Lusi scaricato dal Pdapre la resa dei conti"Oggi ai pm dirò tutto"

I legali dell’ex tesoriere della Margherita: "Accordi politici saltati, ora non deve più proteggere nessuno". L’interrogatorio a Rebibbia

Roma - La resa dei conti è arrivata. E ora che il senatore Luigi Lusi non ha più nulla da perdere sono in molti nella Margherita a temere per quello che l’ex tesoriere po­trebbe raccontare oggi al gip Simo­netta D’Alessandro, il quale do­vrà decidere sulla convalida del suo arresto.

Del resto lo aveva detto subito dopo il voto del Senato che aveva ancora molto da dire ai pubblici ministeri. E ormai non è più tem­po di messaggi trasversali e intimi­dazioni neppure troppo velate agli ex compagni di partito che, a suo dire, avrebbero usufruito co­me lui dei soldi in cassa. È l’ora dei fatti e dei riscontri sull’effettiva de­stinazione dei finanziamenti, quella contabilità parallela con il denaro finito agli altri parlamenta­ri­ufficialmente per l’attività politi­ca tenuta dalla sua segretaria e contenuta in una chiavetta usb nelle mani dei magistrati dallo scorso maggio. Non più accuse ge­neriche, ricostruzioni lacunose e riferimenti a un vago mandato fi­duciario ricevuto e sempre nega­to dai vertici. Servono nomi, fatti precisi, cifre, documenti che pro­vi­no una destinazione dei fondi di­versa da quella dichiarata. Riscon­tri che Lusi oggi sembra determi­nato a fornire ai magistrati quan­do alle 14 lo ascolteranno nel car­cere di Rebibbia dove è recluso da mercoledì sera. Oltre al gip ci sa­ranno il pm Stefano Pesci e il pro­curatore aggiunto Alberto Caper­na, a riprova della delicatezza del­la questione.

La Procura, del resto, è dalla pri­ma audizione di Lusi davanti alla giunta per le autorizzazioni a pro­ced­ere che sta lavorando per veri­ficare le accuse lanciate in aula dal senatore agli ex colleghi, an­che se ancora non sono stati trova­ti riscontri perché l’ex tesoriere fi­no a questo momento ha detto e non detto, rimanendo attaccato alla speranza che l’aula gli avreb­be evitato le manette. Quel filo ora si è rotto. Come conferma il suo av­vocato, Luca Petrucci, che un tem­po difendeva Francesco Rutelli e ora è il suo nemico pubblico nu­mero uno. «Credo che Lusi abbia intenzione di raccontare tutto quello che sa - sostiene il legale ­tanto ormai gli accordi politici so­no saltati e lui, con il Senato che ha votato l’arresto, è stato pratica­mente scaricato da tutti perché considerato unico capro espiato­rio».

Ormai la diplomazia non ser­ve più: «È chiaro che a questo pun­to no­n ha più bisogno di protegge­re nessuno», avverte. Parlerà,dun­que, eccome se parlerà. Fino a se­ra inoltrata, a quanto pare. Appro­fondirà fatti già raccontati e ne ri­velerà di nuovi, seguendo la scalet­ta preparata prima dell’interroga­torio con l’avvocato Petrucci per non dimenticare nulla e metten­do a disposizione le carte che fino ad oggi aveva nascosto in un cas­setto, aspettando il momento giu­sto per utilizzarle. Ma sarà davve­ro così esplosivo il verbale che fir­merà stasera al termine dell’inter­rogatorio di garanzia? «Lusi può dire a chi ha dato i soldi-frena l’av­vocato- non che uso sia stato fatto di quelle somme. Non ha ovvia­mente tutte le prove, lui può rac­contare quello che sa, ma il resto lo deve accertare la magistratura se ne ha voglia». Che i conti non tornino, e non solo per i soldi inta­sca­ti da Lusi per sua stessa ammis­sione, lo dimostra anche la relazio­ne finale commissionata dalla Margherita alla Kpmg e consegna­ta ai pm, che analizza anche il con­tenuto della chiavetta nella quale sono registrate tutte le cifre versa­te ai capicorrente. Secondo la so­cietà di audit che ha verificato la contabilità della Margherita dal 2009 al 2011, almeno il 10 per cen­to degli oltre 7 milioni e mezzo di finanziamenti «non trova riscon­tro nelle registrazioni contabili del partito», essendo riconducibi­le a costi duplicati o di cui non vi è prova effettiva.

