Il lumbard nordafricano che si sente terremotato

Un leghista che si sente «nordafricano», per sua stessa ammissione. È la provocazione lanciata dal deputato mantovano del Carroccio, Gianni Fava. «Io - ha detto ieri in aula - da oggi mi sento nordafricano: perché per questo governo i territori italiani sono uguali al Nordafrica». La protesta dell'onorevole lumbàrd è diretta al decreto sul sisma in Emilia, approvato alla Camera. Per Fava, le risorse destinate alle zone colpite non bastano. Conclude il deputato, che ha comunque votato sì al provvedimento: «Si investono 500 milioni di euro, la stessa cifra data ai terremotati dell'Emilia, per la crisi del Nordafrica, territorio che a questo punto per il governo vale quanto la crisi nei nostri territori».