le politiche di gestione economica? Se ci fosse ancora la lira non staremmo certo meglio, anzi, considerando che importiamo molto di più di quello che esportiamo, avete idea di quanto ci costerebbe, ad esempio, l'energia, se avessimo una moneta che nessun paese estero vorrebbe? Non dobbiamo prendercela con l'euro, ma con le politiche dei governi passati e presenti.

pinux3

Gio, 22/05/2014 - 16:20

@Libertò75... Gran Bretagna e Svezia non fanno parte dall'area euro. Eppure Farage, esponente di un partito "protestatario" e populista che fino a ieri praticamente non esisteva viene dato nei sondaggi come primo partito. Vuol dire che la crisi c'è anche lì, anche se la GB è rimasta fuori dall'euro e si è tenuta la sterlina...

pinux3

Gio, 22/05/2014 - 16:33

@Agostinob...I "vantaggi" di un ritorno alla lira riguarderebbero, almeno nel breve, le esportazioni e il turismo straniero (dato che l'Italia diventerebbe un paese "a buon mercato"...). Dimentichi però l'altra faccia della medaglia, che per un paese che deve importare quasi tutta l'energia dall'estero (con conseguenze facilmente immaginabili per famiglie e imprese) sarebbe ben più "pesante"... E questo solo per fare un esempio perchè l'elenco sarebbe lungo...

eloi

Gio, 22/05/2014 - 16:36

Non vorrei sbagliare. Credo che anche una modesta parte dei Tedeschi sia contraria all'euro. E' quella parte lungimirante che ha capito che se crolla l'euro la prima a farne le spese è proprio la Germania la quale si troverà a dover gestire un marco sopravalutato e quindi addio export.

pinux3

Gio, 22/05/2014 - 16:37

@Libertà75...Se uno ne capisce di economia difficilmente può essere per l'uscita dell'Italia dall'euro e il ritorno alla lira...

macchiapam

Gio, 22/05/2014 - 16:38

Uscire dall'Euro - e, con ciò, dall'Europa - sarebbe l'errore più tragico. E' inutile insistere nel solito bla-bla consolatorio: l'Italia è, culturalmente e quindi anche politicamente, molto indietro rispetto alle altre nazioni europee (Spagna e Grecia escluse). La maggior parte degli italiani non sa parlare altra lingua che la propria, e spesso male anche questa, mentre una lingua comune è il collante necessario di una nazione. I metri della vita quotidiana vigenti da sempre nei paesi europei d'oltralpe sono in Italia pressochè sconosciuti: qui si predilige il calcio, la canzone napoletana, il Grande Fratello, gli amici degli amici, la spintarella e, se va male, la protesta in piazza. Solo un'effettiva influenza europea può modificare le cose; e smettiamola di lamentarci per le reprimende della signora Merkel: essa è l'espressione più sana e serena di un popolo che per ben due volte è andato vicino alla leadership mondiale. Ascoltiamola con umiltà.

T.J

Gio, 22/05/2014 - 16:46

vorrei capire quale è l'altra metà che vuole restare nell'euro...le banche?

coccolino

Gio, 22/05/2014 - 16:54

FERMATE L'EUROPA, VOGLIO SCENDERE !!!!!!!!!!!!!!!!!!

liberitutti

Gio, 22/05/2014 - 16:58

Il signor X ha un bel mutuo da 100.000 euro per l'acquisto della prima casa (diciamo del valore di 100.000 euro). Il paese del signor X esce dall'euro in parità nuovalira-euro 1:1 e svaluta, diciamo del 50%. (Non dimentichiamoci: esce per svalutare!). Il giorno dopo il signor X ha una casa che vale 100.000 nuovelire, 66.000 euro. Non guadagna più 1.000 euro al mese ma 1.000 nuovelire, 660euro. La banca, guarda un po' - stranamente - chiede indietro 100.000 euro, pari a 150.000 nuovelire. più interessi. in euro. Ma qui ci sono strateghi economici che a queste iniezie non fanno caso... andate a vedervi come sono rimasti fregati quelli con il mutuo in ecu negli anni 90 quando siamo usciti dallo SME..

pittariso

Gio, 22/05/2014 - 17:00

Per quanto rigurda l'inserimento di Grillo fragli euroscettici dipende dall'ora e dl posto in cui ha fatto la dichiarazione perché cambia opinione a seconda della località in cui trova (al Sud é merionalista e in Veneto é secessionista ecc.)così come è stato dimostrato da una trasmissione televisiva di ieri.

