Luxuria folgorata da don Gallo: addio buddismo, torno cattolica

«Papa Francesco sta aprendo ai gay. Io mi sento ancora buddista ma dopo la morte di Don Andrea Gallo e le parole del nuovo pontefice sento che è arrivato il momento di riconciliarmi». Vladimir Luxuria, prima trans in Europa a essere eletta deputato in Parlamento con Rifondazione comunista dal 2006 al 2008, dopo aver preso la comunione dalle mani del presidente della Cei monsignor Angelo Bagnasco al funerale del prete genovese (nella foto il momento durante le esequie in chiesa), si è confessata ai microfoni di radiobici.it: «Bagnasco avrebbe potuto evitarmi e non lo ha fatto: anche questo per me è stato un segno». Insomma, dopo la parentesi buddista la vincitrice dell'Isola dei Famosi nel 2008 sente che è il tempo di ritornare alla religione cattolica: «Aspetto che la Chiesa ci faccia sentire figli di Dio, questo potrebbe riavvicinare tante persone della comunità omosessuale che hanno bisogno di questo segnale. Una pacificazione che ci migliorerebbe la vita».

Commenti
Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Ven, 14/06/2013 - 10:05

Bagnasco non poteva negare la comunione a Luxuria perchè non poteva presumere "a priori" che non avesse adempiuto l'obbligo della confessione e della sincera contrizione: ormai l'aveva davanti e non poteva fare altro che comunicarla (anche perchè sarebbe successo un "casino"!). Riguardo al fatto di sentirsi figli di Dio non c'è niente di più facile: al padreterno non frega niente se uno ha tendenze omosessuali; se conduce una vita casta il perdono e la riconciliazione sono assicurati! Scusate se scrivendo queste cose sembro un prete (non lo sono), ma così sono stato abituato a considerare le regole dei sacramenti (matrimonio a parte, sul quale, veramente, avrei altre idee, ma quella è un'altra storia!)

Ritratto di genovasempre

genovasempre

Ven, 14/06/2013 - 12:12

Il signor luxuria mi sembra un po confuso