L'ultimo addio a Martini Al Duomo di Milano una folla di 100mila persone

Oltre 100mila persone (fedeli e non) hanno reso omaggio al cardinale Carlo Maria Martini. L'arcivescovo emerito di Milano è deceduto venerdì pomeriggio

Oltre 90mila persone hanno reso omaggio, finora, al cardinale Carlo Maria Martini, arcivescovo emerito di Milano, deceduto venerdì pomeriggio. Si stima che dalle 7 alle 13 di oggi sono 30 mila i fedeli che hanno reso omaggio alla salma e che si aggiungono ai 60 mila che ieri hanno sfilato davanti alla bara.

Al termine di una lunga notte di preghiera, dopo una prima giornata di omaggio alla salma, stamane la bara che custodisce le spoglie del cardinale è stata chiusa, ma prosegue il flusso ininterrotto di persone (oltre 6 mila all’ora). Un serpentone che scorre lungo la navata del Duomo di Milano per l’ultimo saluto, in attesa delle esequie che saranno celebrate domani, alle 16, alla presenza del premier Mario Monti e del sindaco di Milano Giuliano Pisapia.

I fedeli che desiderano partecipare alla funzione, presieduta dal cardinale Angelo Scola, potranno liberamente accedere alla cattedrale a partire dalle ore 14.30 (il Duomo sarà chiuso dalle ore 11.30 alle ore 14.30) e fino all’esaurimento dei posti disponibili. Chi non troverà posto potrà seguire la celebrazione anche da Piazza Duomo: per l’occasione sono stati predisposti dei maxischermi.

La salma del cardinal Martini, che indossa la veste della messa di Resurrezione con la croce pettorale, mitra pastorale e palio, sarà poi sepolta in Duomo. Al termine della funzione religiosa, il corpo sarà inumato in una tomba vuota posta sulla fiancata sinistra del Duomo guardando l’altare Maggiore ai piedi dell’altare della Croce di San Carlo Borromeo.

Sarà cosi compiuta la volontà dello stesso cardinale espressa nello scorso giugno all’arciprete del Duomo, don Luigi Manganini. L’inumazione avverrà in forma privata, alla presenza dell’arcivescovo di Milano, cardinale Angelo Scola, del collegio espiscopale, dei familiari e del Capitolo della cattedrale. Lunedì, il Comune di Milano ha proclamato una giornata di lutto cittadino.

Commenti
Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Dom, 02/09/2012 - 17:42

GLORIA IN CIELO E PACE SIA CON VOI, nelle varie elaborazioni di Mons. Marco Frisina. Sul web, facilmente ascoltabile. Inonderete così, compiutamente, i vostri cuori della ambientazione mistica che avvolge il passaggio del nostro Beato Carlo Maria MARTINI verso il Regno dei Cieli. ONORE MASSIMO ALLA FOLLA DI FEDELI CHE SFILA IN QUESTE ORE NEL DUOMO DI MILANO! La FEDE CRISTIANA è grande su questa Terra. E questo riscalda i nostri cuori.

Ritratto di marforio

marforio

Dom, 02/09/2012 - 18:40

ma gia e beato ?IO pensavo santo subito.

giottin

Dom, 02/09/2012 - 21:19

#Dario Magiulli. Prima di scrivere quello che ho letto doveva leggere l'articolo di Antonio Socci su Libero e forse avrebbe scritto un'altra cosa.

Ritratto di mark 61

mark 61

Dom, 02/09/2012 - 21:19

Massimo rispetto per il cardinal Martini che ci ha lasciati all'età di 85 anni, ma c'è un ma ... che fine ha fatto il Vaticano che scese in piazza protestando, scandalizzato e inorridito, tra le proteste, sdegnato per il caso Eluana Englaro,

sanchez

Dom, 02/09/2012 - 21:33

c'è qualcuno che non è di Milano e non capisce e infastidisce, abbiamo capito! si astenga! ja

Totonno58

Dom, 02/09/2012 - 22:24

Bellissime immagini, penso ai funerali di domani, la bellezza di poter salutare e ringraziare quest'uomo straordinario...bellissimo che vadano a testimoniare il loro affetto le persone più diverse, credenti, non credenti, esponenti di altre fedi, ecco il frutto dolce di un Pastore che ha contribuito a rendere la Chiesa più fedele alla sua vocazione CATTOLICA, nel senso pieno del termine, UNIVERSALE..io lo farò col pensiero, davanti alla tv, intanto mi rileggo alcuni suoi scritti, riflessioni...

lauraromana

Dom, 02/09/2012 - 22:33

non è che si sta un po' esagerando? Risulta che quando Martini ha lasciato Milano, dopo 23 anni, la diocesi che è la più grande d'italia vantava il primato di un azzeramento delle vocazioni,e vantava altresì la percentuale più alta di ragazi che alle scuole superiori rifiutano l'insegnamento della religione. che Martini non sia stato eletto papa è la dimostrazione che lo Spirito Santo Paraclito(= difensore) custodisce con grande amore la Chiesa di Cristo.

enron

Dom, 02/09/2012 - 23:26

eh sì. Al tg però hanno detto che fra le migliaia in fila ci sono molti non cattolici, sia di altre religioni che atei, tanto era ecumenico Martini. E il fatto che pensasse che la Chiesa di Roma fosse indietro di 200 anni ne sta aumentando i simpatizzanti.

analistadistrada1950

Lun, 03/09/2012 - 07:24

Non amo l'elogio del defunto ma il riconoscimento dell'agire positivoe per il bene comune ritengo sia dovuto e, fra l'altro, proposi già quanto di seguito, in altri miei commenti al solo fine di significare la sensibilità del Cardinal Martini verso aspetti di politica sociale ed economica, contro la sordità dei politici, ad esempio, all'epoca, di Prodi, oggi, alla smemoratezza di Monti. Da l'archivo "La Stampa" 15.3.97 n. 73-pag 27, fondo pagina. Convegno indetto dal Card Martini su problemi socioeconomici, presenti: Monti, Dahrendorf, Delors ed altri importanti personaggi. Forti preoccupazioni per formazione Europa e, da quel momento, non si fece nulla per anticipare, prevedere ed agire al fine di allineare gli Stati, oggi, la colpa è dei Popoli..., che devono accettare la violenza della dittatura economicofinanziaria per l'ostinazione di non recedere dalla follia della corsa all'Eurozona senza che ogni Stato fosse preventivamente ed adeguatamente attrezzato. I presenti dell'epoca, Monti e Prodi ad esempio, dovrebbero cospargersi il capo di cenere e riporre l'orgoglio Europeo in un cassetto; mettere ordine e, forse, fra vent'anni, ripartire su basi solide ed uguali.