Ritratto di falso96

falso96

Gio, 22/05/2014 - 17:04

macchiapam:DOVE VIVE? IN AFRICA DEL SUD? Il Suo commento è MOLTO superficiale , quasi da politico. Lo vada a dire agli agricoltori, lo vada a dire a .... tutti , da chi fa la mozzarella ai macellai .Si interessi delle "quote". Le nostre imprese chiudono, e Lei ci racconta , cosa?. per intenderci sono quelli che Le portano la pappa in tavola.. provi a farsi un'insalata di € e la condisca con olio tedesco .... sale spagnolo ... e aceto turco e se ha sete si beva un bel bicchiere di latte "fresco" dai paesi del nord....provi a mangiare 1200 lingue (straniere) e buon appetito.

genko

Gio, 22/05/2014 - 17:04

La sovranità di uno Stato passa prima dal suo sistema Difesa (il nostro appartiene alla NATO), poi dal suo sistema Politico (qualsiasi democrazia sudamericana e meglio della nostra euro-dittatura finanziaria e il circo dei politici) e per ultimo dal suo sistema Monetario (per avere una economia reale positiva). Il popolo dovrebbe essere parte dello Stato, ma c'è una divisione secca tra governanti (ben organizzati) e governati( divisi e disorganizzati). Quindi, tantissime e grossissime barricate da smontare per salvare il paese, cioè recuperare l'indipendenza piena, senza punire l'integrazione con le altre nazione dell'europa. Questa sarebbe stata la via giusta da percorrere e no l'unione monetaria. L'economia dovrebbe occuparsi di ottimizzare l'utilizzo delle risorse di una nazione per il benessere di tutto il popolo, a cominciare e soprattutto da quelli che più ne hanno bisogno. Se loro stanno bene, tutto il resto starà bene. Ci vuole un partito, un gruppo di persone oneste e con il vero senso della Patria, che superando le vecchie e ormai inutili barriere dell'ideologia di destra e sinistra, che possa lavorare e mettere sempre al primo posto degli obiettivi l'assistenza alle famiglie, alle persone più maltrattate dalla casta politica traditora (italiana e non) che ha governato il paese sin dal dopoguerra.L'economia teorica, dei numeri, delle percentuali, spesso si dissocia dalla realtà, dal benessere umano. Le misure di disuguaglianza e povertà dovrebbero essere al centro dell'azione politica ed economica di ogni paese. È li che si svolge il vero progresso di una nazione.

vince50_19

Gio, 22/05/2014 - 17:06

L'errore fondamentale è stato quello di non partire con una costituzione degli Stati Uniti d'Europa che fosse riconosciuta da tutti gli stati membri con apposito referendum e, da qui, creare tutte le leggi ad essa informate. Il resto lo abbiamo sotto gli occhi: fra Esm, Ref etc. si tratta solo di un'unione monetario-economica in cui c'è solo uno stato che ne trae vantaggio.. Devo dire qual è, oltre il servilismo di certa politica inginocchiata ai dictat della Troika e di circuiti internazionali massonici e reazionari? Se questa è una Ue della solidarietà, della sussidiarietà, allora è meglio che si torni alle origini! Punto.

vince50

Gio, 22/05/2014 - 17:16

Dei danni causati dall'Euro ne siamo quasi tutti responsabili,non bisogna avere paura di fare autocritica.In primo luogo i politici farabutti che ci hanno imposto il cambiamento senza responsabilizzarci in modo saggio e chiaro spiegandoci la "matematica".Per il resto in nome e per conto dell'innata disonestà italiota,commercianti e affini hanno fatto in modo che venisse applicata la loro matematica dimezzandone in questo modo il valore.Chi guadagnava due milioni(di lire)avrebbe ricevuto circa 1000 Euro,dovendone però spendere 2000 di Euro per avere lo stesso potere d'acquisto di due milioni di lire.Se uscissimo dall'Euro rifaremmo le stesse speculazioni disoneste dimezzando ulteriormente quel poco che abbiamo,in sintesi non meritiamo di uscirne ma di raccattare quel tozzo di pane che ancora ci danno.

