Letta: "Il governo non rischia per le sentenze su Berlusconi"

Il premier si mostra ottimista e rivendica la bontà del decreto di sabato scorso: "Ottanta interventi, alcuni dei quali rivoluzionari per l’Italia"

In un incontro con la stampa estera il presidente del Consiglio Enrico Letta dice di non temere conseguenze per le vicende giudiziarie legate al Cavaliere. Ha risposto così alla domanda se ci saranno conseguenze sull’esecutivo dopo la sentenza della Consulta sul caso Mediaset. Letta si mostra sereno: "Vedo il governo stabile, concentrato sui suoi obiettivi e, come ho detto in questi giorni, non credo vi saranno conseguenze di nessun tipo rispetto alle vicende esterne di carattere giudiziario". Letta è fiducioso anche perché è soddisfatto del lavoro che sta facendo il suo esecutivo: "Sono passati solo 50 giorni" dall’inizio del lavoro, "e sento un sentimento molto positivo, sento che le cose stanno andando bene e le cose stanno andando come speravo: vedo tantissime difficoltà, ma ci metto tanta determinazione". A domanda diretta (vede il rischio di elezioni anticipate?) Letta risponde di no: "Non vedo la possibilità di elezioni anticipate a breve, non mi sembra ci sia questa situazione". E' tranquillo il premier. O, almeno, ostenta tranquillità.

Basta parlare male dell'Europa

Nel suo intervento Letta si è soffermato anche sull'Unione europea: "Continuiamo tutti sbagliando a guardare il bicchiere mezzo vuoto, siamo sempre a parlare male dell’Europa e dell’euro, ma dobbiamo iniziare a parlare delle vicende europee interpretandole come una storia di successo". Ed ha fatto alcuni esempi: "In questi giorni la Lettonia entra nell’euro, la Croazia entra nell’Unione e la Serbia si avvicina. Zagabria, Riga e Belgrado sono tre grandi capitali della storia europea: questa è una storia di successo. Sono molto felice di rappresentare l’Italia nel momento in cui la Croazia entra nell’Unione europea - ha aggiunto - è un grande risultato per l’Europa e per l’Italia".

Segreto bancario, verso l'accordo con la Svizzera

In vista di un futuro accordo sul segreto bancario, ha detto Letta, "siamo nel momentum giusto, c’è la chiara volontà di giungere ad un’intesa positiva". Il premier si mostra invece preoccupato per le relazioni Usa-Svizzera, dicendo che "non è un bel segnale" la bocciatura definitiva del parlamento di Berna di una intesa sul problema delle banche svizzere che hanno favorito l’evasione fiscale oltre oceano.

Riforma della giustizia

"Per motivi che non sto qui a indagare - dice il premier soffermandosi sul temna giustizia - negli ultimi 20 anni si è intervenuti solo sulla giustizia penale. Il mio obiettivo principale è lavorare per un’Italia affidabile e l’affidabilità parte dal rispetto delle regole. Nel decreto approvato sabato ci sono 80 interventi, alcuni dei quali rivoluzionari, come ad esempio quello sulla giustizia civile. Tante volte - rileva Letta - mi sono sentito dire che il problema principale per investire era una weak rule of law e se tutti, o tanti, ti ripetono questo, vuole dire che le regole non sono certe o applicate in maniera uguale per tutti". "Ma si può stare e investire in Italia senza l’incertezza e la precarietà della regole: bisogna eliminare dal nostro vocabolario la parola scorciatoia che da noi è un valore, ma che secondo me è un disvalore".

L'Italia può essere ponte con l'Iran

"Ho assoluta consapevolezza dell’importanza di relazioni positive e lavorerò facendo di tutto perchè l’Italia possa esser un ponte positivo" verso l’Iran. Il risultato del voto, ha concluso Letta, "sembra sia un primo passo e se a questo seguiranno altre ci sarà da parte dell’italia una sponda di collaborazione fattiva".

 

 

 

Commenti

swiller

Gio, 20/06/2013 - 12:11

Vogliamo in campo Marina Berlusconi e herry potter fuori dai maroni.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 20/06/2013 - 12:17

al contrario dei comunisti, Berlusconi è stato generosamente altruista: ha attirato su di se l'ira dei comunisti, l'odio, pur di non far cadere il governo delle larghe intese: un paese che sta soffrendo mai come ora ha bisogno di un governo che dia a loro le speranze! avete moralmente ammazzato una persona che si è speso per il paese! avete ucciso la democrazia, per far fuori un avversario che non siete riusciti a battere con il voto. siete degli animali! dei mafiosi! chi vota i comunisti dovrebbe avere sulla coscienza tutto questo!!!

nudo

Gio, 20/06/2013 - 12:25

Magari facessi veramente la sponda all'IRAN, paese nobile, ma intanto avverti il grande Brunetta che lo spread sta volando

Ritratto di IoSperiamoCheMeLaCavo

IoSperiamoCheMe...

