DOPO L'ESULTANZA NAZISTA DEL GRECO KATIDISAbodi (Serie B) frena: «Calcio solo sport»

Andrea Abodi, presidente della Lega di serie B, butta acqua sul fuoco della polemica relativa al greco Georgos Katidis, giocatore cacciato dalla nazionale greca per aver esultato con il saluto nazista dopo un gol e acquistato dal Novara: «Mi sembra la ricerca di costruire a tutti i costi un caso che non esiste. Katidis ha 20 anni, il suo gesto è stato duramente punito e il ragazzo ha pagato. Vogliamo che questa colpa e la punizione diventino perpetue? Quanto ai deputati Pd che chiedono l'intervento della Lega, hanno diritto di esprimersi, come noi abbiamo diritto di andare avanti, perché il calcio è sport e non politica».