Agostinob

Gio, 22/05/2014 - 17:18

PINUX3 Ovviamente parlavo di noi in quanto italiani, riferendomi esattamente a Prodi e compagnia, tutti diversamente capaci, che hanno optato e spinto per poter dire, ognuno "sono stato io; il merito è mio". Oggi, forse vorrebbero non averlo mai detto ma vi sono filmati che lo provano. In quegli anni però, semmai avessero chiesto ai cittadini, credo che comunque si avrebbe avuto una maggioranza di si all'entrata, anche perché nessuno sapeva o immaginava i danni che ne avremmo avuto e pensare di far parte di qualcosa di importante, faceva scena. Poi, purtroppo, c'è da dire che molti italiani pensavano inoltre che aggregarsi al carro delle grandi potenze ci avrebbe portati lontano senza fatica a spese di altri. (Noi siamo fatti così). Circa la seconda parte che ho letto casualmente, posso dirLe che al di là dei vantaggi del turismo avremmo enormi vantaggi per l'esportazione e le nostre aziende (quelle poche rimaste) potrebbero riprendere a tirare. Circa l'energia, la si paga in dollari ed il pagamento sarebbe in lire, proporzionato al valore dell'attuale nostro cambio in euro. C'è da dire, se mi permette di inserire una nota politica che farà storcere il naso a molti, che Berlusconi aveva fatto tanto per l'accordo con la Russia, circa il gas ed il petrolio che avevamo (e forse avremo ancora per poco) a condizioni di favore da Putin e questo ci avrebbe salvaguardato anche in futuro. Ma la cosa dava fastidio agli USA che ha fatto di tutto per eliminare Berlusconi dalla scena, col famoso colpo di Stato unitamente alla Merkel e Napolitano. Oggi, tutta l'Europa deve rivolgersi dall'altra parte e noi, di fatto, pagheremo di più quanto acquisteremo, rispetto al passato, con maggiori costi per il debito pubblico. Tenga presente poi che proprio per questo fatto e per questa nuova dipendenza energetica, oggi purtroppo siamo ancor più obbligati a seguire il carro europa a meno che non vi sia una drastica rottura che ci permetta di tornare ai vecchi fornitori. Ma la drastica rottura si avrebbe solo uscendo dall'Europa e nessun partito in Italia può permettersi di farlo. Vi sono poi, come ho scritto altre volte, accordi segreti che vincolano l'Italia ad una accettazione passiva di questo stato di cose (fatti proprio da Prodi) e che, di fatto, non ci permettono di uscire nemmeno morti, a meno che non sia la Germania a mandarci fuori. Pensi in che situazione siamo. Cordialità.

Agostinob

Gio, 22/05/2014 - 17:20

EPESCE098 Mi scuso con Lei, la prima parte della mia risposta era relativa ad un Suo post che erroneamente ho legato al nome di Pinux3. Cordialità

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 22/05/2014 - 17:27

Prodi e i suoi compari ci hanno fatto passare all'euro per fregarsi le riserve auree di Bankitalia. Questo oggettivamente è un ostacolo al ritorno della Lira perché non si riuscirebbe più a difenderla. Dunque sarebbe necessario un periodo di doppia moneta. Dunque, Lira ed Euro insieme appassionatamente. Alla faccia della Merkellona.

linoalo1

Gio, 22/05/2014 - 17:32

Meglio tardi che mai!Lino.

