La mamma di Sgarbi diffida Equitalia

Equitalia ha iscritto ipoteca su una villa di Viterbo di proprietà di Rina Cavallini, madre ottantasettenne di Vittorio Sgarbi, per un importo di circa 64mila euro, a causa del presunto mancato pagamento di cartelle. Ma per il legale della famiglia l'iscrizione è illegittima e ha inviato una diffida, segnalando a Equitalia Centro Spa con sede a Firenze e a Equitalia centro di Ferrara che il provvedimento della società è avvenuto ignorando che la maggioranza delle cartelle erano state sospese o annullate e che di questo lo stesso legale aveva informato Equitalia. È avvenuto «per effetto del mancato discarico da parte degli enti indicati» di verbali e cartelle. E crea alla donna «gravissimi danni». Prevedibile il commento del fumantino Vittorio: «Capre!».