L'ordinanza anti fiori per salvare la chiesa

Sì al riso; no a petali, coriandoli e a non meglio precisato «materiale sintetico». Sono le nuove regole disposte dal sindaco di Trani, Luigi Riserbato, eletto con la «Puglia prima di tutto» e alla guida di una giunta di centrodestra, per i festeggiamenti matrimoniali dinanzi alla Cattedrale, gioiello romanico affacciato sull'Adriatico. Uno scenario da cartolina, che però rischia di essere deturpato. Raccogliendo il grido d'allarme della Curia, il sindaco ha firmato un'ordinanza sottolineando che petali e coriandoli possono danneggiare la Cattedrale a causa di pigmenti colorati che potrebbero macchiare la pietra rigorosamente bianca.

Commenti

cgf

Sab, 22/06/2013 - 08:31

si al riso e no a quanto non edibile, ovvio, così ci pensano i piccioni!!