Dalla mancia al miracolo

Se mancia era quella del Cavaliere, mancia è anche questa che Renzi si accinge a sborsare. E qui salta fuori il famoso doppiopesismo...

Abbiamo l'impressione che la crisi si sia estesa dall'economia ai cervelli umani. In questi giorni stiamo assistendo a fenomeni di incoerenza da lasciarci basiti. Citiamo alcuni episodi esemplificativi. Il presidente del Consiglio ha avuto recentemente l'idea folgorante di fare in modo, giocando sulle trattenute fiscali, che nelle buste paga di coloro i quali hanno uno stipendio netto inferiore a 1.500 euro, dalla fine del mese appena iniziato vi siano 80 euro in più. Se escludiamo una esigua minoranza che ha arricciato il naso, tutti hanno applaudito al provvedimento, giudicandolo provvidenziale: servirà a incentivare i consumi e a fare star meglio tante famiglie.
Diciamo pure che 80 euro mensili non risolveranno il problema sopravvivenza della gente meno fortunata, ma sono pur sempre meglio di niente. Su questo immagino sia difficile non essere d'accordo. È pur vero che Matteo Renzi è stato indotto, per recuperare la cosiddetta copertura finanziaria della nuova legge, non solo a tagliare la spesa di qua e di là, ma anche ad aumentare qualche tassa. Ovvio, se mi tolgo un euro dalla tasca per darlo a te, bisogna pure che - per quadrare i conti - ne trovi uno altrove. È la contabilità della serva. Se la diamo per buona, e intendiamo confermare gli applausi al baby premier, non comprendiamo perché a suo tempo, quando Silvio Berlusconi introdusse la social card, che consentiva agli indigenti di utilizzare 40 euro al mese per riempire il carrello del supermercato (e di ottenere altresì uno sconto sulle bollette), venne sonoramente fischiato e dileggiato, quasi che avesse osato sfottere i poveri elargendo loro una misera mancia.
Se mancia era quella del Cavaliere, mancia è anche questa che Renzi si accinge a sborsare. E qui salta fuori il famoso doppiopesismo, quanto di più irritante ci sia per chi preferisca ragionare seguendo la logica. Perché se una cosa la fanno i signori di sinistra è ottima e, viceversa, se la stessa cosa la fanno quelli di destra è una nefandezza? Qualora un'anima pia riuscisse a spiegarcelo, gliene saremmo grati.
A proposito di doppiopesismo, c'è un altro aspetto della realtà che ci ha colpiti. Venerdì la televisione ha mandato in onda un servizio raggelante in cui si mostravano le forze dell'ordine spagnole impegnate a respingere gli immigrati. I quali si arrampicavano su una rete metallica, cercando di entrare in territorio iberico. Coloro i quali ce la facevano, bene, erano accolti. Coloro che si attardavano a scavalcarla venivano ributtati indietro dagli agenti con l'uso di bastoni o di un liquido micidiale al peperoncino. Un metodo barbarico, tale da suscitare disgusto. Che, se fosse adottato da noi italiani per frenare l'invasione degli extracomunitari, scatenerebbe una campagna internazionale - in (...)

(...) particolare europea - finalizzata a dipingerci come un popolo cinico e crudele, indegno di rimanere nella Ue.
Non vi sono dubbi: i nostri comportamenti sono sempre deplorati, anche se spendiamo un monte di denaro per raccattare in mare gommoni stracolmi di disperati, salvo poi non disporre di hotel a 5 stelle dove ospitare chi rischiava di naufragare: centinaia, che dico, migliaia di persone. Domanda: perché i nostri respingimenti (ormai sospesi per decreto), concordati con la Libia, erano crudeli, pertanto da proibirsi, mentre quelli spagnoli sono tollerati dalla Comunità europea?
E veniamo alla nota più dolente. Il fatto è stato già raccontato. Anni fa un giovane, Federico Aldrovandi, fu fermato dalla polizia in maniera che definire brusca è una presa in giro, tant'è che egli morì. Infarto? Asfissia? Non crediamo molto alle autopsie. Gli agenti, processati, hanno subìto una condanna relativamente mite: secondo i giudici, non volevano uccidere. Le reazioni alla sentenza sono state di due tipi: la madre del ragazzo e una quota di opinione pubblica si sono indignate e hanno protestato; la categoria dei poliziotti, durante un'assemblea sindacale, ha applaudito i colleghi per solidarietà. E giù polemiche asperrime.
A noi le violenze, più o meno volontarie, fanno orrore. Pertanto questa vicenda non la digeriamo. Tuttavia, segnaliamo che la polizia ogni dì affronta vari delinquenti, mascalzoni, teppisti e similari. È picchiata da chiunque in piazza, allo stadio, per strada. Moltissimi agenti vengono feriti, addirittura uccisi, quasi sempre sputacchiati, aggrediti dai No Tav e dalle masse di dimostranti. Inoltre sono malpagati e disprezzati. Se hanno un incidente con l'auto di servizio, devono pagare i danni, compresa la riparazione delle vetture. In caso di contenzioso sono obbligati a saldare la parcella dell'avvocato. Se risulta che hanno torto, vengono licenziati. Ciononostante non c'è un cane che stia dalla loro parte. E li chiamano sbirri. Anche questo è doppiopesismo. Inaccettabile.

segue a pagina 5

Commenti
Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Dom, 04/05/2014 - 08:35