Libertà75

Gio, 22/05/2014 - 17:47

@pinux, per i suoi 2 interventi capisco che di economia lei non è avezzo e si informa sul giornale di partito, libero di farlo. GB si lamenta dei limiti imposti alla propria sovranità monetaria. Si ricorderà quando noi dovemmo svalutare e riallinearci in 2 anni, facendo schizzare i tassi di interesse (mentre avremmo potuto pagare un 2% in più nei 10 anni precedenti e ci saremmo ritrovati al medesimo risultato e senza schock dell'ultima ora). Per quanto riguarda l'uscita, le dirò una verità che lei non può capire perché probabilmente non ha studi di economia, ma l'unico partito in Italia che ha fatto una campagna informativa corretta di analisi economiche è la Lega (non è merito di Farage se in GB la maggior parte degli economisti è rimasta intellettualmente onesta, semmai è un demerito dell'Italia aver piegato studiosi alle necessità corporativistiche di partito). Tutti gli altri partiti hanno fatto facili allarmismi e qualunquismi (ma nessuna analisi economica condivisibile da un qualsiasi laureato di economia, ovviamente uno che non si sia laureato in p.d.landia). A me spiace soprattutto vedere una certa e tale ignoranza provenire dalle file della sinistra. La prego non mi chieda quanto pagheremo la benzina, non si renda ridicolo. Con una propria moneta e con una propria inflazione, oltre alla possibilità di far competere i nostri prodotti finiti sul mercato internazionale, si ingenererebbe nuovamente una politica dei redditi e dei rinnovi di contratto. Ora io posso capire che lei in quanto renziano passivo possa esultare per gli 80 euro, ma sono 80 euro di esonero fiscale che non ingenerano previdenza (quindi sempre meno soldi per le pensioni presenti e future) e non risolvono strutturalmente nulla (nessun quoziente familiare, anzi chi guadagna 24mila lordi e prende 2mila di assegni familiari resta a secco). Non mi faccia la solfa che uscire dall'euro è un male, se mi ha letto in altri commenti, io ho sempre sostenuto che bisognerebbe restare nell'euro con una BCE che sia prestatore di ultima istanza sui titoli di Stato e che faccia svalutazione (il massimo valore che può avere l'euro su dollaro è 1,20, ma è il massimo perché la parità è l'unico valore economicamente sostenibile). Se la BCE continua con la politica attuale la fine dell'Europa sarà segnata dagli euroburocrati. Guardi che non esiste al mondo un'economista che sostenga la posizione della troika sul caso Grecia, e analogamente non c'è stato economista al mondo che abbia detto che il fiscal compact inserito nella nostra costituzione sia stata una cosa giusta, ecc... ecc... Tra una BCE che non svaluta l'euro, io sinceramente preferisco che un'insieme di Paesi ad economie omogenee (Francia, Italia, Spagna) escano insieme per avere una loro moneta comune... Stia sereno che è solo la Germania a guadagnarci, dato che è l'unica economia che può sopravvivere sopra al rapporto euro/dollaro 1,40, anzi può arrivare fino ad 1,80 (rubando ricchezza agli stati vicini). Io le ho fatto disanime economiche sul lato monetario, come lei ha chiesto, spero non mi risponda come fanno solitamente gli ignoranti passando sul lato produttivo, perché vuol dire cambiare argomento. Saluti a lei.

Libertà75

Gio, 22/05/2014 - 17:50

@Gianfrà, pure lei mi si mette a parlare di economia, non è vera sta solfa dell'oro. L'Italia ha un patrimonio artistico infinito, basta mettere quello in garanzia della Banca d'Italia e stampi anche più di prima. Anzi sarebbe poi l'unica moneta garantita da un patrimonio tangibile, al contrario di altre che si basano su "pochissimo oro", su valute straniere (io garantisco te, tu garantisci me), su immobili di non pregio architettonico ma di alto valore commerciale, ecc...

Agostinob

Gio, 22/05/2014 - 18:00

Premesso che la Germania svaluterà presto l'euro perché oggi fa comodo a lei mentre non lo avrebbe mai fatto per aiutare le altre economie, vorrei dire che la lira è già stava svalutata del 50%. L'euro ha avuto una parità con le vecchie mille lire. Ciò che valeva 1000 lire oggi vale un euro. Chi guadagnava 1 milione di lire si era a suo tempo trovato con 500 euro. Tanto non cambia nulla, pensava. Ma poco dopo i 500 euro valevano 500 mila lire. Siamo tutti già più poveri del 50%, non c'è necessità di svalutare nuovamente del 50% se uscissimo (ma è pura teoria).

angelo8943

Gio, 22/05/2014 - 18:13

Cosa succede se usciamo dall'Euro, non ho dubbi al riguardo, l'unità nazionale italiana va a farsi benedire, il nord si stacca e rimane nell'Euro, ed il centro-sud, va a fare compagnia al nord-Africa.

