Giudici superficiali: la mancia a spanne

La giustizia italiana assomiglia sempre più a una slot machine. I risarcimenti non sono un conto economico, sono simboli, punizioni morali ed esemplari

Il resto? Mancia. La giustizia italiana assomiglia sempre più a una slot machine. I risarcimenti non sono un conto economico, una misura del presunto danno, sono simboli, moniti, punizioni morali ed esemplari.

Questo vale anche per il lodo Mondadori. Ce ne siamo resi conto una volta di più ieri, quando il Pg di Cassazione ha suggerito alla Suprema corte di applicare uno sconticino del 15% alla batosta che pesa sulla Fininvest. Il 15%, appunto. Come una mancia al cameriere. La requisitoria del procuratore è stata dura. Non ha messo in dubbio il danno economico che colpisce non un ricco signore, ma un'azienda centrale nel panorama italiano. Non ha pensato a chi ci lavora. Non ha paura di mettere in ginocchio un'impresa.

Qualcuno dirà che quel 15% è un gran risparmio, perché in ballo qui ci sono grandi numeri. Anche questo però fa pensare. In primo grado la sentenza è un botto stratosferico. La Fininvest deve pagare al gruppo di De Benedetti 749.995.611,93 di euro. Una cifra, comprese le virgole, difficile perfino da pronunciare. Ma quella cifra in realtà porta un messaggio ben preciso: il cattivo Berlusconi ha rovinato il povero De Benedetti.

Non solo. La Mondadori nelle mani del Cavaliere avrebbe anche cambiato il destino dell'Italia, perché con De Benedetti monopolista culturale, la «destra» non avrebbe mai vinto le elezioni. Quanto vale il destino dell'Italia? In appello i giudici tagliano 212 milioni e si arriva a 564,2 milioni di euro. Ma come fai a fidarti di giudici che rivedono i risarcimenti tanto al chilo? Tra il primo verdetto e la richiesta del Pg ballano quasi trecento milioni di euro, quasi seicento miliardi di lire. Come li fanno, allora, i conti? Spannometrici? E in tutto questo c'è parecchia gente che rischia di perdere il posto di lavoro. La risposta del tribunale è già scritta. Pazienza. La distruzione di Berlusconi vale il sacrificio.

Commenti

Libertà75

Ven, 28/06/2013 - 15:02

In Italia c'è gente che si suicida per 20mila euro, che volete che siano 560milioni? Ah Silvio vendi tutto e vai in Spagna, ti prendi una squadra di calcio e vivi felice

tiptap

Ven, 28/06/2013 - 15:13

Stupidità o malaffare? La stupidità è il prodotto della scuola comunista ed il malaffare è il prodotto dell'ideologia comunista. Il guaio è sempre il comunismo.

Rossana Rossi

Ven, 28/06/2013 - 15:41

Tutta questa vicenda è semplicemente VERGOGNOSA....de benedetti è senza peccato? Si perché è del pd...........

Cosean

Ven, 28/06/2013 - 16:03

@ tiptap Se scrivevi che la stupidità è un gelato al ciccolato era lo stesso! Almeno per quanto riguarda le tue analisi!

Lino1234

Ven, 28/06/2013 - 16:31

Ricordino le persone per bene che Berlusconi è entrato in politica per abbattere il comunismo in Italia. Chiunque abbia un minimo di informazione circa la dottrina comunista sa bene che i comunisti sono disposti a qualsiasi azione capace di distruggere i loro avversari, anzi nemici politici. Se è vero che due più due fanno quattro è altrettanto vero che la magistratura italiana è ideologizzata e saldamente in mano alla cultura comunista, che prevede, via gulag e peggio, la distruzione completa, quindi anche economica di chiunque la infastidisca, quindi massimamente, del nemico Berlusconi. Saluti. Lino - Forza Silvio, sei tutti noi più che mai

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 28/06/2013 - 16:51

comunisti sempre mafiosi! quando i guai toccano a loro, tutti si adoperano per rimuovere i guai, ma quando qualcuno si oppone a questi, ecco che i guai fioriscono: per chi si oppone! mafiosi senza principio e senza fine!

unosolo

Ven, 28/06/2013 - 17:00

poi dicono che la legge è uguale per tutti , le differenze confermano la veridicità. Personaggi di sx che svincolano in vari modi mentre per quelli di dx si incastrano anche se non c'entrano o non erano al corrente , anche vale, non poteva o poteva , sapere . I sessantottini sono insediati e si vendicano.

Marc0

Ven, 28/06/2013 - 17:03

Come se corrompere un giudice per farsi confezionere una sentenza favorevole fosse un peccatino veniale. Già è fortunato ad avere evitato la galera per prescrizione. Che paghi e la smetta di lagnarsi.

Ritratto di Il corvo

Il corvo

Ven, 28/06/2013 - 17:09

Se non si sa perchè c'è stata quella decurtazione è meglio astenersi dallo scrivere tanto per consumare la penna e dal commentare.

bruna.amorosi

Ven, 28/06/2013 - 17:20

CARO (SI FA PER DIRE ) DE BENEDETTI puoi contare su i tuoi kompagni di nero togati ma.NON SFUGGIRAI AL CASTIGO DI DIO tu sei cattivo e vedrai che la farina del diavolo finirà in crusca per te .quando i soldi non sono guadagnati non si arriverà a goderseli ....e tu non sei tanto vecchio ..

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 28/06/2013 - 17:33

Berlusconi non ha corrotto nessun giudice, né tantomeno altri soggetti! vi siete messi in testa cose che non esistono o che vi hanno fatto credere....

