Kyenge scarica il barile dei Cie: "La responsabilità è di Alfano"

Nel mirino per la vicenda immigrazione e attaccata dai suoi stessi compagni di partito, la titolare dell'Integrazione si chiama fuori: io do solo linee guida

Il ministro dell'Integrazione Cecile Kyenge

Lo scaricabarile è un vizio molto italiano che la ministra Cécile Kyenge ha imparato presto. In crescente difficoltà all'interno del suo stesso partito, immobile davanti alle emergenze degli sbarchi e alle vergogne dei centri di accoglienza (gestiti da cooperative aderenti a Legacoop), la signora non trova di meglio che ripulirsi la coscienza con un'intervista all'Unità, giornale amico. Una chiacchierata il cui senso è evidente: come responsabile delle politiche di integrazione non ha colpa di niente, e nulla può fare per migliorare le condizioni di chi si trova chiuso nei Cie. «Il mio impegno è definire le linee guida per adeguare il nostro sistema dell'accoglienza all'Europa», dice. Fissare criteri di intervento, spiegare cosa fare, ma non intervenire. «Ci vuole un monitoraggio costante, non quello una tantum che serve solo a dire che tutto è perfetto»: altro auspicio senza entrare nel dettaglio. «Intervenire sulla qualità della vita è un impegno che riguarda tutti, ciascuno con le sue competenze, e io mi occupo di integrazione»: così dice Kyenge.

Integrazione, non accoglienza. Che tocca al Viminale, cioè ad Angelino Alfano. Ed eccoci allo scaricabarile. «La competenza sui Cie è del ministero dell'Interno. Però il Parlamento è sovrano e può fare un percorso». Quale? La ministra non lo specifica, non le compete. Se ancora non fosse chiaro, Cécile Kyenge avverte che da lei è meglio non aspettarsi granché: «Il mio incarico all'Integrazione rischia di creare aspettative che vengono deluse», confessa ancora all'Unità. Lo sfogo è in parte comprensibile. Nel Pd non ne possono più. Il presidente del Consiglio Enrico Letta ha impugnato la bandiera dello ius soli (la cittadinanza a chiunque nasca in Italia indipendentemente dall'origine della famiglia): ne aveva parlato anche Kyenge, ma il suo timido intervento non è ritenuto adeguato. Il neosegretario Matteo Renzi si è fatto un viaggetto a Lampedusa, dove è stato registrato il video con i maltrattamenti. Il nuovo presidente del partito, Gianni Cuperlo, ha passato la mattinata di domenica al centro di espulsione di Ponte Galeria, alle porte di Roma, in condizioni disumane. E il deputato Khalid Chaouki si è autorecluso nel centro di Lampedusa per protesta.

Molti, nel Pd, premono perché Chaouki prenda il posto dell'inconcludente ministra nel caso di un rimpasto di governo: è giovane, intraprendente, tessera Pd e origini africane. Il nervosismo di Cécile Kyenge è tangibile. A Ponte Galeria gli immigrati fanno lo sciopero della fame e si sono cuciti la bocca per manifestare contro le condizioni del centro di accoglienza. Due di essi, con altri due migranti, sono stati espulsi verso Tunisia e Marocco. Ma la protesta non accenna a diminuire, altri immigrati hanno deciso di cucirsi le labbra: al momento sono in 10. A Lampedusa sono trattenute da mesi persone che, avendo chiesto asilo politico, dovrebbero essere trasferite altrove. L'Europa minaccia di tagliarci i fondi per affrontare l'emergenza sbarchi. Un coro crescente di voci, dalla Cgil all'Osservatorio carceri dell'Unione delle camere penali passando per le associazioni umanitarie e il partito di Vendola, chiedono la chiusura dei centri di identificazione. In questo drammatico contesto la ministra fa sapere, tramite l'Unità, di essere andata «alla stazione Termini a vedere ma anche a servire». E non trova di meglio che scaricare il barile su Alfano. Operazione agevole, visto che l'uomo del Viminale non appartiene al Pd. Ma anche in questo goffo tentativo di riacquisire autorevolezza la titolare dell'Integrazione è inciampata in una gaffe. Perché parte delle deleghe sull'immigrazione (oltre a quelle sul Dipartimento della pubblica sicurezza) sono in mano al viceministro Filippo Bubbico. Un suo compagno di partito.

