LA LOVE STORYAl primo incontro lui non le piacque: «Che presuntuoso»

Erano una delle coppie più belle, invidiate e fotografate del cinema europeo, insieme da 15 anni, due figlie e due carriere decisamente internazionali. La loro separazione è stata una vera sorpresa. Si erano sposati nel 1999, vivevano in Brasile, dove si erano trasferiti un anno fa insieme alle figlie, Deva e Lèonie. Lui ora è a Rio impegnato con la sua nuova passione, il surf. Lei da metà agosto è occupata sul set del regista serbo-bosniaco «Sulla via Lattea». Le cronache raccontano che la Bellucci, quando vide per la prima volta l'affascinante giovanotto di Montmartre sul set dello scabroso film «L'appartamento», nel 1996, lo giudicò piuttosto presuntuoso. Poi, però, si accorse che Vincent apparteneva al suo genere preferito, «sveglio e un pò selvaggio». Lo stesso anno hanno girato «Come mi vuoi», nel 1997 il pulp movie francese «Dobermann», fino al patinato Kolossal fantasy «Il patto dei lupi». Ma a far più discutere è stato il controverso «Irreversible» (una scena destò scandalo al festival di Cannes, quella dove l'attrice italiana subiva uno stupro della durata di circa 12 minuti). Poche settimane fa Cassel aveva assicurato al settimanale francese, Gala, che la vita di coppia andava benissimo. E la Bellucci, il 26 luglio scorso, aveva confidato a Madame Figaro le stesse cose, «Vincent è un padre amorevole e molto presente». Pochi giorni fa il settimanale francese Closer aveva invece scritto: «Monica e Vincent si evitano come la peste». C'est la vie...