angelo8943

Gio, 22/05/2014 - 18:17

@falso96 E' proprio falso quello che dici, perche i tedeschi non volevano l'Euro, volevano tenersi il loro Marco, che era comunque una moneta accettata in tutto il mondo come il dollaro, sono stati i Francesi e gli Inglesi ad imporre l'Euro ai tedeschi, con l'intento di renderli meno potenti una volta riunificati. Ma il fatto è che un'economia forte è forte con qualsiasi moneta, la moneta è solo 1 pezzetto di carta che rappresenta l'econimia reale.

pittariso

Gio, 22/05/2014 - 18:18

Stenos-E' già un miracolo!normalmente sono la stragrande maggioranza:vuol dire che miglioriamo.La speranza é l'ultima a morire .

angelo8943

Gio, 22/05/2014 - 18:23

Non è l'Euro la causa dei nostri disastri, siamo noi la causa dei nostri disastri, la Germania va bene con l'Euro ed andava benissimo anche col marco. Il popolo svizzero con un referendum ha respinto il salario minimo di 3.270 Euro, lo avrebbe respinto anche il popolo italiano??? Non c'è niente da fare ci sono popoli razionali ed intelligenti e ci sono popoli ovini.

pittariso

Gio, 22/05/2014 - 18:27

La prova regina che sarebbe meglio tornare alla lira sta nel fatto che fino all'entrata nell'euro avevamo una moneta debole e una alta inflazione ma stavamo tutti enormemente meglio di oggi.L'inflazione fa aumentare i prezzi ma anche le retribuzioni e,con il deprezzamento della moneta,aumentare l'esportazione.Andatevi a leggere il volumetto "Basta euro" (si rova anche su internet) del Prof. Borghi Aquilini e troverete tutte le risposte sulle conseguenze dell'uscita dall'euro che sono tutte positive.

NON RASSEGNATO

Gio, 22/05/2014 - 18:34

NO, più di mezza Italia vuole uscire dall'Europa perché è stufa di importare delinquenti e cari ospiti da mantenere a vita

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Gio, 22/05/2014 - 19:59

MA NO DAI NOI STIAMO BENE E BISOGNA AVERE FIDUCIA NELL'ITALIA, DICE NAPOLITANO....PER ME IL PRESIDENTE VIVE IN UN ALTRO MONDO, COME SI FA AVERE FIDUCIA IN UN PAESE DOVE LE TASSE SONO AL 605 LA BUROCRAZIA TI SOFFOCA, ABBIAMO 3 MAFIE MERIDIONALI, I SINDACATI CHE COMANDANO, LE TOGHE ROSSE CHE FANNO E DISFANO, E UNPRESIDENTE CHE SI E' FATTO 3 GOVERNI SENZA ELEZIONI...ALLA FACCIA DELLA DEMOCRAZIA, IO SE FOSSI STRANIERO SCAPPEREI SUBITO DA UN PAESE ARRETRATO E COMUNISTA COME IL NOSTRO, SENZA FUTURO E SENZA SPERANZA.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Gio, 22/05/2014 - 20:04

COSA CI STIAMO A FARE IN EUROPA SE CI TOLGONO LE VONGOLE E LA PAJATA, LA MIGLIORE CUCINA DEL MONDO NON PUO' SOTTOMETTERSI AD UN EUROPA CHE NON SA NEANCHE GUSTARE LA BUONA CUCINA. CI VOGLIONO IMPORRE LE SCHIFEZZE ESTERE. MA CHI SE NE FREGA DELL'EUROPA, BISOGNA MANGIARE ITALIANO, VIVERE ITALIANO E SPENDERE LA LIRA, L'EURO E' UNA SCHIFEZZA, BERLUSCONI SVEGLIATI. IN EUROPA TI ODIANO SIA A DESTRA CHE A SINISTRA, E ALLORA TOGLI IL DISTURBO, LA MERKEL SI ARRANGI DA SOLA.SPERIAMO CHE ITALIA GRAN BRETAGNA E FRANCIA SE NE VADANO DALL'EUROPA.

gpetricich

Gio, 22/05/2014 - 20:43

Solo?

