La medicina non funziona

Paghiamo 50 miliardi per aiutare la Spagna ma il Pil e la Borsa calano e lo spread sale ancora. Allarme delle Ferrovie dello Stato: senza finanziamenti aboliremo i treni locali

Accadono cose bizzarre, incomprensi­bili. Il cittadino si alza la mattina, compra il giornale e scopre con racca­priccio che pagando più tasse si ridu­ce il cespite fiscale. E si domanda: perché non facciamo il contrario? Paghiamo meno tasse co­sicché lo Stato incasserà di più. Rispondono i professori: non si può. Perché? Perché no, l’Eu­ropa non vuole.

La mattina dopo lo stesso cittadino ricompra il giornale e ne scopre un’altra mica male: biso­gna aiutare la Spagna, altrimenti salta in aria l’Unione. Lui pensa: magari. Infatti, si dà il caso che la quota a carico del nostro Paese per il sud­detto salvataggio sia di circa 50 miliardi. E dove andiamo a raccattarli che siamo in bolletta? I tec­nici rassicurano: cari compatrioti, trattasi di sa­crificio utile, noi sganciamo volentieri denaro perché, se non ne sganciassimo, sarebbe peg­gio, crollerebbe l’Ue e usciremmo dall’euro.Di­scorso per noi profani senza senso, ma spaccia­to come teoria scientifica; pertanto, nessuno osa contestarlo nel timore di apparire ignorante e perfino antieuropeo.Già,l’Europa ha sostitui­to Garibaldi nella lista degli intoccabili, dei miti inviolabili.

La gente, tuttavia, sottovoce, parlando con gli amici esprime quantomeno delle perplessità. Come è possibile che noi si vada in soccorso del­la Spagna se siamo costretti ad aumentare l’Iva per non fallire? Non sarebbe più opportuno che ci tenessimo i 50 miliardi destinati a tappare i bu­chi delle banche iberiche piene di debiti? Dato che tutti i Paesi sono indebitati, facciamo una bella cosa: ciascuno di essi provveda al proprio portafogli, e che Dio ce la mandi buona. Casca l’impalcatura comunitaria? Va a farsi benedire la moneta unica? Pazienza, ce ne faremo una ra­gione. Se non altro saremo padroni in casa no­stra e, se ci rotoleremo nel fango, rimproverere­mo noi stessi e non Angela Merkel, la quale, in fondo, si fa gli affari suoi e non ha mica torto.

Questa faccenda dell’euro è un rebus. Ci è costato entrarci, ci è costato da pazzi rimanerci e ci costerebbe ancor di più uscirne? Come il matrimonio: spendi per celebrarlo, spendi per mantener­lo e, se divorzi, sei rovinato, però riconquisti la tua libertà, fosse anche solo quella di fuggire. Tra l’altro, si dice che la Spagna ab­bia bisogno di una cifra superio­re a 300 miliardi complessivi. Se fosse vero, significherebbe che tra qualche mese essa bussereb­be di nuovo a soldi.

Ci stiamo intorcinando. La Bce ha prestato una valanga di miliardi anche alle banche italia­ne, che li hanno usati allo scopo di comperare Bot per tampona­re il rischio default dello Stato; e gli imprenditori continuano ad avere difficoltà di credito. Ades­so dobbiamo versare 50 miliardi per dare ossigeno a Madrid. Scu­sate, ma non ci siamo cacciati nella classica situazione del ca­ne che si morde la coda?

Il governo Monti ha delle solu­zioni un po’ più brillanti di quel­le fasulle adottate finora? Non sarà che è considerato zero nel­le alte sfere europee, le quali pre­tendono da noi ciò che non ab­biamo? Ridursi al ruolo di grega­ri, di sudditi di Bruxelles non è neppure dignitoso. È troppo au­spicare un soprassalto di orgo­glio dei nostri luminari? Corag­gio, rimettiamoci inproprio:sof­friremo un po’, ma almeno sare­mo responsabili e autonomi, non più ossessionati dallo spread (salito a livelli folli) e dal­la Borsa (giù a picco, nonostan­te tutto). Dobbiamo crepare? Ri­cordiamo che è preferibile mori­re in piedi che tirare a campare in ginocchio.

