La madre di Chiara: «Ho fiducia»

Milano Domani saranno trascorsi esattamente sei anni da quando Chiara Poggi venne uccisa nella villetta di famiglia a Garlasco, nel Pavese. Un omicidio efferato che si trasformò sin da subito in un giallo, ancora senza un colpevole dopo tanto tempo, con il fidanzato Alberto Stasi assolto in primo e secondo grado, ma che dovrà tornare alla sbarra dopo l'annullamento delle sentenze da parte della Cassazione, che ha disposto un nuovo processo d'appello.
«La sentenza della Cassazione mi ha ripagato di tutta la fiducia che ho avuto negli anni nella giustizia, fiducia che ho tuttora» ha spiegato, con la consueta voce gentile, Rita Poggi, madre di Chiara che da anni ripete, con parole pacate ma decise, di volere «verità e giustizia». E specialmente in questi giorni «in cui ci si ricorda di più».