L'ex ministro di D'Alema fa risparmiare le coop

Si può «dominare» ma senza abusare. Così il Tar Lazio ha cancellato alla Coop Estense (nella foto) la sanzione del Garante della concorrenza di giugno 2012 inflitta alla società emiliana da poco più di 4 milioni e mezzo per avere «ingiustificatamente condizionato l'iter amministrativo per il rilascio all'avvio di attività commerciali a Modena e Vignola» nei quali l'Esselunga avrebbe voluto insediare i suoi ipermercati. Un muro di gomma, secondo l'Antitrust, creato anche dai condizionamenti della Coop, alla quale il Garante Giovanni Pitruzzella aveva ordinato di «astenersi dal potere di veto sulle aree in questione». Diversa la verità prospettata dai legali Coop (tra loro Angelo Piazza ex ministro alla Funzione pubblica del governo D'Alema), per i quali la posizione dominante c'è, ma «i progetti Esselunga sono stati respinti per motivi urbanistici». E alla famiglia Caprotti è rimasta aperta solo la strada del ricorso al Consiglio di Stato.

Commenti

piertrim

Ven, 09/08/2013 - 11:14

Basta con le Coop, per giustizia ed uguaglianza vanno tassate come tutti gli altri imprenditori privati.