Commenti

curatola

Mar, 12/06/2012 - 18:59

i peggiori leghisti ed i loro detrattori credono che il federalismo sia indipendentismo,secessione mentre é autonomismo,responsabilità e solidarietà nel rispetto della sussidiarietà. Lo stesso vale per l' europa;del resto stanti gli attuali nazionalismi é impensabile un'unione all'americana e non vorrei si ricadesse in un'unione tipo urss con il paese guida (la germania). Facile vantarsi del walfare sostenendolo con soldi che non esistono e bilanci sistematicamente in profondo rosso. Il nostro é uno strano paese che si é sviluppato grazie all'intraprendenza individuale che supporta uno stato spendaccione e inefficiente occupato da partiti sinistri che lo sostengono col voto degli impiegati pubblici e degli operai delle imprese parastatali: un corto circuito bello e buono.

curatola

Mar, 12/06/2012 - 18:59

i peggiori leghisti ed i loro detrattori credono che il federalismo sia indipendentismo,secessione mentre é autonomismo,responsabilità e solidarietà nel rispetto della sussidiarietà. Lo stesso vale per l' europa;del resto stanti gli attuali nazionalismi é impensabile un'unione all'americana e non vorrei si ricadesse in un'unione tipo urss con il paese guida (la germania). Facile vantarsi del walfare sostenendolo con soldi che non esistono e bilanci sistematicamente in profondo rosso. Il nostro é uno strano paese che si é sviluppato grazie all'intraprendenza individuale che supporta uno stato spendaccione e inefficiente occupato da partiti sinistri che lo sostengono col voto degli impiegati pubblici e degli operai delle imprese parastatali: un corto circuito bello e buono.

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Mar, 12/06/2012 - 20:57

Quale medicina ? Le medicine sarebbero state: 1) liberalizzazione di TUTTE le professioni 2) liberalizzazione dei contratti di lavoro 3) riduzione dei costi dell'apparato statale ad un livello sostenibile con taglio delle strutture (province, enti ecc.) e riduzione di parlamentari e dipendenti 4) eliminazione dell'8 per mille e di qualunque finanziamento pubblico a scuole confessionali e partiti politici 5) ricalcolo di tutte le pensioni in essere in base ai contributi EFFETTIVAMENTE versati 6) definizione di un tetto massimo di 80.000 Euro/annui nelle retribuzioni dei dirigenti statali Le ha forse applicate ? Non me ne sono accorto.

tiptap

Mar, 12/06/2012 - 20:59

Feltri, sei un grande. Siamo tutti a fare questi discorsi, ma allora (c....) chi o cosa può dare la sveglia ai nostri luminari della politica? E chi o cosa (e quanto) ci vuole per dare la sveglia agli italiani? Ci siamo fatti scippare il Berlusca e adesso vediamo i riusultati. E c'è sempre chi non lo vuole capire. Come dice il saggio, non c'è gusto a tagliarsi qualcosa per far dispetto alla moglie... il dispetto non paga.

enio rossi

Mar, 12/06/2012 - 21:05

Non c'è nulla da fare. L'Italia è in mano al potere catto-comunista che impedisce ed impedirà qualsiasi riforma VERA (il NYT definiva le riforme italiane windows dressed, ed aveva ragione). Quindi meglio accettare di doversene andare da un'europa alla quale non siamo in gradi di stare alla pari. E cercare di attrezzarsi per far fronte a questa situazione. Non siamo in grado di riformare il lavoro perchè la sin e Napo non vogliono. L'abolizione delle province non si fa perchè qualcuno non vuole. La spesa dello stato non si riduce pechè la Consulta non vuole. Non possiamo salvare l'Italia a forza di tasse che deprimono il mercato o limando le pensioni. Non facciamoci prendere in giro dai nominati dalla sin e dalle banche! Non vi sembra che sia questa la ragione per cui cresce Grillo ed a ragione?

ABU NAWAS

Mar, 12/06/2012 - 22:01

ARRIDATECI BERLUSCONI! E andiamo alle elezioni subito, con la legge elettorale vigente, Senza l'imbarazzo di Fini il PDL avrà una maggioranza più ampia di prima, e potrà cosi attuare le riforme di cui l'Italia ha urgentemente bisogno,

Ritratto di unLuca

unLuca

Mar, 12/06/2012 - 22:04

Mai vista tanta supponenza unita ad una sì scarsa competenza. Oltretutto amalgamate da smisurata presunzione.

umberto schenato

Mar, 12/06/2012 - 22:39

Mi voglio ripetere. predominante nell'economia e' il morale della gente che spende. Chi affossa questo e' colpevole. I giornalisti sono coloro che stabiliscono il morale. E in questo ex mio giornale non si e' fatto altro che attaccare Monti. Chi ci ha messi con duemila miliardi di debiti????? Attaccate quelli e dategli un po' di respiro. Questi sono la crema della sapienza del nostro paese nel campo. Non deprimete la gente. Fornite speranze. Non abbiamo migliori da mettere sul palco.Non distruggete. L'economia e' con la filosofia, estremamente imperfetta. Cio' anche perche' e' anche nelle mani dei giornalisti.

