La linea dura democratica è un siluro a Lettail retroscena »

RomaNella riunione della Giunta del Senato, ieri, la rappresentazione degli schieramenti era chiara: da una parte il Pdl, con il relatore Andrea Augello, a chiedere tempo e approfondimenti prima di espellere Silvio Berlusconi dal Parlamento. Dall'altra il Pd con i Cinque Stelle, a spingere per una decisione in tempi serrati e a chiudere le porte ai «rinvii senza senso», come li definisce la senatrice Pd Stefania Pezzopane. «Su questa vicenda il Pd ha le idee assolutamente chiare ed è assolutamente unito: lo stato di diritto viene prima di qualsiasi cosa», assicura Dario Franceschini.
Ieri, prima ancora che la Giunta si riunisse, è stato l'ex pm Felice Casson a dare la linea ai suoi: «Sentiremo, approfondiremo e poi voteremo. Nessun pregiudizio ma non tollereremo nessuna strategia dilatoria». Resta però il problema che Pdl e Pd sono alleati nella stessa maggioranza, quella che sostiene il governo di Enrico Letta, e che i contraccolpi delle decisioni della Giunta possano abbattersi proprio su quell'esecutivo. E questo comporta contraddizioni e divisioni tra gli stessi democrat chiamati a decidere delle sorti del Cavaliere. Divisioni percepibili più nei toni e negli atteggiamenti che nei comportamenti concreti: al dunque, nessun parlamentare del Pd si sognerebbe di sostenere che la decadenza del Cavaliere dal Senato, sulla base della legge Severino, non vada votata. C'è però una forte preoccupazione, nell'ala governativa del Pd che guarda a Napolitano e a Letta, di «non dare al centrodestra alcun pretesto per fare la vittima o per denunciare che la decadenza di Berlusconi sia stata una scelta politica, l'abbattimento di un avversario per via giudiziaria», come spiega un senatore lettiano. E di evitare quindi che le conclusioni «inevitabili» della vicenda diventino un boomerang per il governo, destabilizzandolo, ma che ci si arrivi per gradi, senza strappi, senza prestare il fianco ad alcuna critica in punto di diritto. Lo stesso Guglielmo Epifani, che pure ripete ad ogni pie' sospinto che, in nome della «legge uguale per tutti», Berlusconi deve decadere, ha parlato di «tempo necessario da concedere alla difesa per argomentare le proprie ragioni». Epifani, in accordo con il premier e con il capo dello Stato, vuole che si arrivi al redde rationem in maniera soft. Per questo, nei giorni precedenti la riunione di ieri, ci sono state una serie di caute aperture, e Luciano Violante si è assunto il duro compito di assumere una linea coraggiosamente garantista, non escludendo a priori gli approfondimenti anche costituzionali della legge Severino.
Le reazioni violente che sono arrivate dalla base (Violante è stato linciato sui social network e perfino fatto oggetto di lanci d'acqua alla Festa del Pd di Genova) sono suonate come un chiaro monito per tutti: il Pd non può permettersi nessun ammorbidimento della linea verso il leader del centrodestra. Anche perché a fare da cane da guardia si ritrova da un lato i Cinque Stelle, pronti a denunciare ogni minimo cedimento, e dall'altro il quotidiano Repubblica, pronto a mettere alla gogna eventuali «traditori» della linea dura. E il capogruppo del Pd al Senato, Luigi Zanda, viene considerato nel suo stesso partito fin troppo sensibile alle indicazioni di Largo Fochetti. «Carlo De Benedetti vuole promuovere la leadership di Renzi - accusano a mezza bocca i lettiani - e non perde occasione per mettere in difficoltà il governo: figuriamoci che scatenerebbe se noi prestassimo il fianco al sospetto di voler proteggere o aiutare il Cavaliere».

Commenti

Gioa

Mar, 10/09/2013 - 08:27

SIGNORI COMUNISTI LETTA IN PRIMIS NAPOLITANO IN POI CON DIETRO RENZI E IL MORTADELLA COME AL SOLITO COSA VOLETE? LA BOTTE PIENA E LA MOGLIE IMBRICA. VOLETE LA DECADENZA DI BERLUSCONI S. CON LA CONFERMA CHE VOI SIETE COME AL SOLITO GLI ERCOLINI DEL PRIMA E DEL POI...SEMPRE IN PIEDI. VOI VOLETE ELIMINALRE BERLUSOCNI DALLA POLITICA E DIRE: NOI C'ERAVAMO MA SE C'ERAVAMO DORMIVAMO...COME AL SOLITO VI DOVETE FAR DISTINGUERE. MORTADELLA E SALUMI IN GENERE CONSIDERATO CHE IL VOSTRO SALAMINO CACCIATORINO=FRANCESCHINI SOSTIENE CHE LO STATO DI DIRITTO VIENE PRIMA DI QUALSIASI COSA...AL CACCIATORINO CHIEDO: PRIMA DEL DIRITTO C'E' IL DOVERE...NULLA DA DICHIARARE CACCIATORINO? NON E' CHE ANCHE TU NIENTE NIENTE, CON IL TUO STATO DI DIRITTO ACQUISITO DALLA NASCITA SENZA UN MINIMO DI DOVERE...E NIENTE NIENTE SCHELETRONI...

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 10/09/2013 - 13:40

Quando cade il governo i magistrati cambiano la macchina (il resto spesso lo portano all'estero) grazie al doppio, triplo quadruplo incarico. Magistratura democratica & Partito democratico. Un nome, una garanzia... di fregatura. Infatti il Crac finanziario &ell'Italia è un democrac.