L'INIZIATIVA DI FRATELLI D'ITALIALa Russa: «Giusto tutelare i diritti, no all'adozione»

Una petizione per istituire una legge di iniziativa popolare con prima firmataria il presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni che consenta le adozioni solo tra persone di sesso diverso. Per presentarla e avviare il suo iter servono 50mila firme e ieri a Palazzo Marino, sede del Comune di Milano, il fondatore Ignazio la Russa ha presentato la campagna per la loro raccolta. Ma anche il progetto di legge costituzionale per inserire nella legge fondamentale dello Stato a proposito del matrimonio che è considerato necessario per adottare dei figli, la dicitura «contratto da persone di sesso diverso».
Misure assolutamente «lontane dall'omofobia», ha assicurato ieri La Russa, «anzi diventate ormai condizione indispensabile per rimuovere anche gli ultimi ostacoli rimasti alla legalizzazione delle unioni civili». Al suo fianco alcuni colonnelli del partito come Paola Frassinetti, Carlo Fidanza, Marco Osnato, Giovanni De Nicola e Roberta capotosti. «Noi - ha spiegato la Russa - non abbiamo nessuna preclusione a normare i diritti di chi vuole stare insieme, non vogliamo nessuna discriminazione nei confronti di persone di sesso diverso che si impegnino in una convivenza».