Al mare con Pirandello

Da Pirandello a Simenon, passando per Sun Tzu. Sono gli scrittori scelti dai politici che si preparano a trascorrere le vacanze in compagnia di un buon libro. Tra narrativa, poesie, testi scientifici e classici, la scelta è ampia, sempre con un occhio all'attualità, come l'europarlamentare Pdl Enzo Rivellini che mette in valigia L'uomo che sussurra ai potenti di Luigi Bisignani. Scorta di libri di Beppe Severgnini per la collega Pdl Lara Comi. Più pesante il tomo del capogruppo alla Camera M5S Riccardo Nuti, che sceglie un classico del pensiero confuciano: L'arte della guerra di Sun Tzu, in previsione di un autunno ricco di battaglie. La deputata pidiellina Laura Ravetto si affida a George Simenon, con la serie dell'ispettore Maigret. Marino Rabino, Scelta Civica, in vacanza si porta Inferno di Dan Brown e Dorina Bianchi (Pdl) opta per La mia 'ndrangheta di Rosy Canale. Ironico Francesco Laforgia (Pd) che leggerà Un giorno questo dolore ti sarà utile di Cameron, per «ricordare la complicata esperienza delle larghe intese». NaMur