L'ex pupilla di D'Alema si ricicla come hostess

Reggio Emilia L'onorevole adesso fa la volontaria e ha la targhetta staff sulla giacca scura, all'ingresso della libreria al festival provinciale dell'Unità di Reggio. Chi passa dal Campovolo incontra fra centinaia di attivisti Elena Montecchi (nella foto), 59enne parlamentare del Pd per 6 legislature consecutive: a 32 anni era già alla Camera, ora collabora con il centro sociale Renzo Bonazzi, ex sindaco reggiano. Per tre giorni la settimana va a Roma col treno ad alta velocità, è nella commissione di controllo degli scioperi, venne scelta dal presidente Napolitano nel 2009. Declina le richieste di interviste, è uscita dalla politica attiva ma non passa inosservata. Alle Politiche del 2001 ottenne il 66% dei voti nel collegio emiliano. Esponente dei Ds, vicina alle posizioni di Massimo D'Alema, è stata sottosegretario al Lavoro e sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri nel primo governo Prodi, nel primo e nel secondo governo D'Alema ed infine nel secondo governo Amato. Dal 2006 al 2008 ha fatto parte del secondo governo Prodi in qualità di sottosegretario ai Beni Culturali. Appassionata della musica di Frank Zappa, ha scritto articoli di critica musicale su L'Unità e su www.dsonline.it. Adesso è lì, sulla porta, ad aspettare l'uscita dell'ultimo lettore. Che differenza con Antonella Spaggiari, sindaco per tre mandati e ancora incollata alla poltrona del consiglio comunale.