L'ordinanza bufala di Tosi contro i moralisti di «Report»

P rovocazione in piena regola. «Una cosa carnevalesca che vale tanto quanto le buffonate e le carnevalate di Report». Così il sindaco di Verona Flavio Tosi spiega la finta ordinanza straordinaria firmata a tutela della comunità scaligera dalla criminalità organizzata, con una serie di «divieti» di rapporti con persone o società calabresi, anche sul fronte sportivo, diffusa da «Ricostruiamo il Paese», la fondazione diTosi. L'ordinanza è contenuta in due pagine con un falso logo del Comune ed è una risposta provocatoria al servizio di Report su Raitre del 7 aprile al seguito del quale «risulterebbe - riporta la finta ordinanza - che nella città di Verona vi sia il serio pericolo di infiltrazioni della criminalità organizzata e in modo particolare della 'ndrangheta, che sarebbe fortemente radicata nel tessuto cittadino a tutti i livelli». Tra questi, «il divieto di qualsiasi frequentazione con persone provenienti dalla Regione Calabria, compresi ministri e rappresentanti del Parlamento, senza preventiva consultazione del relativo certificato del casellario giudiziale». Una boutade, a scoppio ritardato, che si inserisce nella polemica, a colpi di querele, tra il sindaco e la trasmissione.