L'armata degli anti Cav ha una nuova bandiera: tutti per l'incandidabilità

La sinistra torna unita solo contro Berlusconi: "E' ineleggibile". Dal M5S a Sel, ma anche il Pd si schiera

Lo stato maggiore Pd è molto soddisfatto: «Do­po la nota del Colle- spie­ga un dirigente a taccuini chiusi - abbiamo buone speranze di sancire finalmente l’incandida­bilità di Berlusconi e pure quel­la di Matteo Renzi».
Due piccioni con una sola fa­va (ancorché quirinalizia). Del resto le due cose si tengono: con la leadership del Ca­valiere avviata (sperano a sini­stra) all’archivia­zione grazie alle condanne giudi­ziarie, il governo delle larghe inte­se perde il suo marchio d’infa­mia e diventa una serena pro­spettiva di lungo, anche lunghissi­mo periodo per il Pd. Lo si capisce dal calore con cui esponenti diver­si come Luciano Violante e Stefa­no Fassina preve­dono a breve una «evoluzione pienamente europea»,come di­ce il viceministro dell’Econo­mia, per il centrodestra, ormai in procinto di tramutarsi, preco­nizza Violante, «da partito cari­smatico a grande e autonomo partito politico europeo».«Con­servatore » sì, ammette Fassina, ma molto più presentabile in so­cietà di prima, quando c’era Lui. Un partito con cui non cree­rà più imbarazzi essere e restare alleati. E una prospettiva di lar­gh­e intese forever allontana ver­tiginosamente il pericolo di una ascesa di Renzi, agli occhi del­l’ establishment piddino. «Quel­la di Napolitano- dice malizioso Peppe Fioroni - suona come una decisione: legislatura e go­verno devono andare avanti. E se qualcuno era tentato di lega­re il congresso Pd a una spallata al governo, si dovrà ricredere».
Per questo dal Pd non arriverà alcuna collaborazione rispetto alla richiesta di «agibilità politi­ca » di Berlusconi: è esattamen­te quella che si vuole evitare. «Agibilità politica? Non so cosa voglia dire», liquida la faccenda il capogruppo Pd al Senato Luigi Zanda. Sulla grazia al Cavaliere, un domani, si potrà anche ragio­nare e non alzare barricate. A patto però che il Pdl si liberi dal­la sua ingombrante leadership politica. «L’Italia - dice Luciano Violante- ha bisogno di un parti­to di destra, ma non può essere un partito carismatico sottopo­sto alla regola “se cade il leader cade il partito“». Per cui, sulla questione incandidabilità e de­cadenza di Berlusconi gli alleati di governo restano irremovibili. Anche in caso di grazia, spiega­no, l’estromissione dal Parla­mento resterebbe in vigore. «L’eventuale grazia che potreb­be concedere Napolitano non c’entra nulla ai fini dell’incandi­dabilità perché la grazia inter­verrebbe sull’esecuzione della pena principale e non sugli effet­ti della condanna », asserisce Da­rio Stefano, il presidente della Giunta che il 9 settembre prossi­mo inizierà l’esame della prati­ca Berlusconi in Senato. E che per il Cavaliere non ci sia alcuno «spiraglio» lo ribadisce anche il costituzionalista ed ex senatore Pd Stefano Ceccanti: «Non ha al­ternative al fatto di uscire dal Parlamento, anche l’eventuale grazia riguarderebbe solo la pe­na principale». Con poche idee ma confuse, intanto, Beppe Gril­lo fa di ogni erba un fascio e sfida il Colle e minaccia sconquassi erga omnes: «Se Berlusconi sarà salvato, moriranno le istituzio­ni. Napolitano uscirà di scena nel peggiore dei modi. Il mio consiglio è che rassegni ora le di­missioni. Il mutismo del pdme­noelle è quello dei complici, de­gli ignavi, di chi più prosaica­mente non vuol perdere la pa­gnotta, la poltrona, il potere che si è auto conferito insieme al suo sodale di Arcore».

