Lazio, Abbruzzese come Obama: stesso salario e 18 segretari

Il Consiglio regionale costa 140 milioni all'anno. Il presidente ha uno staff di 18 collaboratori e 1,5 milioni dis pese di rappresentanza

"Il Consiglio regionale costa 140 milioni di euro all’anno. Io ho eliminato gli sprechi in giunta, ora anche il Consiglio regionale faccia la propria parte, riduca consulenze e compensi vari. Oppure intervengo io". In una lunga intervista rilasciata al Messaggero nei giorni scorsi, il presidente della Regione Lazio Renata Polverini aveva annunciato un giro di vite per dare un taglio agli sprechi. Basta dare un'occhiata ai numeri del Consiglio regionale per capire che si tratta di un'operazione titanica e, proprio per questo, irrinunciabile.

L'ufficio di presidenza

Secondo i dati elaborati dalla Regione e pubblicati oggi dal Messaggero, nel 2010 l’assemblea elettiva del Lazio è costata ai contribuenti 138.593.703 di euro e nel 2011 141.395.795. Tanto per capirci: ogni cittadino del Lazio spende 24 euro all’anno per mantenere il Consiglio regionale, oltre il doppio di quanto sborsano i residenti nelle altre Regioni d'Italia. Nelle ultime ore è finito nell'occhio del ciclone proprio il presidente del Consiglio regionale Mario Abbruzzese. "Otto collaboratori per la Polverini e 115mila euro di spese di rappresentanza, zero per le consulenze direttamente dipendenti dalla presidente - si legge sul Messaggero - Abbruzzese ha uno staff di 18 collaboratori, un milione e mezzo di euro di spese di rappresentanza e 466mila euro per le consulenze". Non solo. Il presidente del Consiglio regionale ha uno stipendio d'oro: quasi 21mila euro lordi al mese, ovvero 251mila euro all’anno. Insomma, Abbruzzese guadagna poco meno del presidente americano Barack Obama (275mila euro). E i due vicepresidenti del Consiglio? Il democratico Bruno Astorre e il centrista Raffaele D’Ambrosio guadagnano poco più di 20mila euro lordi al mese. I tre consiglieri regionali segretari (la pdl Isabella Rauti, Gianfranco Gatti della Lista Polverini e il dipietrista Claudio Bucci) portano a casa oltre 19mila euro lordi al mese. "In totale - fa notare il Messaggero - l’ufficio di presidenza del Consiglio regionale ha a disposizione uno squadrone di 72 dipendenti e 21 consulenti".

I soldati semplici

Grazie alle 19 commissioni (con un presidente e due vicepresidenti ciascuna) e ai 17 gruppi consiliari (tutti con un proprio capogruppo), i settanta consiglieri regionali possono godere delle indennità aggiuntive. Il Messaggero ha fatto una simulazione piuttosto precisa di quello che i "soldati semplici" della Regione Lazio dovrebbero portarsi a casa ogni mese: "All’indennità di carica di poco più di 9mila euro si aggiungono la diaria di 3.500 euro, l’indennità di funzione (l’esempio preso è quello dei 38 vicepresidenti di commissione), indennità chilometrica (70 chilometri, 320 euro), più altre voci che fanno capo a due differenti leggi che sommate arrivano ad altri 4.800 euro". Il risultato finale? Euro più, euro meno: 18.675 lordi, ovvero 13.321 netti.

Il meccanismo dei monogruppi

Va detto subito: in futuro non ci sarà più. Il meccanismo dei monogruppi è stato eliminato. In cosa consiste? Qualora nel corso della legislatura un consigliere dovesse decidere di lasciare il proprio partito e aprire un nuovo gruppo, diventerebbe capogruppo di se stesso trovandosi a gestire uno staff di sette persone. Ad oggi, nella Regione Lazio, i monogruppi che non sono stati eletti dai cittadini, sono ben cinque e costano quasi 19 milioni di euro all’anno. "Ma il vero buco nero - spiega il Messaggero - sono gli 8.900.000 euro alla voce 'costo attività dei gruppi consiliari'. Vengono divisi in base alla grandezza del gruppo, gestiti e concessi ai consiglieri dai rispettivi capogruppo. Nessuno in realtà controlla come vengono spesi: certo, c’è un rendiconto, ma nessuno va a verificare le ricevute, basta un’autocertificazione"

Annunci
Commenti

bobsg

Ven, 07/09/2012 - 16:33

"l'occasione fa l'uomo ladro". I proverbi non sbagliano.

curatola

Ven, 07/09/2012 - 16:40

non ho parole. Vorrei che questi dati diventassero parte di una rubrica giornaliera,una vetrina dove si vedano nomi,cognomi,foto e numeri. L'elettore va informato con perseveranza e obiettività.Il resto verrà da se...