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 28/06/2013 - 17:58

E' semplicemente assurdo che i giudici possano disporre in questa maniera sia della vita dei singoli cittadini, che del loro onore, che dei loro patrimoni senza che ci si possa mettere becco. Nemmeno i Re assoluti avevano questo potere illimitato, dovevano quanto meno giustificare le loro azioni di fronte agli occhi del Mondo. Solo in Italia si è riuscito a creare una massa di singoli Re che possono praticamente tutto. Occorrono, innanzitutto, dei limiti a ciò che possono fare e alla quantità di quello che fanno, altrimenti altro che democrazia!

battistafesta

Ven, 28/06/2013 - 18:16

Invece tu, bruna.amorosi, trasudi bontà da tutti i pori, si evince chiaramente dalle tue parole.....Per cui, se tanto mi dà tanto, comincia a correre....

Marc0

Ven, 28/06/2013 - 18:18

No certo, Berlsuconi non ha corrotto nessuno. I soldi al giudice Metta erano un semplice attestato di stima...

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Ven, 28/06/2013 - 18:21

Libertà75 Ma voi comunisti non avete la misura della vergogna? MEDISETE e BERçISCPNI danno lavoro per oltre migliaia di posto di lavoro, non vi va bene? Volete vedere questi lavoratori dissoccupati? VERGOGNATEVI ALMENO UNA VOLTA

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Ven, 28/06/2013 - 19:33

giudici superficiali? anche. se uno ti da un cazzotto e poi ti denuncia perchè gli hai tirato un facciata alle nocche non solo rischi che si proceda contro di te ma che un pm chieda pure tu venga condannato...la scarsa professionalità di certe persone non è superficialità ma un affronto alla libertà di noi cittadini. e se trattano con tanta disinvoltura le cose più semplici non si comportano diversamente con quelle grandi.

Ritratto di Carlito Brigante

Carlito Brigante

Ven, 28/06/2013 - 19:49

E' una verità accertata che per prendersi la Mondadori è stato corrotto un giudice. La storia sarebbe potuta essere molto diversa. Purtroppo a distanza di più di venti anni ci vorrebbe la palla ci cristallo per sapere come sarebbe andata senza questo piccolo aiutino. Una volta accertata la corruzione la mancata opportunità va quantificata. Qualcuno qui saprebbe quantificarla meglio di questi giudici comunisti?

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Ven, 28/06/2013 - 19:58

Se la Mondadori la prendeva De Benedetti, visti i precedenti, dopo un anno era fallita.

nalegior63

Ven, 28/06/2013 - 20:55

TIPTAP analisi perfetta mai e poi mai accettata dai testa piena di segatura perche non possono ammettere di aver sbagliato da sempre di aver creduto a VANNA MARCHI di essere dei FESSI

g-perri

Ven, 28/06/2013 - 23:11

Quando si tratta di commentare un fatto che riguarda Silvio Berlusconi, una interminabile schiera di sapientoni (che in realtà sanno poco o niente e quel poco che sanno lo hanno sentito dire quindi lo ripetono come pappagalli) sfogano le proprie frustrazioni scrivendo baggianate e dimostrando così la pochezza di cui sono composti i loro cervelli. Adesso mettiamo alla prova la loro intelligenza ponendo loro un quesito sotto forma di "storiella paradossale" e vediamo se tali sapientoni sono capaci di riflettere. Dopo la riflessione, ammesso che ci riescano, vedremo cosa partorisce il loro cervello. La storiella paradossale è questa: """Il direttore di una banca denuncia una rapina, da parte di tre tizi che, entrati insieme in banca, compiono le stesse identiche operazioni di sportello. Essendo entrati in banca a viso scoperto risulta quindi sufficiente rivedere i filmati registrati per scoprire l'identità di tutti e tre. Tuttavia chi dirige le indagini ordina l'arresto di uno solo dei tre presunti rapinatori, ignorando completamente gli altri due. L'unico fermato dei tre nega di avere compiuto la rapina ma viene ugualmente arrestato e processato per rapina che, secondo chi dirige le indagini, la avrebbe compiuta per conto di un presunto mandante (noto al direttore di banca denunciante). In seguito il direttore di banca che aveva denunciato la rapina, si rivolge ai giudici per ottenere il risarcimento dei danni dal presunto mandante della presunta rapina. I giudici così dispongono che il presunto mandante della presunta rapina risarcisca al direttore denunciante una somma spropositatamente superiore al reale valore dell'intera banca rapinata. Ai suddetti sapientoni chiediamo di riflettere su questa paradossale storiella, cercando di individuare eventuali anomalie e, se ritengono che una storia simile possa essere effettivamente accaduta. Se riflettendo trovassero delle anomalie allora provino a sostituire il direttore denunciante con un tale "ingegnere"; i tre presunti rapinatori con "tre magistrati autori di una certa sentenza"; il presunto mandante con un tale "cavaliere". Dopo avere provveduto a sostituire come sopra i personaggi della suddetta storiella paradossale, rinnoviamo ai sapientoni l'invito a ripetere la riflessione come già fatto in precedenza. Al termine di questa seconda riflessione con i nuovi personaggi, le eventuali anomalie emerse e le perplessità risultano essere le stesse della prima riflessione? Riflettete sapientoni, riflettete!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 29/06/2013 - 01:17

E' più che urgente arrivare a riformare la giustizia. Però mi chiedo come sarà possibile impedire alle TOGHE ROSSE di proseguire nel loro scellerato progetto di rovinare Berlusconi sia sul piano economico che quello personale. CI SARANNO MAGISTRATI ONESTI O SONO TUTTI DEI VILI ACCETTANO QUESTO SCEMPIO ANTICOSTITUZIONALE?