Legge elettorale, in aula alla Camera il 27 gennaio

Il disegno di legge sulla riforma elettorale verrà esaminato alla Camera a partire dalla fine del mese

Un punto fermo ora c'è. O meglio, una data: il disegno di legge di riforma del sistema elettorale sarà all’esame dell’Aula della Camera a partire dal 27 gennaio. Lo ha stabilito la conferenza dei capigruppo di Montecitorio. La presidente della Camera, Laura Boldrini, ha incontrato il presidente della commissione Affari costituzionali, Francesco Paolo Sisto, per discutere dell’iter della legge elettorale che prevede dalla prossima settimana le audizioni e la discussione generale dal 20 gennaio. Quindi si è deciso di calendarizzarla per l’Aula dal 27. Nella stessa settimana, dal 27 al 31 gennaio, l’Assemblea dovrà votare anche i decreti in scadenza da mandare al Senato, "Destino Italia" e piano carceri.

Soddisfazione in casa Pd. "Legge elettorale in aula il 27 gennaio come da richiesta Pd. Bene Conferenza Capigruppo!". Lo scrive su twitter il vicepresidente della Camera Roberto Giachetti. E il capogruppo Pd alla Camera, Roberto Speranza, ribadisce l'apprezzamento per la decisione: "Siamo soddisfatti di aver mantenuto l’impegno di portare in Aula la legge elettorale già a gennaio". Preoccupazione, invece, tra le fila del Nuovo centrodestra: "Questa decisione - dice il capogruppo alla Camera di Ncd, Enrico Costa - si contraddice con i lavori e le audizioni della commissione. Mi auguro che non sia una data spot". E il più contento di tutti sembra Matteo Renzi, che su Twitter scrive: "Legge elettorale, tagli a province e costi politica, jobs act, diritti. Sembrava impossibile, eppur si muove. È proprio la volta buona".

In merito alla trattativa in corso sulla legge elettorale Angelino Alfano avverte il Pd: "Razionalità vuole che se le forze della maggioranza scelgono una delle proposte di Renzi, lui non ne scelga un’altra con le opposizioni. Non abbiamo paura di nessun sistema - aggiunge - Ci stiamo attrezzando per prendere una gran quantità di voti. Siamo una start up di successo, la quarta forza politica del Paese".  Il leader di Ncd torna a bocciare il Mattarellum (con i candidati "catapultati" nei colleggi sicuri) e spiega che sarebbe preferibile "l’elezione diretta del premier", ma che Ncd non insiste su questo punto per sgombrare il campo da un equivoco: "Se adesso dicessimo che vogliamo l’elezione diretta del capo dell’esecutivo, si aprirebbero grandi proteste della sinistra per dire che vogliamo perdere tempo". Di qui la preferenza per il sistema dei sindaci a doppio turno. Infine, a chi non vuole le preferenze, Alfano manda a dire tranchant: "Fatichino tutti per prenderle".