La maestra Boldrini e l'ultima lezioncina: "Cittadinanza per tutti"

Altro che arbitro, la presidente della Camera detta l'agenda sullo ius soli: "Chi nasce qui sarà italiano anche se ha genitori stranieri"

Il presidente del Camera Laura Boldrini con bimbi di varie nazionalità

Con il tono da maestrina del quale non sa proprio fare a meno, il presidente della Camera Laura Boldrini ieri ci ha impartito un'altra delle lezioncine con cui si sta impegnando non a guidare i lavori di Montecitorio (dove si segnala per la crescente allergia a presiederne le sedute) ma a cambiare la mentalità degli italiani. Invece che fare l'arbitro «super partes», l'ex portavoce del commissariato Onu per i rifugiati insiste a voler dettare l'agenda politica. Con le sue priorità, i suoi temi, i suoi provvedimenti.
Ieri la terza carica dello Stato era a Lamezia Terme per una cerimonia: il Comune calabrese ha conferito la cittadinanza onoraria a tutti i bambini e bambine residenti in città nati da genitori stranieri. Un atto simbolico deciso dall'amministrazione di sinistra guidata da Gianni Speranza, un professore che prese la tessera del Pci negli anni '70, con uno scopo preciso: «Sollecitare l'approvazione di norme che facilitino l'acquisizione della cittadinanza italiana ai tanti ragazzi/e che sono nati/e nel nostro Paese, parlano italiano, hanno studiato o studiano nelle nostre scuole e si sentono naturalmente parte della nostra comunità». Così si legge nella lettera di invito distribuita alle famiglie lametine interessate. Le quali dovevano dichiarare al messo comunale incaricato del recapito se sarebbero state presenti o no alla cerimonia. Un modo per agevolare l'organizzazione della giornata, ma anche una «schedatura» mascherata.
Laura Boldrini era la «star» della giornata e non si è lasciata sfuggire l'occasione per spingere a favore di una nuova legge sullo «ius soli», cioè il diritto ad acquisire la cittadinanza del Paese in cui si nasce indipendentemente dalla cittadinanza dei genitori. Il che non appartiene alla nostra tradizione giuridica, come del resto alla gran parte degli stati europei. È poi in corso proprio a Montecitorio un dibattito in commissione Affari costituzionali e l'uscita del numero 1 dell'assemblea è sembrato un intervento a gamba tesa. In questo modo, la maestra ha promosso i buoni, cioè i favorevoli a cambiare le norme, e bocciato i cattivi.
«Il capo dello Stato - ha detto Boldrini nel discorso durante la cerimonia di Lamezia Terme - ha ricordato più volte ai partiti che i figli di immigrati nati in Italia sono parte del nostro tessuto sociale e che la legge sulla cittadinanza deve aggiornarsi ai tempi. Mi auguro che l'invito del presidente, che è anche il mio, possa essere ascoltato dai partiti uscendo da logiche di contrapposizione».
Una mozione degli affetti è la ragione addotta: «In tempi di globalizzazione non si può ignorare la realtà, e cioè che nel Paese ci sono persone che vengono da altri luoghi ma che fanno parte della nostra società. In Italia ci sono oltre quattro milioni di immigrati. Tanti figli di questi immigrati sono nati qui e sono cresciuti con i nostri figli. Bisogna prendere atto del fatto, quindi, che sono italiani».
Il tema dell'immigrazione è complesso e in rapida mutazione rispetto a qualche anno fa. Gli sbarchi in Sicilia sono ancora numerosi ma non come negli anni scorsi. Crescono gli stranieri che si stabilizzano ma aumentano anche coloro che ritornano nei Paesi d'origine piuttosto che vivacchiare in Italia senza prospettive. Ci vuole pragmatismo, non le parole d'ordine ideologiche. La legislazione di emergenza dev'essere adeguata alle nuove condizioni. Eppure per il presidente della Camera la questione è una sola: applicare lo «ius soli». E così tutto è risolto.
Ancora una volta, con l'ennesimo predicozzo cantilenante, la presidente Boldrini ha smesso i panni del garante, prerogativa del suo ruolo, prendendo una posizione politica. È un atteggiamento che ha già preso manifestando al Gay Pride, oppure sdegnando l'invito a visitare lo stabilimento Fiat in Val di Sangro perché la Casa di Torino sarebbe protagonista di una «gara al ribasso sui diritti e sul costo del lavoro». Che parli di lavoro o di immigrazione, la vestale radical-chic dei diseredati fa prevalere l'atteggiamento ideologico. E la faziosità politica vendoliana.