Commenti

edo1969

Gio, 15/08/2013 - 09:57

meglio che si candidi, prenderà 3 voti

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Gio, 15/08/2013 - 10:09

E mi sembra giusto. Se la destra non ce la fa da sola a diventare europea perchè vive su un unico leader con collaboratori inutili, del tutto inutili alla società, è giusto che la sinistra la aiuti ad adeguarsi a modelli più consoni ai nostri tempi europei, compresa l'Inghilterra che potrebbe darci lezioni

al59ma63

Gio, 15/08/2013 - 10:09

A sinistra rosicano, rosicano...., le hanno provate tutte, anche con i tribunali rossi, nulla da fare, un leader che e' amato dalla gente non tramontera' mai, stiano tranquilli i rossi con le loro cattedre di tribunale pilotate (MILANO) e toghe radiocomandate, che si muovono dopo ordini del politburo, LA GENTE HA CAPITO che usano la magistratura amica per colpire l' avversario politico, lo hanno capito i bimbi delle elementari, solo i sinistri non l' hanno capito o fingono di non capirlo per darlo d'intendere alle loro orde. LA GENTE HA CAPITO che gli ideali stanno nel popolo centrista del CDX, dall' altra parte uno stuolo di cattiveria ed invidia, che non portera' da nessuna parte, chi ha una storia( il comunismo) nel passato e nel DNA, che e' stata fallimentare ovunque applicata puo' solo cercare di eliminare fisicamente o con sotterfugi ambigui l' avversario politico. La sinistra non ha un futuro e non ha ideali perche' fallimentari, non potra' mai costruire nulla su un fallimento. Non ci credete?? elencatemi i parlamentari di sinistra in GALERA dopo lo scandalo Monte Paschi Siena NESSSUUUNOOOOOOO!!! nessuno e' in galera!!hanno vuotato la banca e nessuno e' ancora in galera a marcire come meriterebbe dopo avere messo sul lastrico migliaia di persone!!

ABU NAWAS

Gio, 15/08/2013 - 10:10

POVERI MALATI DI ANTIBERLUSCONISMO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! SE LA STANNO FACENDO ADDOSSO, CONSAPEVOLI CHE, ALLE PROSSIME ELEZIONI, PER BERLUSCONI SARA' FACILE CONQUISTARE UNA MAGGIORANZA "BULGARA"!!!! NON ILLUDETEVI CHE SENTENZE SCIAGURATE POSSANO ESTROMETTERLO DALL'AGONE POLITICO E.... RASSEGNATEVI!!!!!!1

