MARCIA INDIETRO DI MOBDIIIl ministro marocchino: non so l'età di Ruby

«Non conosco la data di nascita di Ruby, non conosco Karima e non so quando ha incontrato Berlusconi, quindi non so se lei fosse maggiorenne o no». A «Un giorno da pecora» su Radio 2 Mohamed Mobdii, ministro della Funzione pubblica in Marocco, smentisce le notizie uscite anche sui giornali italiani. Nei giorni scorsi, secondo quanto riportato da un'intervista al quotidiano marocchino «Al Akhbar», aveva detto che Karima El Mahroug era maggiorenne quando, nel febbraio 2010, avrebbe avuto rapporti con l'ex premier Silvio Berlusconi.

Commenti
Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mer, 29/01/2014 - 09:08

Mannaggia,mannaggia!!!L'altro giorno quel titolone in prima pagina,l'esultanza,il trionfo,le conclusioni affrettatissime de il Giornali e dei tanti tifosi....ed oggi un trafiletto in basso,nascosto,come per vergogna,l'ennesima figuraccia su di una storia in cui ci si aggrappa a tutte le bufale pur di difendere quel combinaguai di un capo.Proprio ieri l'utente g.Zanandrea proclamava la messa in accusa per i giudici che avevano sbagliato sulla data di nascita.Aspettiamo fiduciosi un mea culpa per essersi fatto trasportare troppo dalla sua passione politica.

Giunone

Mer, 29/01/2014 - 10:32

X Agrippina---Egregia Signora, se lascia il suo fanatismo anti-B. di lato, capirà che la notizia non la inventò questa testata, ma uscì pubblicata in un giornale marocchino e che l'intervistato non è Ghedini ma un Ministro de idem marocchino. Tale notizia fu riportata in moltissimi siti stranieri. La sua republiketta di barba papà oggi oltre a smentire con più dettagli la vicenda, aggiunge che il tizio si tirò in dietro per "evitare problemi col re ed il governo". Le persone del suo simile non vogliono ammettere che l'accusa non regge in piede indipendentemente della età della ragazza.

Giunone

Mer, 29/01/2014 - 10:42

p.s. E' necessario ricordarle la ormai famosa frase atribuita a D'Alema tirata in ballo da "wikileaks" nel 2010: "la magistratura è la vera minaccia dell'Italia" si suppone il predetto la disse ad un diplomatico a stella e strisce, salvo poi D'Alema smentire pubblicamente. Capisco gli si trattava di parole qui si parla di documenti cosa solitamente molto più facile di acertare.