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 07/09/2012 - 16:42

Queste sono le cose che DEVONO FINIRE. La politica deve dare una risposta “responsabile” ai cittadini contribuenti. Inutile poi fare delle polemiche personalizzate sui privilegi accordati alla Polverni in ospedale, quando il dissesto economico della Regione è molto preoccupante, tale da far temere il fallimento. Siamo al solito schifo che vede la CASTA COMPLICE E COESA NEL DEPREDARE i contribuenti, il cosiddetto popolo bue che deve solo pagare e tacere. BASTA!

Ritratto di GABRIELE FOGLIETTA

GABRIELE FOGLIETTA

Ven, 07/09/2012 - 16:43

E qualcuno si preoccupa di Grillo e dell'incitamento all'antipolitica. Per D'Alema sono i politici di lungo corso che possono garantire la governabilità.Quello che leggiamo in questo articolo, esempio fra tanti, è quello che la politica è riuscita a fare fino ad oggi. I capi partito non sanno quello che incassano gli eletti alla Regione? Maggioranza o opposizione che siano? Tutti zitti? Me li figuro nell'ombra, coperti dalla falda di un cappello e da un bavero rialzato, intascare i loro emolumenti per poi lanciare appelli ai sacrifici per il bene del paese. Mi vergogno per loro.

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 07/09/2012 - 16:46

Cambiano i suonatori, ma la musica è sempre la stessa. Dopo lo schifo della destra emerge lo schifo della destra, in tutto incapace meno che nell'abbuffarsi di denaro pubblico, oltre ogni limite e senza alcun controllo. Se la Polverni non ha l'idoneità fisica per raddrizzare la bnaracca si dimetta.

erminiamusolesi...

Ven, 07/09/2012 - 17:15

X02121940"dopo lo schifo della destra emerge lo schifo della destra"intendeva questo?o è stato un errore di battitura,non mi sembra cheabruzzese sia di destra......Io abito i toscana,si la rossa Toscana,dove un sindaco di paers tra trasferte ,indennizzi e....un'accidente dietro l'altro supera i 7500€ mensili.1 anno e 1 mese della mia pensione,che ho lavorato x50 anni...mentre lui fa niente è solo rosso......ho sempre detto ai miei figli di darsi alla politica....ma sono onesti.......

hector51

Ven, 07/09/2012 - 17:18

Con quale coraggio si continua a tartassare i cittadini di fronte a sprechi del genere?Politica, ti lamenti perchè tutti parlano male di te?Fa qualcosa allora e vergognati per quello che permetti.

maurizio50

Ven, 07/09/2012 - 17:41

E questi sono i politici tanto apprezzati dal novantenne Presidente?. Grazie tante. Era meglio la buonanima di Mussolini.Quello non ha mai rubato un soldo dello Stato.

a.zoin

Ven, 07/09/2012 - 17:44

QUI,È DOVE LA Guardia di Finanza,DEVE FARE CONTROLLI A TAPPETO, e questo Abruzzese,deve essere messo agli arresti,per abuso di danaro ALTRUI. Cosa fanno I PAPPONI AL GOVERNO PER FRENARE QUESTI MAGNACCI ???

Dario40

Ven, 07/09/2012 - 18:37

sono da prendere tutti a pedate nel lato "B" ! Fanno semplicemente schifo !!!!!!!1

GiordanoFra

Ven, 07/09/2012 - 18:46

Ultime parole famose.......la lotta all'evasione e' un battaglia di civilta' ........per poi Dare i nostri Soldi a questi!!!!!!

cast49

Ven, 07/09/2012 - 19:03

02121940, perchè la sinistra non ruba? e penati? errani ed oltre 400 comunisti cosa fanno? sono tutti onesti?

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Ven, 07/09/2012 - 19:10

Scommettiamo che questo abbruzzese è del PDL ?

Ritratto di marystip

marystip

Ven, 07/09/2012 - 19:20

Ma i professori non dovevano tagliare i costi della poltica? Dove sono? Ho sempre pensato che siano le Regioni da abolire, non tanto le Provincie. Fate due conti sui relativi costi.

swiller

Ven, 07/09/2012 - 20:14

E noi coglioni sempre a subire.

st.it

Ven, 07/09/2012 - 20:29

ma monti queste cose le sa? se no si evince che è confermata la sua situazione di povero pirla,se no è uguale

oldpeterjazz

Ven, 07/09/2012 - 20:30

RIVOLUZIONE, RIVOLUZIONE, RIVOLUZIONE unico modo per uscirne.

vince50

Ven, 07/09/2012 - 21:01

Inutile parlare di Roma oppure di altri posti.Si tratta di un sistema voluto da tutti i politici attuali e non,per poter ingozzarsi derubando il popolo sottomesso i impotente.Per quanto riguarda "buonanima!!"oltre a non rubare massacrava chi tentava di farlo quindi andava eliminato.Dava troppo fastidio,in particolare alle carrettate di soldi per i compagnucci che si sono arricchiti regalandoci questa dittatocrazia.

