in linea col «Giornale»

A Latina le vie

sono quelle del Ventennio
Tanti i disagi a Latina, considerando che le vie di comunicazione sono ancora quelle del «Ventennio» dopo la bonifica! L’unica strada che la collega a Roma è la famosa Pontina. Il governo Berlusconi aveva finanziato come Legge obiettivo il Corridoio tirrenico meridionale, che avrebbe sgravato l’unica arteria portando benefici al traffico nel Lazio. Purtroppo con il governo Prodi questo progetto, finalizzato a spostamenti più veloci sul versante tirrenico centrale, non è stato nemmeno preso in considerazione, con beneplacito del governatore Marrazzo.
Sulla nazionale Adriatica

un disastro dopo l’altro
La nazionale Adriatica, tra Ravenna e Cesenatico, è un percorso da fuoristrada per l’asfalto disastrato e rappezzato. La circonvallazione di Savio, completata dopo eterni lavori, è esempio di assoluta imprevidenza: due corsie strette, con quella di emergenza quasi inesistente. La bretella che collega la tangenziale di Ravenna alla strada Ravenna-Marina di Ravenna ha l’asfalto rovinato. Pur essendo a quattro corsie con guardrail centrale la circolazione è limitata a 50km/h, una vera pacchia per gli autovelox.
Bruno Neri Ruffini
Riparbella continua

la sua lotta all’autovelox
Abbiamo letto con piacere il vostro articolo sulla vicenda Riparbella. Il paese dove in cinque mesi sono state date 12mila multe continua la sua lotta all’autovelox. Altro che operazione sicurezza sbandierata dal sindaco, qui si è trattato di una vera e propria operazione gabella.
Il Comitato «Mobilità
sicura No gabelle»