Ringrazio Dott. Feltri per il suo articolo e concordo pienamente sul contenuto in esso espresso e credo che il Giornalista debba essere osservatore e talora propositore; oggi lo sappiamo fanno tutti politica e lei sembra essere equidistante. Se fosse vero ricordo il Nos. On. D'Alema che recatosi in Palestina andò a braccetto col bel tipo che durante le notti nuvolose o stellate manda confettini sulle case e gli Ospedali Israeliti mietendo morti e terrore; si diceva equidistanza. Nessuno pensa male ma da questa equidistanza che differenza ci sia ad andare a braccetto con un mafioso o un rappresentante della malavita organizzata; certo qualche Magistrato se trattasi di uomini della destra avrebbe imbastito un bel Processo per favoreggiamento o concorso esterno alla Mafia. Ma io so che per quanto riguarda l'Italia c'è un morbo che ha devastato veramente le menti di molta Gente e viene da molto lontano; da quel dannato 68' che da Noi è diventato un Mito ma è stata solo un'assciazioone a delinquere organizzata dai comunisti. Shalom

@ollel63

Dom, 04/05/2014 - 14:36

sono i sinistrati, bellezza, roba da pazzi sinistrati. Rassègnati.

Maurizio Fiorelli

Dom, 04/05/2014 - 17:29

Bravo signor Feltri,ottime analisi.

Ritratto di Y93

Y93

Dom, 04/05/2014 - 19:10

I PD (comunisti) sono come Cristoforo Colombo: partono senza sapere dove vanno. Quando arrivano non sanno dove sono. Tutto questo con i soldi degli altri.

moshe

Dom, 04/05/2014 - 20:40

Non molto tempo fa, Silvio Berlusconi fu iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Reggio Emilia per voto di scambio. A due giorni dagli esiti del voto, il Cavaliere incappò nell’ennesimo atto della magistratura per la galeotta lettera sul rimborso dell’Imu che fece gridare allo scandalo. ..... ..... ..... COME VOGLIAMO CHIAMARE LA ORMAI FAMOSA PROMESSA DEL RENZINO DEGLI 80 EURO IN BUSTA PAGA CHE PERO' FINORA NESSUNO HA ANCORA VISTO? io la chiamerei SCHIFEZZA SINISTRA !!!!! E questo è solo un esempio della vergognosa propaganda komunista, che a fronte di 80 euro promessi ma non ancora elargiti a nessuno, ha però già reso effettive molte tasse che servono a tale copertura, senza peraltro avere ridotto di un centesimo i vergognosi costi di parlamento, senato e quirinale !!!!!!!!!!

luciablini

Dom, 04/05/2014 - 21:19

FELTRI mio cugino ha detto che la vuole dare a lei la mancia...

magnum357

Dom, 04/05/2014 - 22:01

Quello che la destra faceva, era sempre da dileggiare ed ora quello che fa la sinistra è da osannare ? l'intento era lo stesso....

LANZI MAURIZIO ...

Dom, 04/05/2014 - 22:47

se ti sente la boldrini ti denuncia....e poi magari ti accusa di tortura morale per aver difeso i poliziotti.

stefano.colussi

Dom, 04/05/2014 - 23:01

Vittorio Feltri .. attenzione : lei scrive "..non c'è un cane che stia dalla loro parte.." ovvero dalla parte delle Forze dell'Ordine..nel '68 Pier Paolo Pasolini (comunista da sempre) ha sempre detto che Lui stava dalla parte delle Forze dell'Ordine contro dimostranti comunisti cosiddetti piccolo/borghesi .. e allora domanda : come la mettiamo ?? insomma nuova domanda : dove sono i cosiddetti comunisti ?? colussi, cervignano del friuli, udine, italy, eu (PS meno male che Silvio c'è)

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Lun, 05/05/2014 - 06:34

Sono d'accordo, però adesso basta di stare sempre a piagnucolare come bambini viziatelli. Già Dante, nella Divina Commedia, se lo fa dire da Virgilio: "Non ti curar di lor, ma guarda e passa!". Noi dobbiamo fare la nostra strada con decisione e tenacia, senza piagnistei, e vedrete che saranno "lor" a venirci dietro con rispetto. Volete un input? Facciamo in modo che l'Italia diventi sempre di più un dispensatore di know-how per il mondo intero: abbiamo dimostrato che sappiamo fare bene solo quello (...dalla lettera di Totò e Peppino alla "malafemmena": scusate se è poco!). Anzi, "italians do it better"!!!

rigadritto

Lun, 05/05/2014 - 07:43

Caro Feltri, ha ragione: esistono i doppiopesisti. Ma la stupirò: purtroppo esistono a sinistra come a destra, e se non lo ammettessimo saremmo "doppiopesisti sui doppiopesisti". E non me ne voglia, ma anche lei ha frequentato tale categoria, anzi ancora ne entra e ne esce passando da articoli obiettivi e di grande caratura giornalistica a pezzi ricchi di partigianeria (e doppiopesismo). E tanti suoi colleghi, autorevoli o meno, lo fanno. Anche il direttore Sallusti per esempio ha questo difettuccio. Ma il punto è che ottimisticamente, io credo invece che gli italiani siano invece nella loro grande maggioranza molto più obiettivi e liberi nel giudizio: sapevano giudicare a prescindere dalle categorie politiche quei provvedimenti ottimi di Berlusconi (la Social card ne è esempio) e lo votarono in massa, nonostante la campagna denigratoria e ricca di malafede della sinistra contro di lui. Ora faranno lo stesso con Renzi, stia tranquillo, giudicheranno i suoi tanto vituperati (dai doppiopesisti "destro-grillini") 80 euro e tutte le riforme – giuste, sbagliate, solo annunciate, utili o inutili - che sta proponendo. Se riuscirà sarà premiato, se fallirà toglierà il disturbo o comuqnue ne uscirà molto ridimensionato. Logico e democratico. Con buona pace della minoranza di italiani doppiopesisti che per la ideologizzazione del loro giudizio politico arrivano persino a far del male a se stessi. Saluti.