Commenti

elio2

Mar, 24/12/2013 - 08:58

Caro (si fa per dire) Alfetta, come hai ben visto i comunisti ti stanno già mollando, eppure, numeri alla mano, hanno ancora bisogno dei tuoi voti, prova a chiederti perché?, sempre se ci arrivi, chiaramente.

giovanni61

Mar, 24/12/2013 - 09:08

Forse la signora non ha ancora avuto la notizia della espulsione di una italiana perché non ha lavoro. Nell'Europa degli intelligenti accettano solo chi può mantenersi noi accettiamo anzi li andiamo a prendere direttamente esclusivamente chi deve essere mantenuto. Gli italiani hanno un solo scampo andare in Libia e imbarcarsi per acquisire il titolo fi "migrante" (in tutto il mondo, compreso il Paese della KYenge, si chiamano clandestini). Provasse qualcuno ad andare senza visto da qualche parte sarebbe fortunato se lo rimandano indietro.

labrador

Mar, 24/12/2013 - 09:18

fatemi capire, allora lei deve solo girare l'Italia con 3 auto di scorta fare massagi per rilassarsi, portare le figlie in gondola, dare lo ius soli a ufa e prendersi uno stipendio da nababbi? Ma a questa manca oltre a qualche venerdì pure tutta la settimana!!!!!! A CASA CONGOLESE; VAI A FAR DANNI NEL TUO VILLAGGIO!!!!!!!!!

eloi

Mar, 24/12/2013 - 09:43

Ma vada di corsa a Lampadusa ad imprigionarsi con il suo sodale. Certo il P.D. fa della figure di cacca. Nonm importa fare tali figure in prospettiva di far votare anche i clandestini i quali dichiarano false generalità.

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Mar, 24/12/2013 - 10:00

Cécile KYENGE, Nobilissima Presenza in un branco di primitivi !!! -riproduzione riservata- 10,00 - 24.12.2013

Ritratto di Vincenzo Morganti

Vincenzo Morganti

Mar, 24/12/2013 - 10:00

La Cecilia e l'UE recitano lo stesso copione: abbiamo fatto (quando le cose vanno bene), avete sbagliato (quando le cose vanno male). I romani definiscono questo tipo di persone "paraculi"

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 24/12/2013 - 10:03

Sarà che siamo sotto Natale? Adeesso questo giornale si accorge che i CIE sono una vergogna e che quelle persone che si sono cucite la bocca sono, per l'appunto, persone e non "extracomunitari" da rispedire a casa con le buone o con le cattive. O forse... si tratta piuttosto di ipocrisia pur di dare contro alla "negra"? E' logico che il tema dell'accoglienza degli immigrati, la cui gestione semmai dovrebbe essere estesa a livello comunitario, sia a carico del ministero dell'integrazione e non a quello degli interni? Vogliamo addirittura seguire le farneticanti teorie della lega per la quali la Kyenge (forse perchè "negra") e non la Bonino è responsabile del caso adozioni in Congo? A questo punto richiamiamo la Idem, in qualità di cittadina italiana di origine tedesca, come interlocutore unico per trattare con la Merkel!

unosolo

Mar, 24/12/2013 - 10:05

forse è normale scaricare responsabilità ad altri , forse lo ha sempre fatto , forse non è all'altezza per poter fare qualcosa , forse sarà anche ministro , forse prende più soldi per rimborsi , forse cene e pranzi sono a nostre spese , forse ha un portafogli libero , comunque di cose serie non ne ha fatte anzi sembra quasi che eviti il lavoro , forse sbaglio ma deve rientrare nella logica del lavoro perche di soldi ne prende , e uno stipendio da ministro ,,,,,mah..

ROBINAHOOD

Mar, 24/12/2013 - 10:16

alfano alle prossime votazioni non sarà più seduto lì perchè prenderà l% di voti. Questa insieme alla cancellieri dovrebbero dimettersi.... tutto questo governo è una vergogna

linoalo1

Mar, 24/12/2013 - 10:24

Classico dei Comunisti!La colpa è sempre degli altri!E poi,specialmente lei,come si permette di giudicarci?Lino.

Ritratto di Roberto di Bruno

Roberto di Bruno

Mar, 24/12/2013 - 10:39

In qualsiasi organizzazione seria e responsabile, prima di assumere qualcuno se ne chiede il curriculum vitae, se ne valutano le referenze, se ne accerta l'esperienza e la competenza, etc. Allora, visto che la ministra preferisce favorire l'immigrazione, piuttosto che l'integrazione (visto cioè che non pare aver capito quello che deve fare, e che perciò rende più gravoso il compito affidatole), i casi sono due: o la signora ha un eccellente curriculum in un campo diverso da quello di cui (non) si occupa, oppure coloro che l'hanno "assunta" non sono persone serie.

giovanni PERINCIOLO

Mar, 24/12/2013 - 10:39

..."io do solo linee guida"... Toh, moltissimi italiani pensano che sta solo dando i ..... numeri!

