L'impegno nell'immobiliare e le suite a 7 stelle di Firenze

Gioacchino Paolo è in Svizzera e, per i pm, non vuol tornare in Italia. Anzi sarebbe pronto a imbarcarsi per le Cayman. Anche lui con cariche nella holding di famiglia, l'unico maschio è operativo nel settore immobiliare (presidente di Immobiliare Lombarda e Ata Hotels e vice di Banca Sai). Con la sua Platinhome a Firenze affitta appartamenti in centro con vista sulla cattedrale di Santa Maria del Fiore: un soggiorno «a sette stelle», che a richiesta offre anche tour in mongolfiera e chef a domicilio. In tutto sono 11 suite di proprietà di Fonsai. Platinhome nasce nel luglio 2009 e da ottobre a dicembre di quell'anno prende in affitto i primi quattro appartamenti a canone zero. L'anno successivo, invece, il canone viene fissato in 18mila euro. Poi, nell'ottobre 2010, la compagnia affitta alla società altre sette suite. Anche qui il solito clichet: primi tre mesi gratis e poi un canone con sconti decrescenti. Ma non basta, a fine 2011, dopo tre esercizi in rosso, la società ha un patrimonio netto negativo.