Commenti

franco@Trier -DE

Dom, 14/07/2013 - 07:45

io non so chi la ha messa al governo mah..

Lucius Iunius Brutus

Dom, 14/07/2013 - 07:56

Come ho ripetuto fino alla noia, non serve lamentarsi, serve prendere posizioni inequivocabili. La Boldrini deve essere costretta alle dimissioni, o cade il governo e si torna ad elezioni, col PD che pagherà molto cara questa scelta, perché gli italiani, alla disperazione economica ed esistenziale, milioni di puerpere che vengano dall'africa a sgravarsi in Italia, con miliardi di euro di spese sanitarie ed assistenziali, miliardi che non abbiamo, non le vogliono. Anche perché la densità di popolazione é al limite gestibile, rispetto ad immensi territori, come la stessa africa o l'australia, praticamente "vuoti".

Ritratto di Feyerabend

Feyerabend

Dom, 14/07/2013 - 08:12

Ma a questa "amica del giaguaro", dell'opinione degli italiani non frega assolutamente nulla. Ma perche' non facciamo un bel referendum e vediamo quale percentuale avranno gli amici della Boldrini. Ma perche' la Nostra non si trasferisce a vivere in un paese in cui vige lo "ius soli" viene applicato. Oops... non ce ne sono!

Mario-64

Dom, 14/07/2013 - 08:57

Una che invita zingari rom a Montecitorio e si rifiuta di visitare uno stabilimento FIAT credo si commenti da sola. Fermatela!

Ritratto di thunder

thunder

Dom, 14/07/2013 - 09:59

POVERI ITALIANI..... se non ci liberiamo in fretta di queste mele marce non ci salva piu' nemmmeno Gesu' Cristo.

linoalo1

Dom, 14/07/2013 - 10:01

Si,purchè sappia scrivere e sappia l'Italiano!Perchè?Perche quando parlo con uno di questi nuovi Italiani voglio capire quello che dice senza fare sforzi per capire cosa vorrebbe dire!Lino.

linoalo1

Dom, 14/07/2013 - 10:04

E poi, perchè dovremmo accettare un'imposizione a cui siamo contrari!La Boldrini,indica un Referendum!Forse,solo così capirà che il suo posto è dietro ai fornelli che,tra l'altro,oggi sono tanto di moda!Lino.

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 14/07/2013 - 10:25

@Lucius Iunius Brutus - Copio e ripeto quanto giustamente detto da Lucius Iunius Brutus: ""Come ho ripetuto fino alla noia, non serve lamentarsi, serve prendere posizioni inequivocabili. La Boldrini deve essere costretta alle dimissioni, o cade il governo e si torna ad elezioni, col PD che pagherà molto cara questa scelta, perché gli italiani, alla disperazione economica ed esistenziale, milioni di puerpere che vengano dall'africa a sgravarsi in Italia, con miliardi di euro di spese sanitarie ed assistenziali, miliardi che non abbiamo, non le vogliono. Anche perché la densità di popolazione é al limite gestibile, rispetto ad immensi territori, come la stessa africa o l'australia, praticamente "vuoti".""

MEFEL68

Dom, 14/07/2013 - 10:28

La Boldrini è pagata dagli italiani, ripeto dagli ITALIANI, per presiedere la Camera dei Deputati che sono i rappresentanti degli ITALIANI. Se vuole fare altre cose, liberissima, ma si dimetta prima. Un'ultima cosa: essere caritatevoli è bello, ma chi, pur essendo altruista e generoso, si augura che orde di bisognosi invadano la sua casa? Prima di arrivare a tanto, se proprio è un santo, cercherà di portare il suo aiuto in tutti i modi possibili. Comunque, mai penserà di obbligare gli altri ad adeguarsi ai suoi modi di agire.

Ritratto di gammasan

gammasan

Dom, 14/07/2013 - 10:34

A una prima valutazione, mi sembra che sia un larvato invito a venire a figliare nel nostro Paese: venghino, siore, venghino! E più saranno derelitte e più verranno aiutate da questo ricco e prosperoso Popolo chenon sa come utilizzare la proprie floride e abbondanti risorse economiche: chiamino poi i loro parenti e gli verrà data una sovvenzione (sono parenti di "nostri connazionali") che poi potranno godersi nella loro patria.

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Dom, 14/07/2013 - 10:36

@franco@Trier -DE: non sta al governo... E' presidente della camera, che è ancora peggio. Deve essere super partes, invece miss 3% usa lo scranno per far politica (cmq ce l'hanno messa PD e SEL).