I magistrati stan­no la­vorando per capire se altri ol­tre all’ex tesoriere si sono arricchi­ti grazie alla politica, anche se per il momento ci vanno cauti: «Non è colpa di nessuno se gli accerta­menti fin qui eseguiti hanno con­dotto a Lusi e a lui solo». Oggi sa­premo se il senatore farà cambia­re loro idea.

Commenti
Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Sab, 23/06/2012 - 09:08

Qualunque cosa dica restano le prove provate e le sue "spontanee" ammissioni di furto continuato di denaro pubblico. Se avrà dei documenti potrà incastrare qualcun altro ma comunque ladro è ,ladro resta e la pena la sconterà tutta.

voce.nel.deserto

Sab, 23/06/2012 - 10:01

Il Partito Democratico non puo' scaricare i ladri che ne sono la sostanza valoriale ed insieme la propria responsabilità politica e verosimilmente penale di alcuni..Ora staremo a vedere.Sarei curioso di conoscere i rapporti fra i due tesorieri del Partito Democratico:fra Lusi -Pd ex Margherita e quello ufficiale del PD che si è fatto certificare (chissà come)i bilanci-La Guardia di Finanza controli anche lui che credo vi sia pericolo di inquinamento delle prove.Si sta dando da fare la magitratura suul caso? Il popolo lo spera.

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 23/06/2012 - 10:11

La sinistra si spaccia per legalista per aver mandato in galera Lusi. Non ci credo neanche un po’. Le "impressioni" tratte al riguardo dalla successione degli eventi fanno pensare più che altro ad uno “scontro” interno, per cui Lusi non pagherebbe per la "rettitudine" del partito, che non avrebbe esitato a mandare in carcere un suo parlamentare disonesto, la "mela marcia", bensì paga per non aver accettato di caricarsi, lui solo, tutta la responsabilità dei reati individuati dalla procura della repubblica nella gestione dei quattrini "distribuiti" dallo Stato, così sgravando disciplinatamente il PD-Margherita da ogni responsabilità al riguardo. Comunque, con Lusi nelle mani della “giustizia” che promette rivelazioni scottanti, la verità verrà a galla e potremo tutti schiarirci le idee, anche i magistrati.

Amedeo Nazzari

Sab, 23/06/2012 - 10:15

lusi e' ora in carcere.se fosse stato della vostra razza sarebbe ancora in parlamento. funziona cosi. la sinistra e' onesta e integerrima. la destra no. chi e' senza peccato scagli la prima pietra. e voi maldestri vi sentireste nel giusto lapidando chiunque

leones956

Sab, 23/06/2012 - 10:19

"Oggi ai pm dirò tutto"....gli Italiani onesti lo sperano di tutto cuore !!!

cast49

Sab, 23/06/2012 - 10:39

#1 Ubidoc, hai già deciso?

killkoms

Sab, 23/06/2012 - 10:48

se può si faccia portare il vitto da fuori,caffè compreso!

Sapere Aude

Sab, 23/06/2012 - 11:20

Avete notato che sul Corriere online fa bella mostra il faccione di Formigoni ed è sparito qualsiasi riferimento su Lusi che vuole parlare? Viviamo proprio in un paese libero! Forse aspettano che lo trovino impiccato in cella per ridargli la prima pagina.

Loreno Bardelli

Sab, 23/06/2012 - 11:17

E' mai possibile che CICCIOBELLO non ricordi che Bettino , per minimizzare l'arresto del numero 1 della "Baggina" , in prima battuta osò definire Chiesa ... un semplice MARIUOLO ? CICCIOBELLO ha forse dimenticato l'uscita dall'hotel Raphael di Bettino che , entrando nell'autovettura di servizio , si guardava attorno temendo , forse , di finire linciato dai manifestanti che lanciandogli le monetine gli urlavano " Prenditi queste , Bettino prenditi queste ..." ? Noi che ce lo ricordiamo , sappiamo anche come poi sia finita !

gianni piquereddu

Sab, 23/06/2012 - 11:25

un imprenditore,grande o piccolo,artigiano,commerciante o industriale che sia ha bisogno di un piccolo prestito per poter andare avanti.magari è in attesa del saldo di qualche fattura per lavori fatti ad enti statali.bene questo imprnditore trova le porte chiuse e se sono aperte deve presentare tanti ndi quei documenti che lla fine dell'iter burocratico il piccolo bisogno è diventato enorme oppure non serve piu.UN PARTITO CHE PER GIUNTA NON ESISTE PIU VIENE ANCORA "RIMBORSATO"PER SPESE CHE NON DOVREBBE AVERE SOSTENUTO.ora si scopre che qualcuno ha rubato,questo qualcuno non ha fatto nomi perchè contava sull'aiuto dei compagni di merenda,addirittura l'ex avvocato di rutelli difende ora l'accustore del suo ex cliente.ma se esiste una deontologia legale,questo avvocato è in conflitto d'interessi,sa troppe cose del suo vecchio cliente(rutelli)come puo ora difendere uno e accuasre l'altro?