giovanni PERINCIOLO

Gio, 15/08/2013 - 10:11

Ad uso e consumo dei sinistronzi usi a parlare e straparlare di « legge uguale per tutti », di « prescrizioni » e a emettere sentenze gratuite contro tutti quelli di destra, in primis Silvio Berlusconi, mai contro un « compagno ». Riprendo integralente per la seconda volta da ANTENNASUD del « 17 maggio 2012 - 19:44 per rinfrescare loro la memoria. “””Missione Arcobaleno: processo finito in prescrizione Il processo per la gestione della Missione Arcobaleno è finito. Anzi, non è mai iniziato. Dopo 7 rinvii della prima udienza, a novembre scorso il procuratore aggiunto di Bari, Pasquale Drago, titolare del fascicolo, ha chiesto di rinviarlo a dopo la prescrizione: troppo stretti, ormai, i tempi per istruire un processo mai andato oltre le questioni preliminari, con 17 imputati e più di 100 testimoni. Dopo oltre 12 anni dagli arresti, tutti i reati sono prescritti. La Missione Arcobaleno, lo ricordiamo, è l’operazione umanitaria voluta nel 1999 in Albania dal Governo D’Alema, per sostenere i kosovari in fuga dalla loro terra bombardata dalla Nato, in conseguenza dell’intervento contro la Serbia. Tra gli imputati, l’ex sottosegretario Franco Barberi, all’epoca capo dipartimento della Protezione Civile. Nell’inchiesta era coinvolto anche un albergatore albanese, che – grazie alla complicità degli italiani – si sarebbe impossessato di centinaia di quintali di pasta e prodotti alimentari, destinati ai fuggiaschi del Kosovo. L’albergatore, latitante dal 2000, è ora un uomo libero, perché con la prescrizione si estinguono anche le misure cautelari pendenti. L’inchiesta sulla gestione della missione umanitaria fu aperta dall’allora pm Michele Emiliano, divenuto poi sindaco di Bari. Il fascicolo passò poi nelle mani del pm Marco Dinapoli, ora procuratore di Brindisi, prima di essere ereditato da Drago, che ha deciso di scrivere la parola fine. » » » Guardacaso qui si parla di personaggi di sinistra, si parla anche di un certo signor Barberi fortemente voluto da baffino che pur avendolo imposto poteva sicuramente « non sapere » quanto faceva il suo pupillo. Si parla di un solerte pm che, guarda caso, é poi diventato sindaco di Bari in quota Pd. Ecc. ecc. Passiamo poi a casi più recenti tipo il caso Penati, é sulla buona strada! Il caso Errani e fratello, della serie « chi l’ha visto » ?? Il caso MPS, si accettano scomesse! Il caso Vendola e la giudice amica di famiglia! E potremmo continuare. Se la legge fosse veramente « uguale per tutti » si’ che ci sarebbe da ridere, meglio da piangere per i cari « compagni » Sicuramente ho torto e sbaglio ma…concludo facendo mio l’aforisma di Andreotti : a pensar male………

al59ma63

Gio, 15/08/2013 - 10:15

A sinistra rosicano, rosicano...., le hanno provate tutte, anche con i tribunali rossi, nulla da fare, un leader che e' amato dalla gente non tramontera' mai, stiano tranquilli i rossi con le loro cattedre di tribunale pilotate (MILANO) e toghe radiocomandate, che si muovono dopo ordini del politburo, LA GENTE HA CAPITO che usano la magistratura amica per colpire l' avversario politico, lo hanno capito i bimbi delle elementari, solo i sinistri non l' hanno capito o fingono di non capirlo per darlo d'intendere alle loro orde. LA GENTE HA CAPITO che gli ideali stanno nel popolo centrista del CDX, dall' altra parte uno stuolo di cattiveria ed invidia, che non portera' da nessuna parte, chi ha una storia( il comunismo) nel passato e nel DNA, che e' stata fallimentare ovunque applicata puo' solo cercare di eliminare fisicamente o con sotterfugi ambigui l' avversario politico. La sinistra non ha un futuro e non ha ideali perche' fallimentari, non potra' mai costruire nulla su un fallimento. Non ci credete?? elencatemi i parlamentari di sinistra in GALERA dopo lo scandalo Monte Paschi Siena NESSSUUUNOOOOOOO!!! nessuno e' in galera!!hanno vuotato la banca e nessuno e' ancora in galera a marcire come meriterebbe dopo avere messo sul lastrico migliaia di persone!!

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Gio, 15/08/2013 - 10:18

Mai chiedere la grazia, MAI. Sarebbe un errore politico esiziale. Praticamente il ritorno del cdx ai numeri Altissimo, 1,6%. Invece patire l'ultimo assassinio (ed i prossimi) come il misfatto di un ordine criminale. Ed incombere (dall'aldilà) su politica e magistratura che diverrebbero ancor di più il tormento degli italiani. I democratici, alle prese con una magistratura da centro sociale ed un cretino come Grillo, forse capiranno che il comunismo è finito davvero e forse, (molto forse però, la loro cultura è quella che è) concorreranno verso libertà e democrazia che l'Italia non ha conosciuto mai. Fin dalla sua nascita.

Ritratto di Il corvo

Il corvo

Gio, 15/08/2013 - 10:19

Vorrei sapere che differenza passa da essere cittadino senza condanne da scontare a cittadino che dovendo espiare una pena gode di agibilità politica. Dovrà pur esserci una differenza che allo stato delle cose non riesco a individuare, a meno che per agibilità politica non si intenda dire grazia.