Ritratto di iLpo£itic@nte

iLpo£itic@nte

Dom, 14/07/2013 - 10:38

CITTADINANZA PER I ZINGARI, TUTTI "OSPITI" A CASA SUA PERO'

mar75

Dom, 14/07/2013 - 11:06

@franco@Trier -DE: la Boldrini non fa parte del governo.

mar75

Dom, 14/07/2013 - 11:09

@iLpo£itic@nte: "PER I ZINGARI" questo la dice lunga sulla sua istruzione e sulla sua italianità!!!!

gesmund@

Dom, 14/07/2013 - 11:16

Si è ritagliata quel ruolo di umanitaria e deve contnuare a recitare la parte, come faceva Fini. Entrambi i presidenti della camera erano consapevoli di abbaiare alla luna, perchè gli elettori di destra e di sinistra PD (che sono di destra più di quelli del PdL) in tema di cittadinanza la pensano allo stesso modo.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 14/07/2013 - 11:19

#Reinhard(cmq ce l'hanno messa PD e SEL). Verissimo...ma chi ha tollerato e sottoscritto una tale composizione dell'esecutivo?

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 14/07/2013 - 11:20

Gia' mi vedo migliaia di negre islamiche gravide partorire a Lampedusa sulla spiaggia. Il gioco e' fatto, cittadini italiani. Ovviamente devono restare mamma, papa', fratelli, nonni, parenti vari con permesso conferito immediatamente. E il costo sociale? Non c'e' problema, pagano gli italiani,il popolo piu' idiota del pianeta. Tanto a breve saremo falliti e non ci sara' piu' trippa per nessuno.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 14/07/2013 - 11:24

Dopo un governo collaborazionista ecco il governo dei traditori, "tout court". La Boldrini sa perfettamente che lo ius soli non è che il cavallo di Troia atto a scardinare per sempre la difesa del suolo nazionale a favore di un'invasione cataclismica. E malgrado ciò porta avanti con protervia il suo programma. Ma ciò che mi preoccupa maggiormente, in questa situazione, è l'inquietante acquiescenza della destra.

sorciverdi

Dom, 14/07/2013 - 11:36

La signora Boldrini è chiaramente in malafede. Questo per due motivi. Il primo è che chi ha un compito da svolgere e per quello viene pagato ed ha addirittura giurato, il minimo che può fare è impegnarsi anima e corpo nello svolgimento di quel compito. Questo semplice concetto si applica a tutto, a tutti e ovunque nel mondo fuorché, naturalmente, nella lassista Italia dove se si è ferocemente di sinistra ci si sente autorizzati a prendere lo stipendio anche se si va a fare propaganda politica. Fra l'altro non si capisce come una Presidente della Camera possa arrogarsi il diritto di fare e dire cose condivise solo da una parte probabilmente minoritaria degli Italiani che, invece, dovrebbe rappresentare in toto. E qui arriviamo al secondo punto: la disonestà intellettuale della signora Boldrini. L'Italia ha avuto in passato Presidenti dei due rami del Parlamento di provenienza politica ma in grado di evitare cadute di stile come quelle della Boldrini. Oddio, non parlo certamente di Bertinotti con la sua visita al subcomandante Marcos, il supporto al terrorista Ocalan e l'aula dedicata a Carlo Giuliani ma mi riferisco ad esempio a Nilde Iotti, per stare a sinistra, o a Giovanni Spadolini per spostarci un po' più al centro. Iotti e Spadolini non fecero certo delle carnevalate come quelle della signora Boldrini che, vale la pena ricordarlo, si è assisa sul suo attuale -e spero ancora per poco- scranno spintavi da un partitino del 3,5% il cui unico "merito" è di essere la stampella di sinistra del traballante PD. Buonsenso vorrebbe quindi che la signora Boldrini rispettasse l'impegno preso assumendosene tutti gli oneri e LAVORANDO per quello, invece la signora in questione folleggia quà e là facendo lobbying pro-immigrazione. Questo, non scordiamocelo, in un momento in cui ci sono decine di migliaia di Italiani che, a causa della crisi, devono ricorrere alla Caritas per riempirsi lo stomaco. E' lecito questo? Certamente no! Esattamente come non è lecito che Napolitano non la richiami all'ordine ricordandole che il suo dovere è fare il Presidente della Camera e non la fatina buona degli immigrati a discapito degli Italiani che, pare sempre più evidente, forse le fanno proprio schifo.

roberto.morici

Dom, 14/07/2013 - 11:48

La Boldrini si è accorta che nessuno degli aspiranti alla cittadinanza italiana sventola la bandiera della Patria tanto desiderata?

roberto.morici

Dom, 14/07/2013 - 11:49

@Franco da Treviri. La Boldrini non fa parte del Governo.