MMARTILA

Ven, 07/09/2012 - 21:50

L'occasione fa l'uomo ladro, convengo...e lo rende un pezzo di merda!

TonySax

Ven, 07/09/2012 - 21:51

per marino.birocco Scommessa vinta. Prova a chiedere all'autore dell'articolo di informare i lettori sulle cifre iperboliche spese dallo stesso Abbruzzese durante l'ultima campagna elettorale; evidentemente era sicuro di potersi rifare una volta eletto e lo sta semplicemente mettendo in atto.

pongi40

Ven, 07/09/2012 - 21:57

Quando la competenza e la conoscenza sono assenti ci si circonda di esperti,consiglieri che dovrebbero realizzare i tuoi obiettivi,ma siccome non ne capisci un accidente,realizzano i propri e tu ,pollo approvi sempre e firmi!!!!Polverini,ha mai pensato che forse ha ottenuto un incarico superiore alle Sue capacità.Rifletta!

maumen

Ven, 07/09/2012 - 22:35

La dirigenza pubblica italiana e' piu' scandalosa della classe politica. Stipendi assurdi per personaggi spesso incapaci i veri artefici del fallimento di questo paese. I contribuenti sono stufi di vedere i propri soldi dirottati sui conti correnti di manager inutili, ridondanti che nel privato potrebbero giusto trovare sistemazione davanti ad una macchina fotocopiatrice. Una vergogna per questo paese, speriamo che Il prossimo futuro governo inizi a fare piazza pulita di questa casta occulta iniziando con un taglio del 70% degli stipendi. Se a qualcuno di questi non converrà piu' lavorare nel pubblico, si trasferiscano nel privato o magari offrano le loro competenze in un altro paese europeo o magari negli Stati Uniti, le occasioni non mancheranno certamente..!

Zahal

Sab, 08/09/2012 - 07:35

Come possiamo pretendere di cambiare e migliorare, se la classe dirigente (leggasi digerente) italiana è lo specchio del sistema, dal disoccupato a loro stessi, dove ognuno pensa al proprio orticello. Il colmo? Nella stessa ASL di Frosinone, gli infermieri di sala operatoria sono trattati differentemente, a secondo dell'ospedale dove lavorano. E ci meravigliamo di Mario Abbruzzese.

ffortini

Sab, 08/09/2012 - 08:16

Forza Polverini! Continua cosi' e Grillo prendera' l'80% dei voti, altro che Favia. Poi mi piacciono quelli che dicono "ma allora Penati"? Mentre voi vi state combattendo su chi ruba di meno Grillo avanza. Qui non e' il problema se Penati ha rubato quattro euro piu' di Polverini oppure Polverini ha rubato quattro euro meno di Penati, qui il problema e' che Polverini, Penati e tutti quanti "hanno rubato tutti". Quanti euro hanno rubato fino ad oggi gli eletti del movimento 5 stelle?

michpaler

Sab, 08/09/2012 - 09:17

Questa é la conferma che l' attuale Presidente del Consiglio si é mosso esclusivamente secondo due direzioni : - in Europa, per i motivi legati all' Eurozona dove è riuscito a farsi apprezzare; - all' interno del Paese solo per determinare,con tassazioni assurde, mancati pagamenti e vessazioni fiscali, lo sfacelo totale dell' economia e della Società, che ha implicato la morte di persone abituate ad un economia autentica dove il lavoro dovrebbe essere un diritto di tutti e dove chi lavora ha il diritto di essere pagato, sia esso dipendente oppure imprenditore. Ma neanche le morti sembrano avere scalfito la freddezza del nostro Premier. Ha, però, deliberatamente evitato di andare a ficcare il naso nelle "cose finanziarie" della politica e dell' alta dirigenza. In tali ambienti, ognuno ha continuato a dilapidare i soldi dei contribuenti e ad arricchirsi; e ciò indipendentemente dal fatto che nello stesso momento qualcuno si stava togliendo la vita a causa di una classe politica che, ormai da anni, affligge il nostro Paese, quanto meno per indifferenza ed incapacità.