Ritratto di drazen

drazen

Gio, 15/08/2013 - 10:38

E' incredibile l'ignoranza di questa gente! Il reato imputato a Berlusconi, per il quale lo hanno condannato è sicuramente anteriore alla Legge c.d. Severino, del 2012. Quindi quest'ultima non si applica! Anche gli studenti del primo anno di giurisprudenza sanno che non vi può essere pena - di nessun tipo e l'incandidabilità è comunque una sanzione di natura e di effetti afflittivi - con efficacia retroattiva: "Nullum crimen, nulla poena sine PRAEVIA lege poenali". E' un criterio basilare del diritto e della civiltà. Una massima fondamentale per il diritto moderno che risale addirittura a Ulpiano. Questo fondamentale principio proibisce in pratica la possibilità di leggi che, operando retroattivamente, comportino pene e sanzioni afflittive prima non previste o regolate diversamente. Questo principio, meglio noto come principio di irretroattività, è presente in un gran numero di costituzioni europee e in numerosi trattati internazionali: Costituzione Italiana, articolo 25, Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali, articolo 7 e Statuto di Roma istitutivo della Corte Penale Internazionale, articolo 22 e segg.. Cosa vogliono questi ignoranti grillini e Sel?

Ritratto di bergat

bergat

Gio, 15/08/2013 - 10:42

Si Berlusconi è incandidabile, perché è impossibile che possa essere confuso con uomini comuni, che possa scendere nell'agone di questo parlamento, che si possa credere che un padre della patria possa essere esposto a un qualsivoglia giudizio. Suvvia a lui spetta la responsabilità di condurre alla salvezza questa repubblica.

Ritratto di marione1944

Anonimo (non verificato)

Ritratto di wtrading

wtrading

Gio, 15/08/2013 - 10:54

Avete capito ? Praticamente Violante e tutti i farisei come lui vorrebbero dettare le regole di come deve essere un partito di centro destra. Questa, per loro e le loro teste intrise di ideologia comunista, sarebbe la democrazia. Come dire : Io prendo il potere e tutti i partiti che si formano devono seguire le nostre regole ". Insoma : URSS. Pazzesco. Ma il Popolo, noi Italiani, vogliamo veramente che questo si realizzi ? Per poi portare l'Italia al servizio della Germania, degli USA e delle loro Lobbies ? Svegliamoci per favore finchè siamo ancora in tempo.!!

angeli1951

Gio, 15/08/2013 - 11:28

Grillo ha mille volte ragione! Poi per l'incandidabilità è sancita da una legge emanata decenni fà ma mai applicata a berlusconi: ora siamo fuori tempo massimo. Escluso il M5S tutti gli altri si sono abbuffati allo stesso trogolo innalzato a totem da craxxi.

bruna.amorosi

Gio, 15/08/2013 - 11:51

poveri INFAMI, sono 20 anni che ci stanno sperando adesso che gli amici kompagni magistrati gli stanno dando una mano ....che fanno ci rinunciano??? ma dai dimostrerebbero di ESSERE ONESTI E...NON POSSONO PERMETTERSELO .

Ritratto di martello carlo

martello carlo

Gio, 15/08/2013 - 12:10

Che la sinistra ci ridia i soldi dei bond MPS finanziati dall' IMU e si dia una ristrutturazione mentale e politica un po' meno COMICA, come suggerito dalla stessa UE per il primo piano di Rocca Salimbeni, invece di fare la verginella. Tutti santi questi comunistelli e relative degradazioni, almeno finché la magistratura non verrà referendata: dopo faremo i conti con un trentennio di impunità.

terzino

Gio, 15/08/2013 - 12:10

Strano che Zanda voglia comandare in casa altrui quando non è capace di farlo nella propria.