Nadia Vouch

Dom, 14/07/2013 - 12:16

Chi fa arrivare da noi dei minorenni ci spera. Così poi da uno cui si dà la cittadinanza ne entreranno altri e altri ancora, perché mica vorremo lasciare da parte i familiari dei minori? Ne entra uno e apre la strada ad altri venti almeno. Chi manterrà tutte queste persone?

m_a_x

Dom, 14/07/2013 - 13:35

Forse per la Boldrini il tempo scorre al contrario ed ha anche seri problemi ad individuare un nesso di causa effetto negli eventi. Quando dice "Tanti figli di questi immigrati sono nati qui e sono cresciuti con i nostri figli. Bisogna prendere atto del fatto,quindi,che sono italiani", introduce un rapporto di causa effetto e un chiaro nesso temporale, infatti motiva il fatto di considerarli italiani non solo per il fatto di essere nati qui ma anche per il fatto di essere cresciuti con i nostri figli. Ben venga quello che dice, una volta nati qui ed essere cresciuti con i nostri figli che gli venga data la cittadinanza al termine della scuola dell'obbligo. Prima però bisogna farli crescere!! In altri passaggi però la Boldrini auspica che la cittadinanza venga data alla nascita in suolo italiano, ecco allora che mi viene il dubbio, la cittadinanaza dovremmo darla alla nascita agli stessi bambini che sono cresciuti con i nostri figli o questa volta sta parlando di altri? Forse per la Boldrini il tempo scorre al contrario? Forse ha difficoltà ad individuare chiari rapporti di causa-effetto? Forse ci sta facendo il gioco delle tre carte? Forse sta solo prendendo in giro gli stessi immigrati ai cui figli dice di voler dare la cittadinanza? Tutte le opzioni sono possibili