Gio, 20/06/2013 - 12:40

Anche se Letta pensasse che ci potrebbe essere il minimo rischio di elezioni anticipate sicuramente non lo direbbe in una conferenza con la stampa estera. Dall'altro lato Berlusconi é tante cose ma non stupido e se anche avesse intenzione di far cadere il governo non lo farebbe sicuramente adesso in quanto il motivo sarebbe troppo ovvio, ma aspetterà l'occasione buona dopo l'estate (IMU non eliminata, aumento dell'IVA o qualche altra misura economica che non gradisce) per poter usarla in campagna elettorale.

giosefatte

Gio, 20/06/2013 - 12:44

Magari il governo cadrà per una nuova condanna a Totò u curtu.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Gio, 20/06/2013 - 13:07

Italia = colonia DEL NUOVO ORDINE MONDIALE, SUCCURSALE EUROPEA

GINO_59

Gio, 20/06/2013 - 13:26

Buongiorno. Rischia, rischia e non poco (aspettiamo la sentenza definitiva).

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Gio, 20/06/2013 - 13:26

Il governo rischia in funzione dei sondaggi della Ghisleri... per ora non corre rischi.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 20/06/2013 - 13:36

L'Italia può andare avanti anche senza berlusconi, del resto gli ultimi 10 anni hanno dimostrato questo. Non c'è comunque nessun soggetto in questa politica degno di nota.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 20/06/2013 - 13:43

oggi ha trionfato la prepotenza comunista, la mafia, ha ammazzato la democrazia!

Ritratto di orcocan

orcocan

Gio, 20/06/2013 - 14:29

Siamo da secoli un popolo di burattini. Non e' possibile che appena si insedia un governo, chiunque esso sia, il giorno dopo comincino a scatenarsi i distinguo con il fine di rimescolare le carte. Lasciamoli lavorare almeno un annetto e poi giudichiamo no? In fin dei conti il governo Monti ha fatto dei danni come altri ma almeno e' rimasto li' un anno e mezzo. Arriva Letta e subito si sono scatenati gli scontri, provenienti in larga parte da "personalità" del suo stesso partito. Resto comunque dell'idea piu' volte da me esternata, che i danni maggiori vengono provocati dai media che costruiscono infiniti articoli, dibattiti e talk show su futili dichiarazioni giornaliere espresse da politici di bassa lega. Vedasi i telegiornali che dedicano il 99% delle notizie alla politica e alla cronaca nera. A questo punto tanto vale giocare a tombola e chi vince governa.

Germano Fauci

Gio, 20/06/2013 - 14:38

A proposito oggi e' il trolley day

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 20/06/2013 - 14:46

Il Governo Letta può funzionare perchè Berlusconi tiene lontano i lupi. A Palazzo Chigi sono nell'aria i salvifici tagli alla pubblica amministrazione, però i burocrati scateneno certi magistrati con le fette di salame davanti agli occhi. Però i perfidi arrampicatori sociali, come si diceva, sono tenuti a bada dall'intrepido cavaliere.

Germano Fauci

Gio, 20/06/2013 - 14:56

Bisogna essere ottimisti ITALIA GIAPPONE 4 A 3 Progressi si stanno facendo

Ritratto di martello carlo

martello carlo

Gio, 20/06/2013 - 15:05

JUS SOLI,JUS SANGUINIS?Qui basterebbe UNO IUS QUALSIASI PURCHE' JUS.Il ricorso alla consulta è stato naturalmente respinto. Nulla di strano dice Brunetta sostenendo che il governo non ne subirà conseguenze, perché è un' altra cosa rispetto alla giustizia.Non mi sembra che sia proprio così: questo governo c'è perché è succeduto a MONTI, il quale era succeduto a BERLUSCONI, caduto, oltre che per la persecuzione giudiziaria, per non aver potuto operare a causa di pronunciamenti proprio della CONSULTA SU ISTANZA DEL PRES. DELLA REP. con sentenze a lui congrue dal momento che praticamente è un ORGANO più o meno di nomina dello stesso e dei suoi precedenti compagni. Difatti chi lo tocca muore, come successo ad INGROIA e sta succedendo a MESSINEO. Ora che i rossi sono alla vigilia di raccogliere i frutti di 20 anni di tragicommedia, non c'è certo da sperare che metta lingua per ricondurre gli organi giudicanti ad interpretazioni non partigiane. In compenso MPS è scomparsa dalla cronaca politico giudiziaria. AH NO, SCUSATE, MPS HA APPENA VINTO IL SETTIMO SCUDETTO CONSECUTIVO DI BASKET. EVIDENTEMENTE I 2 MLD DI AIUTI MONTIANI LI HANNO USATI MOLTO BENE.

Germano Fauci

Gio, 20/06/2013 - 15:36

Comunque la serenità totale viene dal parlamento europeo che da due settimane si sta occupando di una normativa migliore sullo stoccaggio del merluzzo bianco !