raffaele2764

Gio, 15/08/2013 - 12:31

Ma non vi sembra che la legge sull'incandidabilità sia un pochino (per modo di dire) anticostituzionale? Non viola il principio dell'uguaglianza e il principio per cui la pena detentiva è intesa non come vendetta ma è volta alla rieducazione del condannato? Non viola il principio per cui chiunque è eleggibile, godendo dei diritti civili, purchè abbia almeno 25 anni per la Camera e 40 anni per il Senato? Perché se io ho scontato la pena, quindi pagato il mio debito con la giustizia, debbo essere per almeno 6 anni non candidabile? Allora, non godendo dei diritti civili per questi 6 anni posso anche non pagare le tasse per lo stesso periodo? Ma se in Italia già esistono le pene accessorie, che riguardano la non elegibilità, che secondo me violano il principio dell'uguaglianza come ho spiegato sopra, che senso fare una ulteriore legge?

benny.manocchia

Gio, 15/08/2013 - 12:41

QUANDO UNO VUOLE VINCERE AD OGNI COSTO (MA NEL SUO INTIMO SA CHE NON VINCERA' MAI).bERLUSCONI FA UNA PAURA INCREDIBILE.POVERI COMUNISTI CHE SE LA FANNO ADDOSSO... UN ITALIANO IN USA

Giorgio Rubiu

Gio, 15/08/2013 - 12:48

Se questi pensano veramente che Berlusconi fuori parlamento e ineleggibile, smetta di essere il capo di FI (ex PdL) e il regista carismatico del partito e delle future campagne elettorali, sbagliano di grosse. Berlusconi, le sue idee e le sue politiche, rimarranno la spina nel fianco di questi beceri che sono uniti solo nel "Dagli a Berlusconi!". Poi, quando Berlusconi fosse la figura esterna (ma sempre a capo del grosso partito che sarà FI) dovranno cominciare a combattersi e divorarsi tra di loro. Le varie correnti del PD si scanneranno a vicenda, e a dare loro una mano, ci sarà il sempre ribelle Grillo. Questo li manderà a carte quarantotto il PD e FI, Renzi ed anche M5S potranno dare il colpo di grazia a quel PD nel quale Bersani continua a fare la voce grossa senza rendersi conto di non essere più nessuno. Sempre ammettendo, con forti dubbi, che egli sia mai stato "qualcuno"!

Gero53

Gio, 15/08/2013 - 12:54

A chi assomiglia !!!!

Gero53

Gio, 15/08/2013 - 13:00

dal ciuffo, dagli occhi e dai baffi.

agosvac

Gio, 15/08/2013 - 13:09

Questi, a partire da violante( ex magistrato non esente da colpe) per finire a fassina , emerito imbecille che di economia ne capisce poco e niente pur essendo vice ministro dell'economia, non hanno capito niente. Berlusconi non ha alcun bisogno di agibilità politica perchè nessuno, nè loro nè la magistratura di sinistra, gli potrà mai impedire di continuare allegramente a fare politica dall'esterno del Parlamento. E dire che se non fossero completamente imbecilli avrebbero in grillo un esempio di come si può essere capo di un movimento politico senza essere, in quanto pregiudicato, candidabile al Parlamento. Io, se fossi Berlusconi, a questi mezzi deficienti sputerei in faccia dimettendomi da senatore e poi continuerei a fare quello che ha sempre fatto: il leader indiscusso del Cdx!!! Se c'è già un leader che ha il 25% di voti pur essendo pregiudicato ci potrà pur essere un altro leader pregiudicato che potrebbe avere ben più del 25% di voti. Saranno, come sempre, gli italiani a deciderlo, non certamente gentaglia che non ha neanche un leader riconosciuto!!! Io ho sempre votato per il Cdx e non sarà certamente una sentenza farlocca emessa da un magistrato di dubbia reputazione a farmi cambiare idea!

Rosario46

Gio, 15/08/2013 - 13:22

E stato sempre cosi, dalla (gloriosa) URSS alla Bularia, da Cuba alla Romania: non vogliono avversari. Vogliono spremere il popolo senza essere disturbati. La Nomenklatura, e le varie caste, stanno fremendo per il traguardo sempre più vicino. Saluti

maurizio50

Gio, 15/08/2013 - 13:59

Il PD? Un partito di bugiardi matricolati, erede di quel partito di bugiardi indefessi che si chiamava PCI. Ora fanno i portavoce della legalità, ma son sempre gli eredi di quelli che fecero espatriare in Cecoslovacchia il famigerato onorevole Moranino, condannato all'ergastolo per aver ucciso partigiani non comunisti!!! E poi pretendono pure di essere credibili!!!!