Ritratto di ilsaturato

ilsaturato

Dom, 14/07/2013 - 14:43

Allora, vediamo un po': le dichiarazioni e gli atti del duo Boldrini-Kyenge non sono altro che un continuo, esplicito attacco all'Italia e agli Italiani. In qualsiasi altra nazione civile, le loro esternazioni e le loro pericolose "teatrate" sarebbero state immediatamente fermate, denunciate e molto probabilmente perseguite. Da noi possono fare e dire ciò che vogliono perché ormai noi Popolo abbiamo perso ogni potere, orgoglio e dignità. Eppure basterebbe ci fosse anche solo 1 pm e 1 giudice che avessero il coraggio di analizzare il loro comportamento, per fermare subito il danno e l'offesa che nell'immediato stanno sputando in faccia a tutti noi, ma soprattutto il macello immane che stanno favorendo, auspicando, perseguendo. Un'attenta valutazione di tutto ciò alla luce di diversi articoli del Codice Penale (241, 243, 255, 270, 270bis, 270quater, 286, 291, 302, 323, 414, 415, 537, 601...) penso darebbe più di un valido motivo per l'immediata censura e interruzione delle loro impresentabili azioni e dichiarazioni. Soprattutto perché tutte e due ricoprono cariche che "dovrebbero rappresentare" tutti gli Italiani, non solo quei pericolosi individui che ce le hanno imposte. Che bella la nostra Italia con qualche milione di "preziose risorse" inidentificabili trasformate in un secondo in Italiani. Nuovi italiani che si approprieranno delle nostre scuole, ospedali, posti di lavoro; pretenderanno sussidi, assistenza, ricongiungimenti, modifiche alle nostre leggi e costumi per non "disturbare/offendere" le LORO usanze, i LORO credo, la LORO storia, le LORO religioni. Che destabilizzeranno dalle fondamenta e faranno scomparire tutto ciò che siamo, che vogliamo, che abbiamo costruito in millenni, il nostro presente e il nostro futuro. Eh si, che bella l'Italia multietnica dove l'unica "etnia" destinata a scomparire e derubata del proprio legittimissimo diritto a sopravvivere sarà quella Italiana. La Boldrini considera l'Italia il paradiso dove è sacrosanto che milioni di africani, asiatici, ecc... trovino il loro benessere (a spese nostre); lo considera talmente un paradiso che si è affrettata a spedire sua figlia Anastasia a studiare e risiedere in Inghilterra! E anche il suo compagno risiede all'estero. Quando ha chiamato la figlia a Londra per annunciarle la nomina, ha dovuto dirglielo in Inglese perché capisse "Speaker, speaker, sarò la speaker" (ha dichiarato "Tanti figli degli immigrati sono nati qui e sono cresciuti con i nostri figli"... non certo con la sua). Ha dichiarato di aver portato la figlia in Madagascar, in Tanzania, in Spagna, in Francia, in Inghilterra, negli Stati Uniti più volte; immagino che l'abbia sicuramente portata anche a visitare tutte e le centinaia di posti meravigliosi che ci sono in Italia... o magari no? Certo, tutti noi avremmo dovuto "aprirci la mente" come ha fatto lei. Tutti noi, forse, saremmo stati felici di avere una famiglia che ci permettesse di viaggiare per mesi e più di una volta in Venezuela, Panama, Costa Rica, Nicaragua, Honduras, Guatemala, poi Messico e Stati Uniti, fino a New York. Parole sue: "Viaggiare è la scuola di vita più importante. Guardando il mondo da diversi punti di vista, capisci che TUTTO E' RELATIVO: le culture, le religioni, i costumi, le lingue. Oggi c' è un LOCALISMO IDENTITARIO ESASPERATO che certo non aiuta la conoscenza reciproca...". Oh si "viaggiare"! L'importante è farlo a spese di qualcun altro, la famiglia prima e l'ONU poi. Beh, Boldrini, mio padre mi insegnò che la scuola di vita più importante comprende lo studio, il lavoro, il rispetto delle persone, il contributo attivo alla propria famiglia-società-nazione, l'impegno a proteggere le proprie radici-origini-usi-costumi-tradizioni-valori-beni-storia, l'inserirsi armonicamente e senza superbia nel proprio tessuto nazionale, ecc... Senza tutto ciò, non siamo niente! E questo è quello che volete Lei, la Kyenge e tutta la masnada di rossi al vostro seguito: annullarci e cancellarci! Altro che "società multietnica"!!! Ancora una volta, con l'ennesimo predicozzo cantilenante, la presidente Boldrini ha smesso i panni del garante, prerogativa del suo ruolo, prendendo una posizione politica. Ci risparmi la partecipazione al Gay Pride (invece di declinare sdegnosamente l'invito a visitare lo stabilimento Fiat). Ci risparmi gli atteggiamenti faziosi e ideologici radical-chic e le pericolosissime "teatrate" dei fasulli certificati di cittadinanza, che non sono altro che un micidiale invito a milioni di invasori a precipitarsi in Italia producendo in brevissimo tempo situazioni di una micidialità inimmaginabile... certo, solo per NOI; lei non farà altro che riprendere a "viaggiare" con compagno e figlia standosene ben lontana dall'inferno che avrà pesantemente contribuito a creare in Italia per tutti NOI. Prima andiamo al voto e prima potremo tentare di liberarci di "robe" come Boldrini, Kyenge e compagni vari!

Azzurro Azzurro

Dom, 14/07/2013 - 14:51

questa qui viene lautamente pagata e alla camera non c'e' mai. Ah ho capito e' komunista, sempre rubare al Popolo...

Ritratto di 02121940

02121940

Dom, 14/07/2013 - 14:54

Ius soli, strappo della Boldrini: "Chi nasce qui è italiano" Ipsa dixit. La Boldrini ha parlato. Qui mi fermo per rispetto ai lettori.

killkoms

Dom, 14/07/2013 - 15:56

ius soli agli stranieri;"sola" agli italiani!

Antonio43

Dom, 14/07/2013 - 16:17

La responsabilità della nomina di questa saccente, presuntuosa irritante, inutile nonchè dannosa persona ricade sulle spalle di quell'inetto di Bersani e di quello che, a cinquanta anni e passa, ancora va in giro con l'orecchino. Difettati ce ne sono in tutti gli schieramenti, ma questi chi li batte? E come chiaramente illustra il Saturato, sono un pericolo davvero grave per l'Italia.

sonosempreio

Lun, 01/12/2014 - 21:08

QUOUSQUE TANDEM ABUTERE, BOLDRINI, PATIENTIA NOSTRA?

vrava

Mer, 25/02/2015 - 08:17

noi italiani siamo considerati cittadini di serie B, gli immigrati hanno vitto, alloggio, viaggi sugli autobus, carta telefonica, televisione con Sky ed altro ancora tutto gratis e a spese nostre, Poi dove ha trovato che il 72% degli italiani vuole lo ius soli?