IL LIBRODal G20 alle dimissioni Svelati gli ultimi giorni del governo del Cav

«Guardava avanti, quella sera, Silvio Berlusconi. Aveva il volto terreo. Era assorbito da un turbinio di immagini, di grida. Non scrutava quella muraglia umana che si era formata ai due lati di via Quattro Novembre. Gli sembrava un fatto incredibile dover passare tra ali di una folla che agitava le mani, sbeffeggiava, alzava lenzuola bianche». Fabrizio Rizzi, inviato del «Messaggero», racconta così - nel libro «Berlusconi, finale di partita» - le ultime ore da premier del Cavaliere. Il libro (Tullio Pironti Editore, 127 pagine, 8 euro, nella foto la copertina) ricostruisce gli ultimi convulsi giorni del governo Berlusconi: dal G20 di Cannes al pranzo ad Arcore con i figli che lo implorano: «Papà, vieni via». Secondo la tesi di Rizzi, inoltre, si può sostenere che a Todi si sia rimesso in moto un processo al termine della Seconda Repubblica che ha come obiettivo far rinascere la Dc, di cui - conclude l'autore - il governo Monti è espressione provvisoria».