Ritratto di Bartuldin

Bartuldin

Sab, 23/06/2012 - 11:19

Parla subito e di tutto, prima che ti suicidino!

piero1952

Sab, 23/06/2012 - 11:29

E speriamo che dica tutto, sopprattutto che porti prove certe e non solo chiacchiere per cercare di scaricare le colpe su altri, ed alla fine della "chiacchierata" e delle relative indagini, che TUTTI i colpevoli vengano espulsi dal partito e dalle cariche che ricoprono e subiscano la legge, come tutti i normali cittadini, senza nessuno sconto.

idleproc

Sab, 23/06/2012 - 11:45

In ritardo ma farebbe un Servizio alla Nazione. Se sa qualcosa, gli racconti anche di Don Penati. Di solito chi fa parte del meccanismo, conosce anche come funziona e cosa fanno. Nel caso che per fare il Servizio alla Nazione gli faccia "il servizio" a quegli altri, merita uno sconto.

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 23/06/2012 - 12:33

Leggo il commento di tale #4 Amedeo Nazzari che trovo veramente esilarante. A parte una citazione evangelica che non c’entra nulla, anzi dovrebbe avere significato contrario, leggo che “la sinistra è onesta e integerrima. la destra no.” Premesso che per conto mio i ladri devono andare in galera indipendentemente dal colore politico, osservo che evidentemente il Nazzari (Amedeo si rivolterà nella tomba) non legge i giornali, non conosce nulla, neppure degli avvenimenti recenti: i Penati, gli Errani, per non dire i Vendola, per lui sono tutti degli sconosciuti. Ma dovrebbe anche studiare un poco di storia recente e scoprirebbe la storia della Volante Rossa, che commise omicidi a bizzeffe a guerra finita: mi ricordo tre condanne all’ergastolo, ma i responsabili, indiscutibilmente “rossi” ed anche sporchi di sangue, furono aiutati dal PCI a rifugiarsi in terre sicure, oltre la cortina di ferro, due in Cecoslovacchia. Quella è la sinistra “integerrima” del signor Nazzari?

eglanthyne

Sab, 23/06/2012 - 12:41

Oh bravo Lusi , parla e mostra anche gli EVENTUALI scontrini ; mi raccomando per evitare BRUTTE sorprese food and beverage rigorosamente della " Rosetta " .

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Sab, 23/06/2012 - 12:44

Cast49 ti ripeto,caso mai tu non avessi letto bene,che il ladro Lusi ha ammesso "spontaneamente " agli inquirenti di aver sottratto (rubato) i soldi della Margherita. Cosa vogliamo ancora per decidere se è un ladro ? Ho deciso,mi fido di Lusi quando dice che ha rubato !

agostino.vaccara

Sab, 23/06/2012 - 12:52

Sono realmente curioso di sapere ciò che lusi ha ancora da dire e se quel che dirà sarà suffragato da prove certe. Se queste prove le ha, e se non è un completo deficiente le dovrebbe avere, salterebbe mezzo centro sinistra!!!!

agostino.vaccara

Sab, 23/06/2012 - 12:48

Dimenticavo un consiglio a lusi: non accetti caramelle dagli sconosciuti e, mi raccomando, non beva caffè, chissà cosa potrebbero contenere!!!

xawdoo

Sab, 23/06/2012 - 12:51

secondo me deve parlare subito che senno in carcere gli fanno la festa.

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 23/06/2012 - 13:20

La sinistra si spaccia per legalista per aver mandato in galera Lusi. Non ci credo neanche un po’. Le "impressioni" tratte al riguardo dalla successione degli eventi fanno pensare più che altro ad uno “scontro” interno, per cui Lusi non pagherebbe per la "rettitudine" del partito, che non avrebbe esitato a mandare in carcere un suo parlamentare disonesto, la "mela marcia", bensì paga per non aver accettato di caricarsi, lui solo, tutta la responsabilità dei reati individuati dalla procura della repubblica nella gestione dei quattrini "distribuiti" dallo Stato, così sgravando disciplinatamente il PD-Margherita da ogni responsabilità al riguardo. Comunque, con Lusi nelle mani della “giustizia” che promette rivelazioni scottanti, la verità verrà a galla e potremo tutti schiarirci le idee, anche i magistrati.

lunisolare

Sab, 23/06/2012 - 14:19

Credo che se Lusi avesse avuto delle prove contro i suoi colleghi non l'avrebbero mandato in galera, troppo rischioso, vedremo se alle minacce seguiranno i fatti.

