L'ex pm che sfidò Nichi dalle aule al calcetto

Tutti in campo per mettersi in gioco e costruire il futuro. Con questo slogan è stata organizzata dalla candidata a sindaco di Bari, Desirée Digeronimo (nella foto di Repubblica Bari), la partitella di calcio a sei negli spazi della Chiesa Madre della Divina Provvidenza, in piazzetta Padre Giovanni Semeria, al difficile quartiere San Paolo, cui hanno partecipato anche i soci dell'associazione «Riconosciamo Bari» ed i bambini della zona. La ex pm della Procura di Bari che indagò sul governatore della Puglia Nichi Vendola accusato di aver favorito la nomina di un primario e assolto lo scorso ottobre, ha annunciato, infatti, la candidatura, la prossima primavera, a sindaco del capoluogo pugliese sostenuta da un raggruppamento di liste civiche e associazioni. «Una discesa in campo da cui la politica non guadagnerà – ha replicato duro Vendola –, la Giustizia certamente sì». La candidata ha poi salutato la cittadinanza nell'oratorio della chiesa, che aspetta ancora il completamento delle opere già progettate. «Gettare alle spalle il passato e mettersi in gioco per il futuro, riappropriandoci dei nostri spazi - le ragioni dell'evento - è l'obiettivo dell'iniziativa sociale e sportiva, che vuole, attraverso il gioco, rilanciare le future generazioni, dar voce ed ascolto ai problemi della loro quotidianità, con la speranza di vivere un futuro migliore, che miri ad interpretare e soddisfare i loro bisogni».