ABU NAWAS

Mar, 12/06/2012 - 22:53

PAROLE SANTE!! Ma quand'è ch verrà staccata la spina a questo Governo di.....

pincio

Mar, 12/06/2012 - 23:49

Scrivi qui il tuo commento

umberto schenato

Mar, 12/06/2012 - 23:53

1Curatola Sono d'accordo con lei intutte le sue affermazioni. L'opinione mia supplementare e' che non possiamo e non dobbiamo tornare indietro buttando in campo inyernazionale, tutto all'aria. In alternativa caddremmo nella schiavitu' del dollaro stampato dagli stati uniti , e cioe' carta in cambio di beni reali. L'euro dobbiamo tenercelo e salvarlo anche a costo di gravi sacrifici. Un saluto

umberto schenato

Mer, 13/06/2012 - 00:13

La medicina funzionera' se i giornalisti immettessero un po' di buon morale in tutti. Non speranza meridionale ma forza e decisione. Questa e' forse la prima volta che non sono d'accordo con il Sig. Feltri.

umberto schenato

Mer, 13/06/2012 - 00:11

PREGO RISPONDERE!!!!!!!!!!!! chi ci ha messo addosso 2 000 miliardi di debiti??????????? prendetevela con questi non con chi sta cercando di tirarci fuori dalla m..da.

odontomattia

Mer, 13/06/2012 - 00:24

Finalmente un editoriale con le palle..e ne vogliamo altri cosí! Fuori l'incompetenza dall'Italia..fuori Monti!

Ritratto di romy

romy

Mer, 13/06/2012 - 00:29

#5 ABU NAWAS convengo,ARRIDATECI BERLUSCONI,anche i bambini l'hanno capito,ma non si puo' fare,purtroppo,fino a quando saremo in Europa,da cui ci conviene uscire al più presto,anche questo l'hanno capito anche i bambini,ma i grandi no.

voce.nel.deserto

Mer, 13/06/2012 - 05:12

Il Premier Berlusconi disse che era necessario abbassare la pressione fiscale per diminuire correlativamente la propensione all'evasione.Guarda un po' aveva ragione da vendere. Poi mi sembra elementare che l'Europa deve servire i popoli e non viceversa.Non possiamo fare del continente un grande lager ,governato dalla grande Germania e per i suoi esclusivi interessi.Non era questo il disegno di Adenauer,De Gasperi,Schuman etc. Questa non e' una federazione ma un pasticcio trainato da una moneta comune,esposto alle correnti speculative di tutto il mondo e germaniche in particolare che se ne avvantaggia,pare.Diamo a Monti qualche altro mese .Gli faccio tanti auguri.Ma se non combina niente in Europa meglio cambiare registro.Vogliamo una Europa di eguali e non di yes-man asserviti e fregati vuoi per le quote latte,vuoi per le quote tonno etc. Passiamo semmai al dollaro:ci hanno pensato?

massimo canistrà

Mer, 13/06/2012 - 07:37

La colpa del nostro disastro economico è Napolitano e la casta che egli rappresenta. Dopo ogni sorta di soppruso hanno madato via Il Berlusca per incompetenza e loro sono meno di nulla. Berlusconi avrebbe negoziato loro fanno soldi ancora con tangenti al pari e al peggio degli altri. Scalfaro, Ciampi, Prodi e Napolitano sono stati la nostra rovina e osano ancora parlare. Napolitano deve dimettersi.Il Governo Monti è illegittimo. Il Governo Monti e Napolitano devono dimettersi, non sono stati eletti dal popolo.

massimo canistrà

Mer, 13/06/2012 - 07:51

D'alema, Fassino, Prodi, scalfaro, Ciampi, Napoliatno, Monti sono peggio di Berlusconi..!