L’accusa è abuso di diritto. Depenalizzato dal governo, bloccato dal Quirinale

L’iscrizione nel registro degli indagati del ministro Corrado Passera da parte della Procura di Biella per dichiarazione fraudolenta e dichiarazione infedele, legata al suo passato di amministratore delegato di Intesa, ha riaperto una ferita nel mondo bancario. Infatti, anche al titolare dello Sviluppo i magistrati piemontesi, secondo quanto riferito dalla Stampa, hanno contestato un reato del quale i grandi banchieri italiani non si sentono responsabili. Ecco perché occorre spiegare ciò che potrebbe accadere al superministro.
Fino allo scoppio dell’ultima grande crisi (e anche oltre), era prassi consolidata per le banche ricorrere a pratiche di «arbitraggio fiscale». In sostanza si mettevano in piedi con controparti straniere (nel caso dell’ex controllata di Intesa, Biverbanca, si tratta del Credit Suisse) operazioni di pronti contro termine con le quali si scambiavano denaro e titoli. Questi ultimi, giunti in capo all’acquirente italiano, pagavano l’imposta (più bassa) nello Stato estero e creavano un analogo credito di imposta in Italia, utile per abbassare il carico Ires che in Italia è elevatissimo. Altro metodo è quello del dividend washing (acquisto di titoli tramite veicoli stranieri per abbassare l’imposta sulle cedole).
Fin qui nulla di scandaloso perché tutto avviene a norma di legge: famosi studi (tra cui Vitale-Romagnoli fondato da Giulio Tremonti) avevano dato l’ok a quegli stessi top manager che oggi sono indagati. La situazione cambia quando l’ex ministro dell’Economia Tremonti decide di inasprire la lotta all’evasione e anche all’elusione fiscale affidando superpoteri all’Agenzia delle Entrate. L’«abuso di diritto», fattispecie nella quale rientra l’arbitraggio fiscale, deve essere perseguito con più determinazione e i reati correlati, come la falsa dichiarazione, devono avere una sanzione penale più forte. Ecco perché l’ex numero uno di via XX Settembre abbassò le soglie per la comunicazione d’ufficio alle Procure.
Alla fine del 2010, alcune banche avevano provato a ricorrere alle Commissioni tributarie locali sostenendo di essere nel giusto dal punto di vista fiscale, ma una sentenza sfavorevole a Genova nei confronti di Carige ha dato la stura a una serie di transazioni (l’equivalente del patteggiamento in campo penale) con l’Agenzia delle Entrate. Bpm ha transato per 200 milioni, Credem per 45 milioni, Mps per 260 milioni (su 1 miliardo contestato), Unicredit per 191 milioni e Intesa per 270 milioni (su 1,15 miliardi).
A Unicredit e a Intesa, per ora, è rimasta anche la coda giudiziaria. Anche perché il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha imposto al premier Monti di espungere dal ddl delega fiscale la norma «salva-banche» che avrebbe depenalizzato l’abuso di diritto. A saperlo, forse il Quirinale ci avrebbe ripensato.
Commenti
Ritratto di miladicodro

miladicodro

Lun, 02/07/2012 - 10:36

Passerà,passerà,passerà,non devi piangere perchè,passerà,passerà,passerà,i magistrati son con te e così via.La cosa vergognosa della faccenda è il silenzio spettrale della canea a pieno servizio dell'assiso sul trespolo quirinalizio ed agli amici bocconiani.Sta di fatto,se fosse capitato per sbaglio al Berlusconi sarebbero stati immediatamente affittati tre droni per farlo fuori,oltre alle litanie in diretta: dimissioni,dimissioni,.... e passera che fa ? Silenzio,ciak,si gira.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 02/07/2012 - 11:04

Comincio a capire per quale motivo questo super banchiere multimilionario abbia venduto la sua “primogenitura” per un piatto di lenticchie, perché tanto vale per lui il suo “misero” compenso da Ministro. Come già per altri la politica serve per evitare i guai giudiziari e soprattutto la galera: infatti le recenti disavventure giudiziarie hanno colpito molto poco fra i politici e guarda caso solo chi non piaceva alla sinistra, come il patetico Lusi, colui che involontariamente ha scoperchiato il piatto dove dal 1993 mangia la politica, un vero “eroe” inconsapevole.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 02/07/2012 - 11:05

L’accusa è abuso di diritto. Depenalizzato dal governo, bloccato dal Quirinale. Comincio a capire per quale motivo questo super banchiere multimilionario abbia venduto la sua “primogenitura” per un piatto di lenticchie, perché tanto vale per lui il suo “misero” compenso da Ministro. Come già per altri la politica serve per evitare i guai giudiziari e soprattutto la galera: infatti le recenti disavventure giudiziarie hanno colpito molto poco fra i politici e guarda caso solo chi non piaceva alla sinistra, come il patetico Lusi, colui che involontariamente ha scoperchiato il piatto dove dal 1993 mangia la politica, un vero “eroe” inconsapevole.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 02/07/2012 - 11:14

Comincio a capire per quale motivo questo super banchiere multimilionario abbia venduto la sua “primogenitura” per un piatto di lenticchie, perché tanto vale per lui il suo “misero” compenso da Ministro. Come già per altri la politica serve per evitare i guai giudiziari e soprattutto la galera: infatti le recenti disavventure giudiziarie hanno colpito molto poco fra i politici e guarda caso solo chi non piaceva alla sinistra, come il patetico Lusi, colui che involontariamente ha scoperchiato il piatto dove dal 1993 mangia la politica, un vero “eroe” inconsapevole.