L'ateneo replica alla studentessa: «Senza orgasmo non è reato»

Se l'aggressore non raggiunge l'orgasmo non si può dire che ci sia stata violenza sessuale. Negli Usa scoppia la polemica per la posizione choc assunta dalla University of Southern California (Usc) rispetto ad alcuni casi di violenza sessuale denunciati da 14 delle sue studentesse. Denunce respinte con pretesti vari, tra cui, appunto, quello secondo il quale non si può parlare di reato perché il presunto violentatore non ha raggiunto l'orgasmo durante la penetrazione. La vicenda, riportata dal popolare sito BuzzFeed, ha fatto scattare l'apertura di un procedimento da parte del ministero dell'Istruzione. Una delle studentesse, Ari Mostov, ha raccontato di aver denunciato al dipartimento di sicurezza della Usc la violenza subìta da un compagno di facoltà e di sentirsi rispondere che né la polizia né l'università avrebbero perseguito il presunto stupratore perché «non ha avuto orgasmo». Ma i casi - lo conferma la denuncia di un'altra studentessa - potrebbero essere molti di più.