Ritratto di mocnarf

mocnarf

Sab, 23/06/2012 - 14:28

Qualcuno può spiegarmi, per favore, come mai "qui" non si vede l'ombra dei vari luigipiso, alenovelli (a proposito, che fine ha fatto?) ed altro sinistrume vario?

enzo1944

Sab, 23/06/2012 - 15:00

Lusi ,stai attento ai tuoi ex-amici di partito!........devi temere i magistrati amici di Rutellone(incluso il cognato), ed i magistrati rossi,che cercheranno di seppellire tutto nel dimenticatoio!......e,se puoi,fallo,.............renderesti un servizio vero ed importante all'Italia!!

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Sab, 23/06/2012 - 15:18

Qualsiasi sia l'evolversi della vicenda sapere che 'o bello guaglione nulla sapeva la rende talmente ridicola da essere una farsa. La politica dei "moralmente superiori" è una farsa a prescindere. E' un canovaccio visto e rivisto che Topolino, cercando Gambadilegno per ogni misfatto, è più intelligente del più intelligente di sinistra.

claudiocodecasa

Sab, 23/06/2012 - 15:26

mio caro lusi fai molta attenzione a quello che bevi e quello che mangi, con tutti i microbi che ci sono oggigiorno

Ritratto di nestore55

nestore55

Sab, 23/06/2012 - 15:58

#4 Amedeo Nazzari.....Sono completamente daccordo con Lei. I fulgidi esempi,infatti, non macano: penati, baffino e l'arcobaleno, orecchino d'oro e i concorsi pubblici alla sanità in Puglia, piccolino bassettino e i rifiuti campani, errrrrraneo e il terremoto, le pale eoliche del pecoraio di scania etc....Mi fermo quà, sono fin troppo consapevole del fatto che si vive in un'epoca in cui solo gli ottusi sono presi sul serio, e io vivo nel terrore di non essere frainteso....E.A.

Ritratto di nestore55

nestore55

Sab, 23/06/2012 - 16:02

#22 mocnarf.... Il maiale è un animale del buon Dio come tutti gli altri, al quale si fa l'atroce torto di paragonarlo a certi "uomini"....Cordialità,E.A.

gianni59

Sab, 23/06/2012 - 16:23

mandare via lestofanti lo chiamate "scaricare"? ora capisco perché il PDL è pieno di ladroni....

sale.nero

Sab, 23/06/2012 - 16:23

Comunque lui non resterà senza pensione di sicuro

Ritratto di nestore55

nestore55

Sab, 23/06/2012 - 16:33

#28 gianni59.....Lestofante coartato da conniventi....Come lo definirebbe, Lei, di grazia???Eh, non ci sono più i kompagni gregante di una volta!!!! P.S.: se non fosse stato per l'intervento della Magistratura, i kompagni puri come vergini alla fonte, si sarebbero ben guardati dallo "scaricare"....o no??? E.A.

vintal

Sab, 23/06/2012 - 17:01

Chissà che finalmente non venga fuori una volta per tutte la connivenza "affaristica" tra una larga fetta della magistratura italiana ed i sottoboschi piddiellini- rutelliani ... tutto sta a vedere come verranno condotte queste indagini, se verranno mai condotte e resi pubblici i risultati !!!

vintal

Sab, 23/06/2012 - 17:22

I "compagnucci di merenda" sono stati obbligati a votare per l'arresto di Lusi, se non l'avessero fatto avrebbero dimostrato al loro popolino che non si trattava di un "compagno che sbaglia" ma di un magna-magna di tutta la cricca rutelliana. Ora si sbrighi Lusi a vuotare il sacco e lo faccia anche pubblicamente guardandosi bene le spalle, altrimenti le sue dichiarazioni verranno insabbiate dai "compagnucci magistrati". e lui finisce male, questa è gente che non scherza, delinquenti veri.

gianni59

Sab, 23/06/2012 - 20:12

caro #30 nestore55 (1218)...non so chi e quanti erano conniventi...ma meglio cacciato che tenuto in parlamento con voto unanime!.....