Ritratto di sgnorrossi

sgnorrossi

Mar, 24/12/2013 - 10:54

ma ha ragione, il suo è ministero fuffa senza portafoglio, detta tutta più una roba di immagine che di sostanza come ministero

roberto.morici

Mar, 24/12/2013 - 11:20

Discutevo con dei miei amici sinisti, sollevando il problema della "immigrazione" in Italia che va così tanto di moda, riportando la notizia di quanto capitato in Belgio alla nostra connazionale. Il comento dei miei interlocutori: "Ma allora pure tu sei razzista!".

killkoms

Mar, 24/12/2013 - 11:34

prova che gli stranieri degli italiani acquisiscono principalmente i difetti!

killkoms

Mar, 24/12/2013 - 11:36

@vincenzo morganti,come diceva agnelli bonanima"la vittoria ha molti padri,mentre la sconfitta è sempre orfana"!

jeanlage

Mar, 24/12/2013 - 11:41

Concordo con la Ministra. Lei è assolutamente irresponsabile.

gneo58

Mar, 24/12/2013 - 11:44

kyenge ! (volutamente senza sig.ra e rigorosamente minuscolo) io credo che ogni giorno che mette giu' i piedi dal letto dovrebbe ringraziare tutti i santi del paradiso perché lei e' li dove e' (e non dovrebbe) e ripetersi come un mantra (se sa cosa e') ""devo comportarmi bene con onesta' di pensiero, parloa e azione"" e soprattutto metterlo in pratica. Si ricordi che anche il suo dio chiedera' conto di quello che ha fatto, fosse anche un pezzo di legno antropomorfo dipinto a colori poggiato su un cumulo di pietre.

Ritratto di huckleberry10

huckleberry10

Mar, 24/12/2013 - 11:48

La ministra Kyenge è una super inetta che si trova a ricoprire quella carica solo per ragioni, cromatiche!

villiam

Mar, 24/12/2013 - 11:58

è da mandare a casa basta ascoltarla mezzo minuto ,purtroppo i rossi vogliono i voti degli immigrati ed ecco un ministro che non sa dove o cosa fare ,bel lavoro bella napoli!!!!!!!!

gigetto50

Mar, 24/12/2013 - 12:18

....giustamente...cosa aspettano a cancellare il ministero della Kyenge (indipendentemente da chi ne sia il responsabile...oggi lei domani forse Chaouki il deputato PD che si é barricato a Lampedusa) ed accorparlo con Ministero Interni?

dondomenico

Mar, 24/12/2013 - 12:43

Nella zona del Kilimanjaro ci sono tanti villaggi Masai, si potrebbe andare a prelevare 4 o 5 elementi , portarli in Italia ed "incoronarli" ministri del governo letta

killkoms

Mar, 24/12/2013 - 12:45

@dreamer66,quella che tu chiami"negra",ma che io definisco "italiana per grazia ricevuta che si sente solo straniera",i privilegi di ministro se li prende!come il giro in barca con scorta a venezia nei giorni del festival!

mbotawy'

Mar, 24/12/2013 - 12:50

Cosa serve questa nera al governo? Fu' un piano del Letta,per facilitare la "integrazione" dei clandestini con il popolo italiano,che una volta fatto il "colpo",ecco i voti a favore del debole PD.Un gioco infantile, ma disastroso per noi italiani, e specilamente per una Italia di oggi ridotta al collasso,che per l'assenza di lavoro apre le porte agli assalti,furti,uccisioni e smercio di droga, lavori questi ben accettati da questa gentaglia clandestina.

Tuareg33

Mar, 24/12/2013 - 13:15

@giovanni61 sono pienamente d'accordo con te.

Tuareg33

Mar, 24/12/2013 - 13:22

On. Letta, ascolti l'opinione di coloro che scrivono qui. Come avrà notato la maggioranza chiede a gran voce: MANDALA A CASA. Scegli meglio.

angelomaria

Mar, 24/12/2013 - 14:43

proprio denza ne vergogna ne ritegno e'buana

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 24/12/2013 - 18:14

Formidabile! È venuta dal Congo per dettarci le "linee guida"!! Ma forse ha ragione lei: al governo c'è molta gente che dovrebbe essere "guidata" passo per passo. Specie nel fare i conti: sbagliano sempre i totali.

Seawolf1

Mar, 24/12/2013 - 19:06

a Lampedusa ci sta un gommone pronto a salpare per il Congo... ne approfittasse...

Ritratto di ohm

ohm

Mar, 24/12/2013 - 21:49

la colpa è sempre degli altri...fatto sta che chi paga sono i soliti cretini....

vince50

Mer, 25/12/2013 - 10:59

In questo ha imparato da noi,non possiamo biasimarla.

mbotawy'

Mer, 25/12/2013 - 15:00

Un consiglio a Cecile: Torna a casa tua in Congo,dove oggi la temperatura e' estiva, dove con la "esperienza acquisita in otto mesi in Italia(?),puo' servire al tuo governo,pure lui democratico.Auguri a te e alle tue bambine.