Il machismo di Polledri: «I gay? Infelici da analisi»

In teoria parlerebbe con cognizione di causa. Ma le ultime dichiarazioni di Massimo Polledri, deputato della Lega, nonché psichiatra hanno scatenato un pandemonio. «L’omosessualità - ha detto alla Zanzara su Radio 24 - è una condizione di infelicità e può essere reversibile». Una sorta di disturbo da curare, secondo il leghista: «Una situazione di identità sessuale distonica». Poi la nota personale: «Se i miei figli fossero gay non sarei contento. Sarebbe come se mia figlia mi dicesse “mi faccio suora” o “mi sposo con un marocchino”. Anzi, questo sarebbe uno dei peggiori casi che possano capitare». Accuse da parte di tutti: Pd, Idv, Sel. E lui: «Le mie affermazioni sono state decontestualizzate. Frasi vecchie di 7 giorni».