Ritratto di venividi

venividi

Gio, 15/08/2013 - 15:13

Ecco la soluzione : se non puoi battere una persona per via democratica, ci riesci lo stesso faccendola dichiarare incandidabile. Il ragionamento fila.

pastello

Gio, 15/08/2013 - 15:17

Avete visto quello nella foto? Possibile non ce ne sia uno nella sinistra con una faccia un po' simpatica?

Maura S.

Gio, 15/08/2013 - 15:48

Quando finira' di rompere. oramai e' diventato insopportabile. Possibile che non se ne accorga. Forse odia tanto il berlusca a causa di Meadiset? Comunque il Cavaliere c'e' e rimane, alla faccia di tutti voi

paolozaff

Gio, 15/08/2013 - 17:13

Guardate che non è una questione di "armata o non armata" è solo una questione di legge (mi sembra quella Severino) che è stata votata anche dal PDL e da Berlusconi, quindi a buon intenditor poche parole!

Roberta.d

Gio, 15/08/2013 - 17:54

Stavano fingendo di digerire il Presidente tappandosi il naso... in realtà stavano tutti aspettando questo momento con trepidazione! L'opportunità di voltargli le spalle, ora gli è legittima facendola passare per causa di forza maggiore! Se non esiste l'asso nella manica, alle elezioni senza paura!

ABU NAWAS

Gio, 15/08/2013 - 18:19

POVERACCI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! INCAPACI DI REGGERE UN CONFRONTO POLITICO CON IL CAVALIERE, GLI IMPROVVISATI PARLAMENTARI SPERANO DI NEUTRALIZZARLO CON LA SCELLERATEZZA DI CERTE SENTENZE. POCHISSIMI DI VOI SARA' RIELETTO ALLE PROSSIME ELEZIONI,E DOVRETE CERCARVI NUOVAMENTE UN LAVORO,MA AVRETE BISOGNO DI MOLTA FORTUNA!!

marcellopedretti

Gio, 15/08/2013 - 19:53

c'è il diritto di uguaglianza nella Carta Costituzionale e nessuna legge ordinaria può essere in antitesi con la Carta Costituzionale

Ritratto di CIOMPI

CIOMPI

Gio, 15/08/2013 - 19:59

Il guaio per l'Italia è che Grillo non è una possibile alternativa sia per la destra che per la sinistra. Ma del resto sono gli italiani senza cervello a dargli un consenso rilevante e a tenere bloccata la situazione.

Ritratto di Soccorsi

Soccorsi

Gio, 15/08/2013 - 20:03

Le futili speranze dell'armata Brancaleone, tutti generali e nessun soldato partendo dal baffino D'Alema, a Violante, Fassina , Zanda, Grillo, Vendola ed altri che hanno la strizza cronica per il ritorno all'arrembaggio del temerario invincibile Cavaliere. C'è da spacciarsi dalle risate!.

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Gio, 15/08/2013 - 22:11

La rivincita dei quaquaraquà: servirà a poco. Zeri erano e zeri restano. Saluti

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 16/08/2013 - 00:06

Chi si illudeva di vivere in uno stato democratico ora può guardare in faccia quelli che cianciano di democrazia e poi eliminano gli avversari che vincono le elezioni. BERLUSCONI E' DIVENTATO LA CARTINA DI TORNASOLE CHE RIVELA LA MALAFEDE DEI FALSI DEMOCRATICI.

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Ven, 16/08/2013 - 10:49

Gli uccelli si accoppiano in cielo e .................. non ricordo il finale

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Ven, 16/08/2013 - 21:35

...L'accozzaglia della politica italiana affila le spade di cartone.