Ritratto di llull

llull

Gio, 22/05/2014 - 21:13

Sono un elettore di CDX e berlusconiano convinto, ma sono anche fortemente euroscettico. Mi spiace per il CAV ma stavolta il mio voto andrà a chi ha una posizione chiara e netta e senza ambiguità, vale a dire che per la prima volta in vita mia voterò lega-nord. E sia chiaro che da un punto di vista territoriale mi potrebbero definire "terrone".

Ritratto di llull

llull

Gio, 22/05/2014 - 21:16

@luigipiscio, quello che dici, vallo a dire a quelli che grazie all'euro oggi frugano nei cassonetti della spazzatura oppure a quelli che hanno voluto farla finita in maniera tragica. Non ha già causato molti, troppi morti questo n€uro demenziale?

Ritratto di llull

llull

Gio, 22/05/2014 - 21:23

Se volete meditare divertendovi (o incazzandovi) ecco alcune perle: Mentre ROMANO PRODI diceva: "Con l'Euro lavoreremo un giorno di meno guadagnando come se lavorassimo un giorno di più", MARGARET TATCHER affermava: "La Germania si ritroverà la sua naturale fobia dell’inflazione, mentre l’euro risulterà fatale per i paesi più poveri perché devasterà le loro economie inefficienti"; e ancora sull'euro: “la più grande follia dell’era moderna” e poi ancora: ”L’Euro farà finire la democrazia in Europa”. Non vi pare che siamo già arrivati al punto profetizzato dalla Lady di Ferro? E, con il senno del poi, possiamo affermare che Prodi si è dimostrato perlomeno incompetente?

GVO

Gio, 22/05/2014 - 21:53

Professor Prodi batti un colpo...sei tu che ci hai messo in questo casino raccontandoci magnificenze di questo euro.....siii qualche milione di disoccupati e ti hanno dato anche una laurea!!!!

mauriziosorrentino

Gio, 22/05/2014 - 22:21

Quante cazzate,pregiudizi,finti miti!Non elenco tutti i nomi degli "Orgasmo-euro" per brevità. Penso che la maggior parte sia gente convinta in buona fede!Solo a questi mi rivolgo: Ve lo dico con il cuore,andate al sito BASTAEURO e guardate il breve opuscolo con 31 domande /risposte(contiene tutte quelle scritte sopra da voi)riflettete un poco,confrontatevi con i vostri cari,vedrete che tutte le questioni NON sono da premio Nobel....sopratutto se siete piccoli imprenditori e avete ben presente il vostro ciclo produttivo Costi/benefici prima e dopo l'EURO!Ma ci può arrivare anche una Casalinga che fa i conti con la spesa tutti i giorni! Dopo di ciò ritroviamoci a parlare di Euro in maniera più approfondita! M.S.

edo1969

Ven, 23/05/2014 - 07:33

vince Grillo col 30% e la Lega prende 1l 15%

vince50_19

Sab, 24/05/2014 - 06:31

Berluscò, Al_fano ha detto questo ieri:"Bisogna votare Ncd perché abbiamo avuto il coraggio di fondare un movimento politico per salvare l'Italia dalle scelte di Forza Italia" (però anche lui non esclude alleanze future con FI).. E tu vorresti allearti con un soggetto del genere? Lascia che corra appresso a Renzi questo traditore, altrimenti ti farai ancor più male. Si comporta costui come certi saltafossi politici di professione che hanno campato in questo modo e lo faranno con tutti pur di rimanere nell'agone politico, per la cadrega.

Menono Incariola

Dom, 08/06/2014 - 22:12

"Mezza Italia vuole uscire dall'Euro". Lo penso anch'io... Ma allora, DA DOVE VENGONO quelli che hanno dato piu` del 40% alla sinistra di Renzi ? da BROGLIOLANDIA?!

Ritratto di Azo

Azo

Sab, 21/06/2014 - 17:09

Ciò vuol dire che gli Italiani si stanno svegliando!!!

Ritratto di Azo

Azo

Sab, 21/06/2014 - 17:17

Ciò vuol dire che gli Italiani si stanno svegliando!!!