Merola dietro la lavagna bocciato dai compagni

Si moltiplicano gli artisti e i politici che appoggiano il referendum per chiedere al sindaco Pd di Bologna, Virginio Merola, di non erogare fondi alle scuole materne private. In vista del voto del 26 maggio, è già arrivato il sostegno ai referendari di Margherita Hack, Moni Ovadia, Valerio Mastandrea, Sabina Guzzanti, Ivano Marescotti, Wu Ming. Nelle ultime ore si è aggiunto Fausto Bertinotti, Carlo Freccero, Giulietto Chiesa, Daniele Silvestri, tutti «a difesa della scuola pubblica». «Forse i marziani non lo sanno, ma Bologna è un avamposto della scuola pubblica», sbotta il coordinatore della giunta Merola, Matteo Lepore.