Il M5S vuole cancellare la memoria di Tatarella

Assegnata la sala riunioni al gruppo dei Cinque Stelle. Lombardi: "Non sarà più intitolata a Tatarella". Il Pdl alla Boldrini: "Tutelare la memoria"

Roberta Lombardi, del Movimento 5 Stelle

Cancellare la memoria di Pinuccio Tatarella. Con un colpo di mano senza precedenti, il Movimento 5 Stelle vuole "sbianchettare" il nome dell'ex missino, uno dei padri fondatori di Alleanza nazionale e promotore del nuovo sistema elettorale regionale che porta il suo stesso nome.

Era il febbraio 1999. Un’altra epoca, politicamente parlando. A Torino, all’ospedale Molinette, si spegneva Tatarella, capogruppo di An alla Camera, già ministro delle Telecomunicazioni e vicepresidente del Consiglio del primo governo Berlusconi. Per il Palazzo, e per lui che non teneva un granché all’etichetta, era direttamente Pinuccio, anzi, il "ministro dell’Armonia", definizione in cui vedeva consacrata la sua spiccata propensione alla tessitura, alla mediazione. Adesso i grillini ne vogliono cancellare completamente il suo ricordo. In diretta sul canale web La Cosa, la capogruppo del Movimento 5 Stelle alla Camera Roberta Lombardi ha annunciato che i pentastellati cambieranno il nome alla sala che, fino alla prevedente legislatura, ospitava il gruppo del Pdl. "Ci hanno attribuito, finalmente, la sala riunioni e dobbiamo decidere che nome darle - ha spiegato l'esponente pentastellata - finora era la 'sala Tatarella', era assegnata al Pdl. Uno dei nomi che ci piaceva, e che stiamo valutando, è il nome di Giancarlo Siani, giornalista ucciso dalla camorra". Un duro colpo alla memoria di un grande politico italiano che ferisce la storia del centrodestra. "Con tutto il sincero rispetto per persone come il giornalista Siani che hanno pagato con la vita la lotta alla camorra - ha commentato il vicepresidente del Senato, Maurizio Gasparri - sarebbe grave se la sala riunioni del Palazzo dei gruppi parlamentari già intitolata a Tatarella cambiasse denominazione".

Tatarella è stato, infatti, un protagonista indiscusso della vita politica, parlamentare e democratica del nostro Paese. Fu il padre del tatarellum, cioè della legge 43 del 23 febbraio 1995 improntata a una svolta in senso maggioritario e presidenziale al sistema di governo regionale. Ma fu soprattutto l’alter ego, sicuramente riduttivo definirlo braccio destro, di Gianfranco Fini nel percorso che sfociò nella svolta di Fiuggi, nel passaggio dall’Msi ad Alleanza nazionale. Quando il centrodestra era politicamente unito, anche se ancora formalmente "spacchettato", come si direbbe ora, nel formato della coalizione tra Forza Italia, Alleanza Nazionale, Ccd e Lega. L’unità che Tatarella vagheggiava con tenacia, con il suo obiettivo di andare «oltre il Polo» arriverà molto più tardi. "Una personalità carismatica e di concordia il cui valore è stato riconosciuto anche a sinistra", ha chiosato Gasparri augurandosi che la presidente della Camera Laura Boldrini tuteli la memoria di un grande parlamentare.

Commenti

doris39

Gio, 11/04/2013 - 17:22

Suggerisco alla Lombardi d'intitolare la sala riunione a :Renzo, Rossana e Francesco Gilberti che persero la vita nell'incidente causato da Beppe Grillo.

Silvio e me ne vanto

Gio, 11/04/2013 - 18:07

Lombardi: sicuramente poco onorevole, certamente cittadina, di sicuro deficiente. Solo un millesimo del cervello del Grande Tatarella vale più di tutto il tuo!

Ritratto di maurofe

maurofe

Gio, 11/04/2013 - 18:14

L'atteggiamento del movimento 5 stelle più che innovativo ricorda molto l'autoritarismo dittatoriale che di nuovo non ha proprio nulla....tantomeno di positivo!

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Gio, 11/04/2013 - 18:23

Fategli urgentemente il narco-test

Ritratto di ...Forza5

...Forza5

Gio, 11/04/2013 - 18:31

FORZA LOMBARDI!!!

viento2

Gio, 11/04/2013 - 18:35

sicuramente vorranno intitolarla a un loro degno compagno tutti i 156 non valgono 1/4 di Tatarella

Gfrank54

Gio, 11/04/2013 - 18:38

Doris39 ha ragione. Postiamolo sul sito M5s

Ritratto di pinoavellino

pinoavellino

Gio, 11/04/2013 - 18:52

Spero proprio si rivoti presto magari questi "signori cittadini" torneranno ad essere solo cittadini. Ne abbiamo già troppi che combinano guai nelle istituzioni.

eureka

Gio, 11/04/2013 - 19:30

E' una sala riunioni di un edificio parlamentare, che momentaneamente li ospitano. Le cose si lasciano come si trovano. Certo ci vuole una buona dose di ignoranza e poco rispetto per fare certe 'avance'. Dureranno poco i grillini, hanno stancato anche coloro che li hanno votati

DoomsDay

Gio, 11/04/2013 - 19:44

tatarella,chi è costui?

giosafat

Gio, 11/04/2013 - 20:10

Passata l'iniziale simpatia questo M5S comincia proprio a starmi sulle balle!

Ritratto di nero60

nero60

Gio, 11/04/2013 - 20:42

SONO QUESTE LE PRIORITA' DEL PAESE CAMBIARE NOME ALL'AULA , POVERI NOI.

frabelli1

Gio, 11/04/2013 - 20:42

Ma chi cazzo sono sti presuntuosi maleducati che si permettono di sparlare di tutti gli altri con giudizi in prevalenza personalissimi e senza cultura storico-politica? Ora stanno veramente rompendo come non mai

Silvio e me ne vanto

Gio, 11/04/2013 - 20:53

Per dooms day: costui da solo era più intelligente delle tue ultime 7 generazioni al completo!

vittorio.rm.41

Gio, 11/04/2013 - 22:21

non si può neppure dire che il m5s faccia proprio schifo, perchè lo schifo ha innanzi tutto una logica e tarvolta anche una sua dignità.

giuliobras

Ven, 12/04/2013 - 00:15

la chiamassero sala "sofri" o sala"lotta continua",tanto da gente che propone dario fo come presidente della repubblica cosa ti devi aspettare,si nascondono dietro al fatto di essere cittadini,ma dicessero la verita' che sono dei comunisti estremi guidati da un pazzo visionario e sovvenzionati da de benedetti.....tanto le verita' escono fuori prima o poi mi vergogno per chi ha votato per loro......toccare il nome di un signore come TATARELLA e' degno di questi esseri che chiamare cittadini mi sembra troppo figuriamoci politici

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Ven, 12/04/2013 - 06:30

miserabili illusi

Abbi Dubbi

Ven, 12/04/2013 - 10:41

Polemica assolutamente strumentale. Tutti i gruppi a cui viene assegnata un aula scelgono a chi intitolarla. Aula "Moro", aula "Berlinguer" etc.. Il gruppo di Alleanza Nazionale non esiste piu', l'aula e' stata assegnata al M5S e scelgono il nome che gli pare. Non si sta parlando di assegnazioni definitive o di istituzionali comuni, che non potrebbero esserere decise da un singolo gruppo tra l'altro minoritario. Quando sara' assegnata ad altri cambiera' nome. Come si e' sempre fatto e come fanno tutti...